Mal d'Africa



Premetto che era il primo viaggio in Africa, precisamente in Kenya. Sono un'amante dell'Asia, e avevo sentito tante volte parlare dell'Africa in un modo, così forte che cominciò a incuriosirmi, così decisi di prenotare il viaggio in Kenya. 

 

Numero Viaggiatori: 4

Data di partenza: 27/11/2012

Durata: 8 giorni

Luoghi: Kenya

 

Descrizione del viaggio:

Mio marito era tranquillo, come tutte le altre volte, lui faceva fare tutto a me, a volte non voleva neanche vedere le foto, che io scaricavo dai vari siti per documentarmi dei posti che dovevo visitare. Con noi, c'erano anche mia cognata e mio cognato, questo non era il primo viaggio insieme, ma ne avevamo fatti tanti altri. La mattina ci trovammo in aeroporto, l'ansia e la felicità di partire era troppa, quasi incontrollabile, ma tutto si colmò con l'arrivo all'aeroporto di Nairobi.

Una persona molto cordiale ci aspettava per accompagnarci al Beach resort Aquarius a Watamu. Appena arrivati i nostri occhi brillavano, la bocca non riusciva a tirar fuori neanche una lettera ... tutto era meraviglioso, più di quello che immaginavo. Il primo giorno e sempre un po' perso, ti devi ambientare non solo al posto, ma anche ai ritmi della gente del posto, ma la mattina seguente, tutto era ancora più bello, la colazione non era abbondantissima, non mancava niente e tutto era molto fresco. Forse è uno dei posti dove ho mangiato meglio, anche a pranzo e soprattutto a cena, forse perché non eravamo tantissimi, allora era tutto fresco e buono. La gente del posto era stupenda, ti faceva compagnia senza farsi sentire invadenti, raccontavano le loro storie e noi a bocca spalancata ascoltavamo i loro racconti. Da casa ci eravamo portati qualche nome di ragazzi che ci avrebbero portati a fare le escursioni, sopratutto il mitico safari.

Finalmente trovati ci siamo immediatamente messi d'accordo per il giorno dopo, l'abbigliamento assolutamente sportivo, pantaloni lunghi o bermuda e maglie a maniche corte, tutto di colori del safari. Le escursioni sono durate tre giorni, il safari è stato qualcosa di magnifico, quasi da non credere... la cosa che non dimenticherò mai di questo viaggio è stata la notte. Dormire nelle tende e sentire nella notte versi di animali, oggi mi fa sorridere, ma in quel momento la paura era l'unica cosa che mi face chiudere gli occhi. La mattina seguente ... tutto torna alla normalità.

Il pomeriggio ci siamo messi in viaggio per il ritorno al resort, l'ultima tappa era quella della visita ai Masai, una tribù del posto, anche li l'emozione era tantissima, vedere come vivevano, era un'esperienza da non dimenticare. Finalmente arrivati, una doccia veloce e subito a cena, la notte non riuscivo neanche a dormire per le forti emozioni che avevo vissuto, così mi sono affacciata fuori dalla veranda e ho visto qualcosa di meraviglioso, "beautiful", un cielo pieno di stelle, così tante che non ne avevo mai viste. La mattina seguente abbiamo deciso di fare gli ultimi giorni in pieno relax, solo mare e spiaggia.

Come qualsiasi cosa, bella o brutta che sia, c'è un inizio e una fine, il viaggio era finito, andammo all'aeroporto per tornare purtroppo a casa. Solo così ho potuto capire cosa volevano dire tutte quelle persone che parlano dell'Africa con gli occhi lucidi. Il "mal d'Africa" rimarrà per sempre nel mio cuore!