Prosegue il tour di Vita da Turista lungo i mercatini di Natale in tutta Italia (e non solo). Dopo aver visto le migliori attrazioni di Trentino Alto Adige, Lombardia, Roma e Campania ci spostiamo quest'oggi in Toscana, per scoprire l'offerta natalizia del capoluogo Firenze e non solo, in un viaggio tra arte, storia e tradizioni natalizie che non potrà non lasciare incantati grandi e piccini.

 

 

Firenze

Cominciamo proprio da Firenze, e precisamente dal Natale in Fortezza, che si terrà presso la Fortezza da Basso dall'11 al 14 dicembre 2014. Si tratterà di una mostra-mercato del Natale, con intrattenimento specifico per i bambini (affidabili in una zona dedicata e sicura) e ampie zone espositive con artigianato locale e internazionale, gastronomia per tutti i gusti e un vasto ventaglio di proposte e idee regalo per tutte le tasche. In Piazza Santa Croce, spazio al Weihnachtsmarkt, il tradizionale mercato tedesco che si rinnova per il 14esimo anno consecutivo, e nel quale i visitatori possono scoprire le bellissime tradizioni germaniche del Natale. La solidarietà e la beneficenza si incontrano negli appuntamenti di Amarti Onlus, il 4 e 5 dicembre nella zona di Lungarno Generale Dalla Chiesa, e di Aspettando il Natale, organizzato dalla Croce Rossa Italiana.

 

Siena

Appuntamento più storico che natalizio, ma dal grande impatto, con il Mercatino medievale di Siena, che sabato 15 e domenica 16 dicembre prossimo popolerà la bellissima Piazza del Campo con ben 160 banchi, tutti in tema antico, dedicati al mondo del Medioevo, alla vendita di prodotti realizzati a mano, ma anche all'artigianato locale (spade, coltelli, intagli in legno e così via) e alla buona cucina senese, mentre saranno possibili visite guidate e percorsi culturali lungo le strade e le piazze più belle della "Città del Palio".

 

Pistoia e Pisa

Dal 19 al 22 dicembre, la Cattedrale ex Breda di Pistoia ospiterà la Fabbrica di Babbo Natale, un appuntamento imperdibile per tutta la famiglia. I bambini, infatti, potranno divertirsi insieme agli aiutanti di Santa Claus nel realizzare con le loro mani giochi e prodotti da regalare a mamma e papà, che nel frattempo si rilasseranno tra banchi di artigianato, decorazioni e tanto altro ancora. Bellissime le scenografie, dalla casa di Babbo Natale alla mega palla di neve, nella quale farsi una foto ricordo, financo allo stand di Peppa Pig, il nuovo must tra i bambini. Lo stesso appuntamento, ma con maggiore attenzione ai giochi gonfiabili e al divertimento, sarà offerto a Pisa, presso la Stazione Leopolda.

 

Viareggio

A Piazza Mazzini e presso Villa Borbone, a Viareggio, il mercatino di Natale proseguirà fino agli inizi di gennaio 2015, e sarà incentrato su appuntamenti di cultura e gastronomia. Presentazioni di libri, caffè letterari, ma anche i classici appuntamenti del Natale, le bevande calde e i dolci tipici, per concludere, sabato 13 dicembre, con una sfilata di abiti vintage (che, chissà, ispireranno qualche regalo a sorpresa!).

 

I Mercatini di Natale 2014 in Trentino Alto Adige aprono tra qualche settimana all'insegna della meravigliosa tradizione natalizia che, in luoghi così magici, tra vette alpine e prime nevicate, assume un sapore tutto diverso! D'altra parte lo scenario fiabesco di questi posti è perfetto per ospitare quelli che in tedesco vengono chiamati i Weihnachtsmarkt.

Tante le opportunità e i percorsi da seguire, alla scoperta di un Trentino Alto Adige che si veste a festa per accogliere famiglie, comitive di turisti e viaggiatori singoli provenienti da ogni parte d'Italia e non solo, alla ricerca di un regalo curioso, magari tra le creazioni artigianali del luogo, oppure di una vacanza pre o post natalizia, all'insegna della bellezza e dell'accoglienza.

 

 

Mercatini di Natale Bolzano

Nel capoluogo della provincia autonoma di Bolzano, dove è molto forte la tradizione tirolese e anche l'artigianato alpino legato all'Austria e alla Germania, i mercatini sono un'occasione per rendere la città ancor più bella e facile da visitare. In Piazza Walther, ad esempio, i mercatini verranno inaugurati il 28 novembre prossimo, e proseguiranno per tutti i giorni, ininterrottamente, fino al 23 dicembre, giusto al ridosso del Natale, e saranno i mercatini di Natale tradizionali, con tanti espositori di merce di ogni tipo, e numerosi stand gastronomici per tutti i gusti. In Piazza Municipio, invece, si terrà dal 5 al 23 dicembre la Rassegna Mercato Artistico Alternativo, una iniziativa nata negli anni '70 e che ha permesso a tanti artisti provenienti da ogni regione d'Italia di esporre, e mettere in vendita, le proprie opere pittoriche, scultoree e di ogni tipo, acquisendo così visibilità e regalando ai turisti una visita innovativa e curiosa al contempo.

 

Mercatini di Natale Trento

Dal 22 novembre e fino al 6 gennaio 2015 saranno le eleganti destination di Piazza Fiera e Piazza Cesare Battisti a ospitare i banchi dei Mercatini di Natale di Trento, tra i più importanti della regione e della zona alpina. A differenza di Bolzano, Trento si contraddistingue per una maggiore attenzione alla ricchissima arte gastronomica della regione, che va dalla polenta alle carni, fino ai dolci tradizionali natalizi e alle bevande del Natale, come il vin brulè e la cioccolata calda. Tante anche le attività correlate, come la visita a Tridentum, la città sotterranea di Trento e i Concerti natalizi del coro Paganella di Terlago, che si terranno il 4, 8, 13 e 23 dicembre, in corrispondenza dei giorni di maggiore affluenza dei visitatori. Durante i restanti giorni, poi, Trento offrirà visite guidate alla bellissima Città Vecchia, con percorsi ben segnalati, e destinati in particolare ai turisti che raggiungono i mercatini di Natale attraverso gli autobus e i mezzi pubblici in generale.

 

Mercatini di Natale Merano

Merano si illumina e si fa ancor più bella per ospitare i Mercatini di Natale 2014, che riempiranno le strade e le piazze della cittadina altoatesina dal 28 novembre al 6 gennaio 2015. In questo luogo magico, dalle dimensioni più contenute rispetto ai due capoluoghi, l'accento viene posto sulla convivialità e la familiarità che il Natale porta in ciascuno di noi, sulle tradizioni gastronomiche e su tutte quelle idee, oggettistiche e decorazioni che vengono solitamente poste in essere in casa e nel vicinato, per rendere il proprio Natale più bello e interessante. Il Green Event di Merano, che quest'anno punta sulla sostenibilità ambientale, è inoltre integrato dalla presenza di artisti di respiro internazionale, come Renzo Arbore e Patty Pravo, ma anche Alessandro Bergonzoni e Nancy Brilli, che si esibiranno nelle giornate di maggiore presenza del pubblico, ovvero il sabato e la domenica, l'8 e il 23 dicembre.

 

Mercatini di Natale Bressanone

L'Avvento è raccoglimento e famiglia, un periodo dell'anno nel quale il sentimento religioso e quello prettamente popolare trovano un punto d'incontro, e si riuniscono anche in tradizioni più "materiali", come appunto l'acquisto dei regali, il consumo di cibi particolari e via dicendo. I Mercatini di Natale di Bressanone si ispirano a questo lato "filosofico" del Natale per offrire un'esperienza che, negli anni, ha portato sempre più persone a scegliere questa meta, una delle più settentrionali d'Italia (ma tra le più meridionale della regione storica del Tirolo) per trascorrere uno o più giorni in completo relax, passeggiando tra le strade illuminate e le bancarelle che offrono ogni sorta di idea per una strenna di successo. Dal 28 novembre al 6 gennaio 2015, con l'inaugurazione prevista nella magnifica cornice di Piazza Duomo, Bressanone sarà dunque la meta migliore per gli amanti di tradizione, gastronomia tipica e serenità.

film di Natale sono il vostro passatempo preferito tra una tavola imbandita e l'altra? Non potete fare a meno della vostra dose annuale di "Miracolo sulla 34esima Strada" e "Mamma ho perso l'aereo", che vengono trasmessi con cadenza talmente regolare da essere programmabili con un anno di anticipo? Beh, forse è giunta l'ora di fare un passo in più.

Alcune agenzie immobiliari statunitensi e britanniche hanno lanciato un'idea curiosa e divertente: affittare le location dei film più famosi per famiglie, gruppi di amici e singole persone che abbiano in mente di dormire e festeggiare in uno dei luoghi nei quali sono stati girate le pellicole natalizie, alcune delle quali già citate nel paragrafo precedente.

 

 

Il sito Homeaway ha già messo a disposizione dei propri utenti/clienti una serie di offerte piuttosto interessanti, che peraltro stupiscono per l'economicità, in rapporto alla fama che questi luoghi si sono guadagnati nel tempo. Si parte proprio da Mamma ho perso l'aereo, il campione d'incassi del 1990 con protagonista il giovanissimo Macaulay Culkin. L'abitazione - sette camere da letto, cinque bagni e ampio giardino - si trova a Chicago, nell'Illinois, e viene proposta a 741 euro al giorno, ma può ospitare ben 24 persone (30 euro circa a persona).

La vita è meravigliosa, successo del 1946 diretto da Frank Capra, venne girato a San Francisco, in una elegante palazzina vittoriana che nella trasposizione cinematografica si trova a Bedford Falls, paese immaginario. In questo caso, parliamo di quattro camere disposte su una superficie complessiva di 518 metri quadrati, per 360 euro al giorno (45 euro al giorno).

Per chi voglia invece optare per una vacanza natalizia nel Regno Unito, ecco l'abitazione nella quale è stato girato il recente A Christmas Carol, rendering cinematografico della fiaba di Charles Dickens del XIX secolo. Si tratta di una bellissima abitazione arredata in stile ottocentesco, a poca distanza da King's Cross, in pieno centro città a Londra. La posizione, e l'ottimo stato della casa, la rendono decisamente meno economica (390 euro per 4 persone, quasi 100 euro a persona al giorno), ma "once in a lifetime" si può provare un'esperienza come questa, o no?

 

Natale, tempo di regali, da fare e da ricevere (per fortuna!). Per comprare qualcosa di originale, l'ideale sarebbe andare a Copenaghen, dove si trovano dei cadeaux davvero imperdibili. Sì, perché la capitale danese è anche una delle capitali europee del design. Non solo Sirenetta, insomma (a proposito, sapete che quella stata è stata rubata più di una volta?).

È ufficialmente iniziato il countdown natalizio; manca un mese e mezzo e da oggi al 25 dicembre il calendario scorrerà più veloce che mai. Le cose da fare sono tante e molte sono legate a un minimo comune denominatore: comprare i regali, tanti regali! Certo, sarebbe più facile se fossimo a Copenaghen. La capitale della Danimarca, così come tutta la nazione scandinava, punta molto sul design e sui complementi d'arredo. Difficile capire come si sia sviluppata questa "passione" il motivo, forse è solo una questione di destino. Fatto sta che proprio in Danimarca sono nati e operano alcuni dei più validi artisti del settore.

 

 

Opere da ammirare, volumi dalle linee futuristiche e dal sicuro impatto, create da architetti come Hans J. Wegner, il guru mondiale delle sedie d’autore ce neanche Ikea riesce a copiare, oppure Arne Jacobsen, altro demiurgo del “sedere bene”, creatore della famosissima sedia a "uovo". Per il versante "artistico", la tappa imperidibile è il Copenhagen Design Museum, vero e proprio tempo del design, dove potrete fare un ripasso veloce di tutto quello che non sapete e avreste voluto sapere.

Ma fin dall'inizio parliamo di regali. Non possiamo mica regalare un "pezzo da museo"! Certo che no. Per fare acquisti c'è Strøget, la via dello shopping, dove potrete scegliere tra le marche più note. Le tappe irrinunciabili sono due: i grandi magazzini Illum e Magasin, dove troverete i regali più belli e originali perché il vostro Natale sia davvero chic!

Tempo di Natale, tempo di regali. Cosa vorreste far trovare sotto l’albero? Sciarpe, candele e cinte sono robe ormai da anni ’90. Guardatevi intorno: i vostri amici sono molto più viaggiatori di quanto pensiate.

Crisi o meno, nessuno rinuncia a un weekend mordi e fuggi, anche dietro casa. Dall’oggetto utile da esser portato in vacanza (magari quel dettaglio indispensabile che ogni volta che si fa la valigia ci si rammarica di non aver comprato), oppure una vera e propria esperienza, oggi vi proponiamo un piccolo vademecum dei regali per tutti i travel addicted.

 

 

In treno nel bianco

Vogliamo iniziare con un po’ di romanticismo. La neve, i maglionicini in lana, un treno rosso che corre. Con soli 79 euro, potrete viaggiare sul Bernina Express con la vostra dolce metà. Di cosa stiamo parlando? Un tour che parte da Tirano e arriva a Saint Morritz, attraversando un paesaggio montano da fiaba, considerato non a torto patrimonio dell’Unesco. 61 chilometri di coccole ad alta quota, con pranzo a bordo.

 

Il trova-bagaglio

Finite le attese in aeroporto, con l’ansia che la vostra valigia possa esser spedita a Manila invece che a Milano. Arriva il Trakdot, un interessante gadget tecnologico che con "soli" 110 euro vi permetterà di tenere tutto sotto controllo, grazie a un gps integrato, e di recuperare più rapidamente il vostro bagaglio preferito.

 

Un volo in mongolfiera

Ci piace sognare, ormai l’avrete capito. Forse un po’ costoso (dai 250 ai 750 euro), ma volete mettere l’ebrezza di volare sulle Dolomiti rosa a bordo di un pallone aerostatico colorato, con magari una bottiglia di champagne a farvi compagnia, e aiutarvi anche a sconfiggere le vertigini? Partenze da Dobbiaco e dalla Val Pusteria.

 

Caricabatterie solare

Stanchi e affannati dalla ormai cronica mancanza di elettricità che permette di mantenere vivo il vostro mondo multimediale? Niente paura. Con soli 15 euro arriva questa soluzione definitiva; addio prese, addio smarthphone morti.

 

Viaggiare comodi

Per chi è eternamente indeciso e non stacca mai, Lonely Planet propone una guida rapida con film, musiche, e libri che vi faranno viaggiare prima di tutto con la mente. Il viaggio è nella testa; non sappiamo quale scrittore famoso lo abbia mai detto, ma ci piace ricordarlo.

Chi dice Natale, dice presepi e luminarie. E quale regione meglio della Campania riesce a declinare queste due tradizioni secolari in maniera straordinaria? I presepi di San Gregorio Armeno sono un grande classico natalizio (anche se la "strada dei pastori" è aperta tutto l'anno) mentre da qualche anno la vicina Salerno è un punto di riferimento per tutti gli amanti delle luci di Natale, con la manifestazione "Luci d'Artista".

Napoli contro Salerno, allora. Anzi, Napoli e Salerno, visto che le due città distano una cinquantina di chilometri e possono tranquillamente far parte della stessa gita. Di giorno si passeggia nel centro storico di Napoli, alla scoperta dei pastori dell'anno e la sera, con il buio, ci si sposta a Salerno e ci si lascia affascinare dalle luci.

 

 

 

Che ne dite? Seguiteci!

 

San Gregorio Armeno, la Patria del presepe (tradizionale e non)

Andare a Napoli e non fare una passeggiata tra gli stretti vicoli di San Gregorio Armeno è un po' come non visitare il Colosseo a Roma, oppure non mangiare il fish&chips a Londra. Questa zona della città, posta in posizione rientrante rispetto agli sfavillanti panorami di Chiaia e Posillipo, raccoglie la tradizione e il folklore che sono tipici della popolazione partenopea, in un costante flusso di visitatori e locali che spesso, nel giorno dell'Immacolata e nelle domeniche prossime al Natale, può risultare quasi "asfissiante" per la folla presente, ma che in fondo costituisce la bellezza intrinseca del luogo. A San Gregorio Armeno, lo scorso 8 novembre, il sindaco Luigi De Magistris ha dato il via all'accensione delle Luminarie, che faranno risplendere questa zona e Via dei Tribunali fino al 6 gennaio 2015, e che dal prossimo fine settimana saranno integrate dal mercato natalizio tradiizonale. Tra una bottega e l'altra che vi offrirà statuine tradizionali della Sacra Famiglia e profane dei vari calciatori, politici e attori di turno (come rinunciare a mettere nel proprio presepe l'immagine di Renzi o di Belen Rodriguez, del resto?), fermatevi a gustare un trancio di pizza margherita, un babà o un caffè, e assaporate quella convivialità e quell'accoglienza che fa di Napoli una meta per tutti i gusti e per tutte le stagioni.

 

Luci d'Artista, Salerno si fa (ancor più) bella

Si sono accese venerdì 7 novembre, alla presenza del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, le Luci d'artista della città, la maggiore attrazione salernitana durante il periodo di Natale. Il tema scelto per quest'anno (la kermesse si concluderà, a onor del vero, a fine gennaio 2015) è L'Aurora Boreale - Sole, fiabe e nevi, a voler dipingere la tavolozza cittadina con i colori delle grandi favole per bambini e ragazzi, un mondo di luci e colori, di suoni e bagliori luminosi che distolgano lo sguardo dal periodo buio e difficile e gettino una luce di speranza per l'anno che verrà. Le Luci d'artista di Salerno impongono modifiche anche significative, durante i mesi di novembre, dicembre e gennaio, alla mobilità interna alla città, pubblica e privata, ma al contempo lasciano maggiore spazio e libertà al visitatore, che può passeggiare per le strade, le piazze e i quartieri e lasciare che figure di angeli, alberi, archi e caravelle seducano lo sguardo e illuminino la mente. In particolare, la mostra di luci si divide in quattro macro-zone: Villa comunale, con la tematica Cenerentola e Peter Pan (per bambini); Via e Piazza Duomo, dedicati agli Angeli e alle nebulose;  Corso Vittorio Emanuele, dedicato all'Aurora boreale e dotato di effetti speciali; Piazza Mons.Grasso, infine, con i Cristalli di ghiaccio e l'Orsa tra i ghiacci.

Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca

Dopo aver viaggiato lungo l'offerta natalizia della Toscana, oggi vogliamo dedicarci a scoprire cosa l'Emilia Romagna, e in particolare il suo capoluogo Bologna, propongono a turisti e residenti locali per il periodo dell'Avvento, tra mercatini e fiere che segnano l'avvicinamento al Natale.

 

 

Bologna

Si tiene a Bologna, lungo quella Strada Maggiore fulcro della vita cittadina, la tradizionale Fiera di Santa Lucia, che proseguirà tutti i giorni fino al 26 dicembre, festa di Santo Stefano. Dalle 9 alle 20.30, i visitatori potranno immergersi nella grande offerta della più grande Fiera d'Europa, un appuntamento imperdibile nel quale gastronomia, tradizione e artigianato si mescolano per donare alla bella "Dotta" il suo vestito migliore. Allo stesso modo, è da vedere la Fiera di Natale di Via Altabella, che rimarrà aperta negli stessi orari ma fino al 6 gennaio, e nella quale sarà possibile ammirare e acquistare tanti prodotti di tutti i tipi.

Nella provincia bolognese, spazio all'appuntamento con Al Nadel 'd Zola, la Fiera del Natale che il 13-14 e 21 dicembre illuminerà stradine e piazze di Zola Predosa. Qui, tra una bancarella di artigianato e uno spazio gastronomico, sarà possibile scoprire bellezze e attrazioni del comune, tra le quali la Biblioteca pubblica, il Museo del Passato (dedicato alla riscoperta dei mestieri tradizionali e della lavorazione della canapa) e i numerosi spettacoli messi in scena per i visitatori.

 

Rimini

Ci spostiamo a Rimini, dove certo il Natale in riva al mare ha tutto un altro sapore, ma anche qui le tradizioni non possono non essere rispettate. Ecco dunque che tra gli appuntamenti imperdibili ci sono i mercatini dell'artigianato di Via Castelfidardo, che si terranno nelle tre domeniche antecedenti il Natale (7, 14 e 21 dicembre) mentre tutto il centro storico, dal 1 dicembre e fino al 6 gennaio 2015, si trasformerà in un grande palcoscenico del Natale a cielo aperto, dove ogni strada e piazza offriranno idee, spunti e addobbi differenti, tutti da scoprire.

 

Ferrara

Proposta ampia e di sicuro effetto anche quella del comune di Ferrara, che dal 30 novembre al 6 gennaio, nella splendida cornice della Piazza Municipale, si vestirà a festa con tante attività tutte da scoprire, mercatini insoliti e curiosi, ma anche tanta buona cucina e bevande, spettacoli e attrazioni per i bambini (e gli adulti) in una cornice turistica di grande interesse.

 

 

Parma e provincia

Concludiamo la nostra carrellata con un piccolo paese del parmense, Borgo Val di Taro, che nel primo weekend festivo di dicembre si trasformerà in una sorta di presepe vivente. Qui, infatti, l'arrivo del Natale sarà celebrato con una ricchissima mostra di artigianato, eventi di ogni tipo (tra i quali i cori e le musiche dei Gruppi Alpini) e il celebre Festival della Spongata, un dolce natalizio tradizionale dell'Emilia centrale fatto di marmellata, pinoli, mandorle e frutta candita inseriti in un delicato impasto di pasta brisèe. Insomma, golosi e amanti del Natale, è giunto il vostro momento!

I Mercatini di Natale 2014 in Lombardia seguono la pregevole tradizione molto attiva in Trentino Alto Adige, e si arricchiscono di una dimensione "urbana e metropolitana" che li rende sicuramente maggiormente accessibili e accomunabili a sedute di shopping tradizionale, o comunque più facilmente raqgiungibili da chi vive in città e non vuole, o non può, spostarsi molto. La più grande regione d'Italia non sfigura certo al paragone delle sue colleghe settentrionali, e propone un programma e una selezione di Mercatini di Natale ricca e variegata.

Tante le opportunità per scoprire luoghi solitamente messi in poca evidenza, oppure per guardare alle strade che si frequentano ogni giorno con occhi nuovi, magari come fanno i bambini davanti ai regali, "illuminati" dalla gioia della festa più bella dell'anno. Partiamo allora alla scoperta dei Mercatini di Natale 2014 in Lombardia, e di tutto ciò che hanno da offrire!

Mercatini di Natale Milano

I milanesi hanno bene in mente, quando si parla di mercatini di Natale, la Fiera degli O'Bej O'Bej, la più grande e bella tra le manifestazioni natalizie del capoluogo lombardo. Nella zona di Piazza Castello, opportunamente pedonalizzata, il prossimo 5 dicembre 2014 si aprirà la quattro giorni più sfavillante dell'Avvento (che nella diocesi milanese, vale la pena ricordarlo, inizia prima che nel resto d'Italia, per la diversità del calendario liturgico). Questa tradizione, collegata alle celebrazioni per Sant'Ambrogio (7 dicembre), risale addirittura al 1510, e si deve a Giannetto Castiglione, inviato di Papa Pio IV, che portò ricchi doni alla popolazione, da cui l'espressione "Oh bej", ovvero "oh belli", riferita ai regali. Fino al 6 gennaio, comunque, ci sarano tantissimi mercatini in giro per la città, dal Garage Milano al Lekker Market, e molti di questi saranno improntati alla raccolta fondi per associazioni benefiche e programmi di aiuto, come il World Food Program delle Nazioni Unite per fornire alimenti e sostegno alle popolazioni mondiali in difficoltà.

Mercatini di Natale Bergamo

Sarà l'elegante cornice di Piazza Dante, nei pressi dello storico Teatro Donizetti, ad ospitare l'XI edizione dei Mercatini di Natale di Bergamo. Il tradizionale appuntamento con l'intrattenimento musicale, gli standisti e la gastronomia tipica partirà quest'anno il 29 novembre, e proseguirà senza sosta fino al 6 gennaio 2015, e per tutti i giorni dalle 9 alle 20 sarà possibile scoprire tante idee per regali legati all'artigianato locale, ma anche spettacoli per bambini e ragazzi, divertimenti per tutte l'età e tanto altro. Anche la provincia di Bergamo ospita numerosi mercatini di Natale tutti da scoprire: da Castione della Presolana, con il mercato artigianale e la "Corsa dei Babbi Natale", a Ponte San Pietro, dove sarà dato grande spazio alla cultura attraverso la mostra fotografica "Monaco & Neuschwanstein".

Mercatini di Natale Cremona

Aspettando il Natale è il titolo scelto per i Mercatini di Natale di Cremona, che partiranno con una ricca due giorni, il 30 novembre e 1 dicembre, dalla bella Piazza Stradivari. La città del "Torrazzo" si prepara a festeggiare l'Avvento non solo attraverso i classici espositori di artigianato, regali e prodotti per l'infanzia, ma anche con un occhio attento alle categorie tradizionalmente "insolite", come i prodotti biologici ed equo-solidali, il Vintage nell'abbigliamento e negli arredi per la casa, e le realizzazioni etniche, che tanto possono contribuire a un regalo di Natale di impatto. Nella provincia, sono sicuramente da visitare il 6° Natale - Idee regalo 2014 di Pizzighettone, patrocinato dalle autorità locali, e nel quale è possibile fare e ricevere regali belli e insoliti, e la Sagra di Sant'Ambrogio di Torre de' Picenardi, che per il weekend lungo del 6-8 dicembre offrirà musica, gastronomia e oggettistica locale tutta da scoprire.

Mercatini di Natale Livigno

Dal 30 novembre al 23 dicembre, la località montana di Livigno si veste a festa per i Mercatini di Natale. Tra le alte montagne alpine, passeggiando sotto una lieve nevicata e sorseggiando una cioccolata calda o - per i grandi - una tazza di vin brulè bella fumante, potrete ammirare uno dei mercatini natalizi più alti d'Italia e d'Europa, dove i tradizionali "stand" sono sostituiti da belle baite in legno, tipiche dell'urbanistica di montagna, e i prodotti industriali lasciano spazio a deliziose creazioni artigianali, frutto di un lavoro metodico e certosino di scalpellini e fabbri locali. Assolutamente imperdibile, poi, la Fiaccolata, un appuntamento notturno durante il quale esperti maestri di sci della zona illuminano, alla luce fioca e delicata delle fiaccole accese, le piste da sci giungendo alfine nel borgo, tra lo stupore e gli applausi dei presenti.

Avete già fatto l'albero di Natale in casa? Se no, potreste sicuramente trovare ispirazione, o magari semplicemente incuriosirvi, scoprendo questa galleria dedicata agli alberi di Natale più grandi, curiosi, anticonvenzionali e da record che stanno illuminando le piazze e le strade di tutto il mondo in questi giorni prefestivi.

 

 

L'albero di Natale, si sa, è una tradizione che dura da tantissimo tempo, e proprio con l'evoluzione storica si è andato modificando, abituandosi e conformandosi a usi e consumi diversi, che spesso possono sembrarci anche insoliti, ma vale la pena guardare queste foto e scoprire cosa c'è dietro i diversi pensieri e idee di Natale che albergano nei vari luoghi.

 

L'albero di Natale "osé"

Grandi polemiche ha scatenato questo "albero" progettato dall'artista contemporaneo Paul McCarthy ed esposto in Place Vendome a Parigi, soprattutto perché, più che un albero, ricorda un oggetto di uso ben diverso. Sapete quale?

 

L'albero di Natale a testa in giù

Posto al centro della Galleria Lafayette, sempre a Parigi, questo originale albero è invertito, appeso dalla base e con la punta che pende verso il basso, in un trionfo di luci e colori che ben si confà al luogo

 

L'albero di Natale galleggiante

Nell'assolata Rio de Janeiro, l'albero di Natale galleggiante più alto al mondo è un gigante di 85 metri di altezza e oltre 500 tonnellate di peso che può essere visto a decine di chilometri di distanza

 

L'albero di Natale ecologico

A Beirut, in Libano, si è optato per una soluzione all'insegna della green energy: l'albero che sorge nel centro città è illuminato grazie alle pedalate di ciclisti, turisti e semplici curiosi

 

L'albero di Natale "a nuvola"

Realizzato a Kaunas, la seconda città più importante della Lituania, questo curioso albero è ispirato alla forma delle nuvole, ed è infatti diviso in tre parti bianche che ricordano le nubi nel cielo

Vienna - L'Austria è una meta di grande attualità, nel periodo natalizio (ma più in generale lungo tutto il corso dell'anno), e la sua capitale Vienna spicca per l'attenzione e la cura dei dettagli, l'accoglienza turistica e le magnifiche strade, monumenti e parchi che la costellano. Non è un caso se, tra i turisti italiani, i Mercatini di Natale di Vienna siano tra i più apprezzati dopo quelli, sempre validi e bellissimi, del Trentino-Alto Adige, della Lombardia e anche (un po' a sorpresa) di Praga, la capitale della Repubblica Ceca, e facciano parte dei Mercatini di Natale in Europa di grande interesse turistico.

Sono tante, e tutte da scoprire (magari approfittando del Ponte dell'Immacolata per una gita di qualche giorno), le proposte natalizie di Vienna, con mercatini grandi e piccoli, all'aperto o indoor, tra le piazze più belle e in piccole zone della Città Vecchia, tra un acquisto e una pausa di ristoro. Si parte, come è quasi d'obbligo per i viennesi durante l'Avvento, dalla Maria-Theresien-Platz, una delle più belle e centrali delle piazze viennesi, posta in un quartiere ricco di musei e monumenti, dove ogni anno si organizza il Villaggio di Natale, una grande fiera con oltre 200 espositori che propongono, in gazebo e costruzioni decorate con maestria, doni di ogni genere, dall'artigianato tradizionale austriaco alla gastronomia, passando per giocattoli per bambini, tecnologia e quant'altro.

 

 

Per gli amanti dell'arte, vale la pena soffermarsi per qualche ora al Mercato della Karlsplatz, vero e proprio quartier generale di artisti austriaci e non solo, che qui espongono e mettono in vendita le loro opere, a volte anche lavorando sul momento per impressionare e stupire le centinaia di migliaia di persone che, da fine novembre fino all'Epifania, transitano per questi luoghi ricchi di fascino. Per le famiglie con bambini al seguito, sarà sicuramente un'esperienza soddisfacente passare un pomeriggio presso i mercatini di Riesenradplatz, dove oltre allo shopping si può assistere a spettacoli, far giocare i piccini in un ambiente sicuro e protetto, e rilassarsi tutti insieme.

Stephansplatz, per contro, è dedicata a tutta quella fascia di turisti che cercano un luogo tranquillo, forse meno frequentato e mainstream, ma dal grandissimo impatto scenico. Qui infatti gli espositori sono molti meno, una ventina circa, ma tutti propongono delle idee - dal cibo ai lavori manuali - di altissima qualità, in un'atmosfera rilassata, quasi adatta alla riscoperta dei valori e del vero significato, antico, del Natale. Presepi, decorazioni e molto altro sono materia per i mercati di Spittelberg e di Freyung, che coprono molte delle "Strasse" e delle "Platz" del centro, in un magnifico gioco di luci e prospettive, dove sono soliti esibirsi gruppi di canto corale, zampognari e suonatori che intonano i classici canti natalizi.

Alcune informazioni utili: molti Mercatini di Natale di Vienna apriranno le loro porte nel fine settimana del 21-23 novembre, mentre diversi hanno già dato il via alle esposizioni. Generalmente, quelli che aprono prima rimangono in attività fino al 23-24 dicembre, mentre gli altri proseguono l'attività fino al 6 gennaio. Gli orari di apertura sono sostanzialmente omologati, e vanno dalle 10-11 fino alle 20-22, a seconda dei casi e dell'importanza del luogo scelto. Tutti i luoghi suddetti sono facilmente raggiungibili attraverso la vastissima ed efficiente rete di trasporti pubblici viennese, che comprende cinque linee di metropolitana, decine e decine di linee tranviarie, così come sono diffuse le piste ciclabili, le zone interamente pedonalizzate, i taxi e gli autobus, che permettono anche il collegamento con il vicino Aeroporto di Vienna-Schwechat, principale scalo cittadino e dell'Austria.

Pagina 1 di 2