Metti una giornata a Miami



Quest’anno la città californiana di Miami, una delle massime destinazioni del turismo marittimo statunitense e meta degli studenti nello "Spring Break" compie cento anni. Portati benissimo dal nostro punto di vista, e non potrebbe essere altrimenti grazie al suo appeal young and free (sì, insomma, è giovane e giovanile).

E per festeggiare “a modo” la spiaggia più famosa del mondo, abbiamo immaginato 24 ore da trascorre qui, minuto per minuto. Insomma, metti una giornata a Miami, ed ecco tutto quello che potrete fare in città, un programma da scoprire ed, eventualmente, adattare alle vostre esigenze.

 

 

Ore 11. Un po’ di sano sport mattutino sulla spiaggia. A South Beach ogni giorno c’è “Wake up yoga”, una sessione di meditazione/ginanstica gratuita. Poi potete anche concedervi un’abbondante colazione all’11th Street Diner, un autentico locale americano ospitato in un’antica carrozza. Ora di pranzo, relax sulla spiaggia.

Ore 15. Giro nella Midtown. Stiamo parlando di quella che un tempo era considerata una zona malfamata, mentre oggi è diventata quello che definiremmo un quartiere hipster: gallerie d’arte contemporanea, spazi autogestiti e bar alla moda. Le migliori? Artopia, PanAmerican (specializzata in artisti sudamericani) e Art Modern Gallery. Il secondo sabato del mese tutte le gallerie restano aperte per tutta la notte.

Ore 18. Wynwood. Laboratori, negozi di artigianato, spazi multifunzionali. Si trova sempre nel Midtown, verso la 25esima strada ed è un vero e proprio incubatore di creatività. E poi, a renderla un museo a cielo aperto, sono le opere di street art di Obey e Banksy. Un aperitivo tra i bar è d’obbligo.

Ore 21. Miami Beach. E dove sennò? Se amate il lusso sfrenato e il vero gusto di “far festa”, non vi resta che andare a Soho Beach House, dove potrete toccare con mano tutto quello che fin ora avete visto solo nei telefilm americani.