VitadaTurista

VitadaTurista

Il momento tanto atteso è arrivato! Domani (21 settembre, n.d.r.) i ragazzi che sono stati selezionati per #californiadream, il viaggio organizzato da Valica, EuropAssistance, VisitCalifornia e Lufthansa partiranno alla volta del Sunny State, per un viaggio esperienza lungo quasi tre settimane e durante il quale toccheranno alcuni dei luoghi più straordinari di questo stato.

Fabio Liggeri, Monica Sauna ed Erica Fiorini arriveranno all'aeroporto di San José, e si dirigeranno subito verso San Francisco, la splendida città del Golden Gate Bridge e del Castro, il quartiere LGBT per eccellenza degli Stati Uniti d'America. Da "Frisco" si muoveranno verso Sacramento, la capitale della California, e da qui partiranno alla volta dello splendido Lago Tahoe.

La seconda leg del viaggio sarà tutta dedicata ai luoghi più straordinari della natura della California: i Mammoth Lakes, Bodie, Mariposa, Monterey, Morro Bay, Santa Monica, Palmsdale, Palm Springs, luoghi che tutti abbiamo imparato a conoscere tra piccolo e grande schermo, prima di andare a scoprire Los Angeles, la città di Hollywood e della Walk of Fame.

Cosa si fa prima di partire? Ovviamente, la valigia! E anche se è bella pesante, non c'è bisogno di preoccuparsi, perché Lufthansa ci da la possibilità, su tutte le rotte Europa-Stati Uniti, di trasportare almeno un bagaglio in stiva da 23 kg in classe economica, fino ad arrivare a ben 3 bagagli da 32 kg ciascuno in First Class!

In ogni buon bagaglio che si rispetti non possono mancare tre elementi fondamentali e indispensabili per viaggiare sicuri: il passaporto, grazie al quale ci si può spostare in quasi tutti i paesi del mondo. Il visto ESTA, indispensabile per entrare negli Stati Uniti d'America e che può essere chiesto direttamente online fino a 14 giorni prima della partenza.

L'assicurazione di viaggio, come quelle che Europ Assistance fornisce ai viaggiatori con prezzi estremamente convenienti e tutti i vantaggi: assistenza sanitaria illimitata H24, copertura delle spese fino a 1 milione di dollari e assicurazione su bagagli, responsabilità civile in caso di incidenti e tanto altro ancora.

Prima di partire, poi, è importante informarsi al meglio. E su questo punto ci aiuta tantissimo il portale di VisitCalifornia, con percorsi e itinerari studiati su misura per voi: non importa quale città vogliate visitare, quale siano le vostre attività preferite. VisitCalifornia vi aiuterà a scoprire il Sunny State che volete voi!

Fabio, Monica ed Erica sono tre viaggiatori diversi, e anche le loro valigie, a parte i documenti fondamentali, sono diverse e "personali" dal contenuto ai dettagli, ecco perché ve le facciamo scoprire, in modo da iniziare a conoscere meglio i nostri protagonisti di #californiadream.

 

La valigia di Fabio

Pratica, essenziale, blu. La valigia che seguirà Fabio per tutta la durata di #californiadream è un borsone da portare in spalla, pratico e privo di fronzoli, per un viaggiatore che cerca l'esperienza più che la comodità, ma che non rinuncia a portare con sé tutto l'indispensabile per scoprire facilmente la bellezza dei paesaggi e delle città della California.

 

La valigia di Monica

Fashion, lucida, femminile! La valigia che Monica porterà con sé per #californiadream è un invito a essere eleganti senza rinunciare alla comodità, a divertirsi e anche a prendersi un po' gioco di sé stessi. I pois sono un punto di forza che non passa mai di moda, come le vetrine di Rodeo Drive o i vecchi film in bianco e nero di Hollywood, il quartiere cinematografico di Los Angeles che i nostri viaggiatori scopriranno durante queste settimane.

 

La valigia di Erica

Un vero e proprio work in progress! E sì, perché Erica ancora non ha deciso cosa portare e cosa no durante il suo #californiadream, ed è un po' la rappresentazione ideale di tutti noi viaggiatori, indecisi fino all'ultimo istante se togliere il maglioncino per farci entrare un altro paio di scarpe, o se rinunciare alla giacca elegante in favore di un impermeabile che fa sempre comodo. Come non ritrovarsi nella valigia... in divenire di Erica?!

Per soddisfare la costante crescita e richiesta di informazione sul "wedding made in Italy" nasce l’associazione "I DO in Italy" che si propone come strumento di formazione e conoscenza delle potenzialità culturali, turistiche e artistiche dei matrimoni non solo come arricchimento culturale ma anche sociale ed emozionale.

L’ Associazione ha lo scopo di promuovere, valorizzare, divulgare e approfondire la cultura del settore Wedding in Italia e all'estero, dando spazio ad un comparto, quello del “ wedding tourism” sino ad ora poco considerato ma con grandi potenzialità. A disposizione dei futuri sposi : un portale web ricco di contenuti e video emozionali www.idoinitaly.it, la costante ricerca e la raccolta di informazioni su location, territori, spazi e tradizioni, magari poco conosciuti ma di indubbia bellezza ci pongono come il punto di riferimento per tutti coloro che vogliono conoscere il "Bel Paese" con gli occhi dell’amore.

Per gli amici di Vita da Turista nasce una rubrica dedicata alla scoperta di luoghi magici e inattesi dove cercheremo di farVi sognare ed immaginare un matrimonio da favola! Ma ovviamente …non solo! Visita anche il nostro sito internet e seguici sulla nostra pagina Facebook

Foto in apertura: ©Villa Lante

Situata tra la Toscana e Roma, la Tuscia è la terra dove gli Etruschi si stanziarono in epoca pre-romana lasciando un incredibile patrimonio artistico fatto di raffinata gioielleria, ceramiche e suggestive città tombali.

In seguito l’area conobbe il suo più alto splendore, come centro strategico romano e cristiano. Come parte integrante dello Stato Pontificio, si arricchì in quell’epoca di chiese, castelli, cinte murarie e monumenti. Molte splendide testimonianze storico-artistiche, ancora ammirabili, risalgono infatti al Medioevo.

 

 

È il caso della città principale della regione, Viterbo, che costituisce un vero gioiello medievale. Il grande risveglio artistico e storico del Rinascimento italiano, nella Tuscia, trovò una sua particolare espressione nella moda delle grandi ville di campagna, esempi della ricercatezza dell’epoca e del sapiente uso architettonico di grotte, giochi d’acqua e giardini all’italiana. Il paesaggio è collinare, disseminato di valli, laghi vulcanici, fiumi, sorgenti termali, boschi, castelli e borghi arroccati. Uno scenario da sogno, dove si intrecciano storia e natura, passato e presente.

Appassionanti viaggi attraverso la Tuscia vi daranno l’opportunità di organizzare un matrimonio originale ed indimenticabile, scoprendo insieme ai vostri cari le sue meraviglie e i suoi antichi segreti. Potrete scegliere la vostra location ideale per celebrare l’evento e per accogliere i vostri ospiti tra una varietà di autentiche soluzioni: meravigliose country home nel cuore dei Monti Cimini, incantevoli castelli, splendidi resort all’interno di riserve naturali, antiche residenze situate nel cuore medievale delle città e affascinanti wine hotel.

Castello Costaguti

Lo splendido panorama dal Castello Costaguti di Roccalvecce (Viterbo) - © Castello Costaguti

Scoprirete  necropoli, siti archeologici e castelli medievali dove storia, leggenda e tradizioni vengono raccontate intorno ad una tavola imbandita di prodotti genuini

e ottimo vino. Il viaggio che vi consigliamo percorrerà la Strada del Vino della Teverina per immergerci nell’arte della vinificazione; visiteremo straordinarie cantine e degusteremo il vino sincero della Tuscia. Tra rovine e capolavori artistici, l’esclusivo laboratorio Cooking inTuscia divertirà voi e i vostri amici mentre imparerete i segreti della deliziosa cucina locate direttamente dalla gente del posto!

Le tradizioni agricole della Tuscia ci conquisteranno quando affiancheremo gli agricoltori locali nel loro lavoro quotidiano. A seconda della stagione: raccolta delle ciliegie, della lavanda, delle nocciole, dell’uva o delle olive. Alla fine della giornata non mancherà un bagno rigenerante alle Terme dei Papi!

I giardini di Villa Lante a Bagnaia (Viterbo) - © Villa Lante

La domanda che vi ponete a questo punto è: perchè scegliere la Tuscia per il proprio matrimonio? Ci sono almeno 7 buoni motivi per scegliere la Tuscia come meta di un viaggio, e ve li raccontiamo tutti:

  1. L'archeologia con le Tombe affrescate di Tarquinia e le necropoli rupestri di Norchia e Castel d’Asso. Ma non solo testimonianze etrusche bensì anche romane con il teatro di Ferento e l’anfiteatro di Sutri interamente scavato nella roccia.
  2. L'arte con il Palazzo Papale di Viterbo famoso per essere stato sede di molti papi ma soprattutto la sede del primo conclave della storia. Alla morte di papa Clemente IV i cardinali dopo 33 mesi non riuscivano ad eleggere il nuovo papa per cui il capitano del popolo Raniero Gatti decise di chiuderli a chiave (cumclave) e scoperchiare il tetto del palazzo lasciandoli sotto le intemperie per farli decidere in fretta. Così dopo breve tempo fu eletto papa Gregorio X.
  3. Il Palazzo Farnese di Caprarola, fatto realizzare da Alessandro, nipote di Paolo III su disegno di Antonio da Sangallo, dove oggi si celebrano indimenticabili matrimoni civili
  4. Lo splendido giardino all'italiana di Villa Lante a Bagnaia, realizzata su disegni del Vignola
  5. L'originale parco dei mostri di Bomarzo con gigantesche sculture in pietra dalle forme più disparate, spaventose, mitologiche, uniche!
  6. Gli eventi come i Pugnaloni di Acquapendente, stupendi mosaici di petali di fiori e foglie per rievocare la liberazione dalla tirannia di Federico Barbarossa, la Barabbata di Marta, che ci riporta ai riti etruschi della fecondità e del ciclo delle stagioni, San Pellegrino in fiore una manifestazione durante la quale l’intero quartiere medioevale viene addobbato e decorato dai principali vivaisti d’Italia, ma primo tra tutti, il Trasporto della Macchina di Santa Rosa, un campanile illuminato alto 30 metri e del peso di 50 quintali, portato a spalla da 100 facchini per le vie della città
  7. La natura, con le acque dei laghi vulcanici di Bolsena e di Vico, le terme già note nell'epoca romana e citate da Dante Alighieri nella Divina Commedia; le saline di Tarquinia, la Riserva Naturale della Valle del Treja, il Monte Rufeno e le coste del Mar Tirreno
  8. Il sacro, con la Via Francigena che percorre l’intera provincia da Proceno a Monterosi, dove emergono ancora splendide testimonianze degli antichi pellegrinaggi verso Roma, come la Basilica del Santo Sepolcro di Acquapendente, la Basilica di Santa Cristina di Bolsena, dove avvenne il Miracolo del Corpus Domini, la Chiesa di San Flaviano di Montefiascone, ecc.

Come avrete capito, la Tuscia è una delle perle segrete d'Italia, una terra non ancora invasa dal turismo di massa e caratterizzata da una semplicità genuina, luogo ideale per celebrare il giorno più importante della vostra vita insieme nel modo migliore possibile!

 

La rubrica Matrimoni da Turista è curata da I Do in Italy. Per maggiori informazioni visita il sito idoinitaly.it o scrivi all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..

La prima è sicuramente costituita dalle sue spiagge bianchissime e di sabbia fine che si estendono per gran parte delle sue coste. La spiaggia più bella di Zanzibar, a cui si riferisce la foto di apertura di questo articolo, è a nostro parere la Kiwengwa, dove sono presenti anche alcuni resort proposti da tour operator italiani.

La Kiwengwa Beach è il luogo perfetto per lunghe passeggiate e per godersi il fenomeno della bassa marea che lascia la spiaggia accessibile a piedi per alcune centinaia di metri verso la barriera corallina per poi proseguire con acqua molto bassa fino ad arrivare alla barriera. Se volete arrivare più rapidamente nel punto della barriera nessun problema: per una modica somma troverete alcuni pescatori pronti ad accompagnarvi con le loro tipiche imbarcazioni.

I resort situati sulla Kiwengwa sono curati e ben organizzati. Come sempre i tour operator italiani non dimenticano di assicurare cibo di qualità e un ricco programma di animazione per grandi e piccoli. Lo sport più praticato sulla Kiwengwa è il beach volley: grazie alla spiaggia di sabbia finissima bastano due pali e una rete per un campo perfetto e partite all’ultimo sangue! Zanzibar è comunque un’isola da esplorare anche nell’entroterra dove potrete visitare mercati locali ricchi di ogni tipo di frutta.

L’isola è ricca di vegetazione e consigliamo quindi di informarsi sulle vaccinazioni consigliate per visitare Zanzibar in relazione al periodo in cui preferite pianificare la vostra visita. Da non perdere anche una visita a Stone Town, la capitale di Zanzibar, dove potrete visitare i locali dove un tempo erano rinchiusi gli schiavi.

Impressionante vedere gli spazi angusti in cui erano costretti! All’esterno potrete visitare il suggestivo monumento costruito in memoria degli schiavi.

A nord dell’isola vi consigliamo anche di visitare la spiaggia di Nungwi dove oltre a una spiaggia di sabbia bianca e finissima potrete apprezzare scogliere su cui sono situati alcuni resort di fascia alta. La temperatura media a Zanzibar è sempre di circa 25 gradi. Il clima di Zanzibar è suddiviso in due periodi principali con due stagioni piovose e due secche. Le stagioni secche vanno da dicembre a febbraio e da giungo a ottobre, e sono anche le più calde con temperature che possono raggiungere oltre 30°C. Le stagioni piovose riguardano i mesi che vanno da marzo a maggio e il mese di novembre quando possono verificarsi intensi e improvvisi temporali.

Per raggiungere Zanzibar dovrete utilizzare un volo charter proposto assieme ai pacchetti turistici da diversi operatori poiché non esistono voli di linea diretti. In alternativa dovrete quindi organizzare per conto vostro un volo dai principali aeroporti italiani con più scali.

Siamo quasi agli sgoccioli dell'estate e l'autunno 2016 è in dirittura d'arrivo. Una stagione che sarà segnata come tradizione dalle sagre e degli appuntamenti enogastronomici ma anche, anche quest'anno, sarà costellata da tantissime mostre.

Le mostre dell'autunno 2016 in Italia si preannunciano ricchissime di opere e di elementi da scoprire da nord a sud, con nomi altisonanti nel panorama artistico ma non solo. Per questo Vita da Turista vi propone una rassegna delle mostre più importanti che si terranno questo autunno nei musei del Bel Paese.

Iniziamo da Treviso, dove al Museo di Santa Caterina si inaugura il prossimo 29 ottobre la mostra Tiziano, Rubens, Rembrandt. L'immagine femminile tra Cinquecento e Seicento. La mostra evento, che rimarrà visitabile fino al 17 aprile 2017, avrà come elementi principali tre quadri degli artisti succitati provenienti dalla Scottish National Gallery di Edimburgo ed eccezionalmente prestati al museo trevigiano per questa mostra.

 

Sempre il Museo di Santa Caterina ospiterà, nello stesso periodo, anche Da Guttuso a Vedova a Schifano. Il filo della pittura in Italia nel secondo Novecentouna mostra dedicata ai linguaggi pittorici degli artisti italiani che hanno contrassegnato le avanguardie artistiche del periodo postbellico e Storia dell'Impressionismo. I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin, un grande lavoro di ricerca storica su quel filone artistico che fu di fondamentale importanza nell'arte europea del secondo Ottocento.

Tra le mostre più attese dell'autunno 2016 Milano può già dire la sua con Escher a Milano, la retrospettiva di questo genio dell'illustrazione geometrica e "illusoria". Oltre 200 opere esposte a Palazzo Reale, nella splendida cornice della Piazza Duomo, che potranno essere ammirate dai visitatori fino al 22 gennaio 2017.

Roma risponde con una mostra dal carattere dell'evento, dedicata ad Artemisia Gentileschi, forse la più grande e riconosciuta artista della storia. Dalla celebre Giuditta che decapita Oloferne, fino alla Madonna col Bambino, le opere della Gentileschi saranno esposte nella interessante sede di Palazzo Braschi, a due passi da Piazza Navona. La mostra aprirà il 30 novembre 2016 e si concluderà ufficialmente, secondo il programma, l'8 maggio 2017, dando così tempo a tutti i visitatori di ammirare i lavori di questo genio vissuto nel pieno dell'epoca rinascimentale.

Sempre nella Capitale, e in questo caso nel Museo dell'Ara Pacis, dal 4 dicembre 2016 all'8 maggio 2017 si terrà la mostra dedicata all'impressionista Henri de Toulouse-Lautrec, attraverso l'esposizione dei quadri provenienti dal Museo delle Belle Arti di Budapest, Ungheria.

Per chi cerca un approccio diretto alle avanguardie artistiche contemporanee, Palazzo Strozzi a Firenze ospita dal 22 settembre 2016 fino al 22 gennaio 2017 una retrospettiva incentrata su Ai Weiwei, artista cinese spesso perseguitato dal governo di Pechino per i suoi linguaggi provocatori e per la critica filodemocratica che porta avanti attraverso le sue opere.

È certamente troppo presto per valutare gli effetti della Brexit, la decisione da parte del Regno Unito di abbandonare l'Unione Europea. Secondo gli analisti occorreranno anni per capire quale sarà il reale impatto di un evento che passerà alla storia. Nel frattempo una conseguenza a breve termine sembra già esserci ed è l'aumento del turismo in Gran Bretagna legato all'attuale calo della sterlina nei confronti di altre monete.

La situazione è stata fotografata dal Washington Post ma non è detto che tale situazione possa restare tale anche a lungo termine.

 

 

 

Una crescita del turismo è sempre una buona notizia. Lo è per il Regno Unito che vede aumentare il numero di visitatori e quindi gli introiti derivanti dall'intero settore e lo è, in questo caso, anche per gli stessi turisti che possono beneficiare di prezzi più agevoli dopo il calo della sterlina. Merito della Brexit verrebbe da dire. In realtà potrebbe trattarsi di una situazione limitata nel tempo e di un elemento positivo effimero, visto che tutti i principali analisti finanziare sembrano concordi nel considerare la Brexit una sciagura da un punto di vista economico.

La situazione, così come descritta dal Washington Post, vede però un notevole incremento nel numero di turisti statunitensi in visita in Gran Bretagna nel prossimo futuro. Sempre secondo il Washington Post sarebbero gli stessi inglesi a preferire ora il loro Paese rispetto alle solite mete estive. E anche secondo il Guardian, autorevole quotidiano inglese, l'effetto è visibile, con una crescita del 20-30% del turismo di provenienza cinese. Numeri positivi che fanno sorridere anche gli italiani, soprattutto i più giovani.

Da sempre, infatti, Londra è una delle metropoli più desiderate. Merito della sua storia recente e di una scena in continuo cambiamento. Una metropoli che piace proprio a tutti, anche ai più piccoli amanti di Harry Potter. Uno dei problemi maggiori della capitale inglese come di tutta la Gran Bretagna è sempre stato il cambio Euro Sterlina, storicamente sfavorevole: prezzi già tendenzialmente piuttosto alti diventavano quasi proibitivi a causa del cambio negativo.

Con il crollo della sterlina seguito alla Brexit, diventa quindi più economico organizzare una vacanza a Londra o in una delle altre città del Regno Unito e i prossimi mesi potrebbero quindi essere propizi per realizzare quel viaggio che si è sempre desiderato.

Meglio approfittarne perché le cose potrebbero cambiare e la Brexit potrebbe produrre effetti economici diversi e sicuramente meno gradevoli.

Novità in casa Airbnb. Secondo quanto riportato da Bloomberg, la società americana sarebbe al lavoro per rilasciare Airbnb Trips, una nuova applicazione stand alone dedicata alla prenotazione di servizi turistici, tra i quali dovrebbero rientrare bar e ristoranti, tour ed escursioni. Il debutto potrebbe arrivare il prossimo novembre nel corso della convention annuale della piattaforma.

Dire con precisione che cosa sia Airbnb Tips è sicuramente prematuro.

L'esistenza dell'applicazione non è stata confermata da Airbnb. Resta il fatto che la società americana ha da tempo affermato la necessità di ampliare il proprio raggio d'azione e di andare oltre il social housing da cui ha derivato tutta la sua fortuna. Se si uniscono le annunciate intenzioni di Airbnb con quanto riportato da Bloomberg, una fonte più che autorevole, il quadro inizia a essere più chiaro.

 

 

Alla base del nuovo servizio c'è la volontà di Airbnb di permettere ai propri utenti di costruire un vero e proprio itinerario di viaggio cittadino e di aiutarli passo passo nella sua realizzazione. La nuova applicazione permetterà per esempio di trovare una guida turistica in città, oppure darà la possibilità di prenotare un tavolo al ristorante e di scegliere il bar dove fare l'aperitivo o fermarsi per la colazione (visto che non sempre è inclusa nel costo della camera). Airbnb Trips dovrebbe essere un concierge virtuale, un portiere d'albergo pronto ad aiutare i turisti nell'organizzazione del viaggio.

C'è di più. Una versione Beta di Airbnb Tips sarebbe già disponibile sulla versione americana del Play Store, il negozio online di Google dove è possibile acquistare giochi e applicazioni per gli smartphone con sistema operativo Android, come i Samsung per capirci, e potrebbe presto affiancare l'applicazione di Airbnb.

È chiara l'intenzione di Airbnb di andare oltre la sua principale attività, quella di "affittacamere social". Oggi Airbnb permette a chi possiede un appartamento di metterne a disposizione le stanze libere. Allo stesso tempo, chi è alla ricerca di una sistemazione in una determinata città può affittare una stanza con Airbnb per il periodo necessario prenotandola tramite l'app o il sito, dopo averne verificato le caratteristiche e dopo aver fatto, perché no, una chiacchierata in chat con i proprietari. 

I nuovi servizi, conosciuti per ora come Airbnb Trips, dovrebbero essere presentati il prossimo novembre, nel corso della convention annuale organizzata dalla società americana. Non è detto che il nome venga confermato, né che resti valida l'idea di un'applicazione dedicata, visto che le nuove features potrebbero essere integrate nell'app esistente. Quel che è certo è che Airbnb ha deciso di diventare (ancora più) grande.

È uscito da poco in Gran Bretagna e già ha registrato un picco di vendite piuttosto prevedibile, ma per poterlo leggere in italiano dovremo aspettare ancora poco più di un mese… stiamo parlando di Harry Potter and the Cursed Child, il nuovissimo libro di J.K Rowling che vede il ritorno del mago più famoso del mondo in veste di padre di famiglia, impegnato presso il Ministero della Magia.
Harry Potter e il Bambino Maledetto vedrà dunque come protagonista il figlio più piccolo di Harry che dovrà combattere contro il male a causa del pesante fardello ereditato dalla famiglia…
Ovviamente già si vocifera e si spera in un film che accompagni il romanzo e chissà, se come nei precedenti, Londra diverrà protagonista di alcune scene della pellicola.


Si, perché la capitale inglese oltre ad essere molto frequentata per le innumerevoli attrazioni, per i viaggi studio, per il multiculturalismo, per la moda, e chi più ne ha più ne metta, è anche luogo di passaggio per chi vuole visitare i luoghi legati alla saga della Rowling.
Un classico esempio è il famigerato binario 9 3/4 situato nella stazione di King’s Cross e meta di “pellegrinaggio” di tutti i fan di Harry Potter.
Mentre attendiamo l’uscita della versione italiana del primo capitolo di “Harry Potter and the Cursed Child” vediamo dunque quali sono gli hot spot a Londra da vedere assolutamente.

 

 

I luoghi di Harry Potter a Londra

Warner Bros Studios di Londra

Partiamo da una vera full immersion nel mondo di Harry Potter, visitando gli studios dove potrai rivivere il “making of” della saga. Negli Studios situati a 32 km da Londra potrai vedere dal vivo i costumi di scena, diversi oggetti utilizzati sul set e imparare alcuni “trucchi del mestiere” e gli effetti speciali utilizzati.
Ma se questo non fosse già abbastanza salirai a bordo dell’originale Hogwarts Express e visitare il famosissimo studio di Albus Silente.   
Un vero e proprio paradiso per i fan di Harry Potter che è possibile raggiungere da Victoria Station con un pullman dedicato che non passa inosservato!

Millennium Bridge

Nel film “Harry Potter e il Principe ;ezzosangue” i Mangiamorte distruggono un ponte senza alcuna pietà… Ecco, quel ponte è il famoso Millenium Bridge di Londra, il più importante dopo Tower Bridge che di certo non passa inosservato.

Regent's Park Zoo

Nel primo film della saga ad un certo punto Harry si rende conto di essere in grado di parlare con i serpenti. La scena in questione è stata girata all’interno di un rettilario, per la precisione quello dello Zoo di Londra a Regent’s Park.

Australia Strand

Purtroppo l’interno non può essere visitato eppure si tratta della famosa banca dei maghi che appare in diversi film della saga. Chissà, magari con un po’ di gentilezza riuscirete a convincere le guardie a farvi dare una sbirciatina dalla porta…

Il Paiolo Magico

Sebbene il negozio così come lo conosciamo non esista, potrai visitare l’ingresso che si trova al 42 Bulls Head Passage al Leadenhall Market.

Lamberth Bridge

Il nostro tour alla scoperta dei luoghi di Harry Potter termina al Lamberth Bridge, luogo in cui è stata girata la scena dell’autobus notturno che riesce per miracolo a passare tra due bus rossi a due piani made in London.

Chissà se il nuovo capitolo di Harry Potter ci regalerà nuovi e interessanti luoghi da visitare nella bellissima capitale inglese.

Ferragosto è passato da meno di una settimana ma settembre è già dietro l'angolo. Ed è meglio farsi trovare preparati. Dopo le vacanze estive, il modo migliore per non perdere l'allenamento è quello di fare un bel fine settimana autunnale: una gita fuori porta a settembre o una mini vacanza a ottobre o a novembre (soprattutto se avete approfittato dell'offerta Ryanair di qualche giorno fa).

La soluzione ideale è quella di individuare un bell'evento e di organizzarsi per raggiungerlo. Settembre, ottobre e novembre sono mesi ricchi di eventi e manifestazioni, in tutta Italia e di tutti i tipi.

 

Sagra del Peperone di Carmagnola - Dal 26 agosto al 4 settembre

Tra gli eventi di settembre, il primo che vogliamo presentarvi non si tiene proprio a settembre. O, meglio, non solo a settembre. È la Sagra del Peperone di Carmagnola, in programma nella cittadina piemontese alle porte di Torino dal 26 agosto al 4 settembre.

La Sagra del Peperone di Carmagnola è una delle più antiche d'Italia e quest'anno spegne le 67 candeline. La Sagra del Peperone apre i battenti venerdì 26 agosto e prosegue fino al successivo weekend. Dal lunedì al giovedì, gli stand sono aperti dalle 18 alle 24, mentre nel corso del fine settimana lungo, l'orario è prolungato dalle 10 alle 24.

 

 

 

Fiera del Tartufo Bianco di Alba - Dall'8 ottobre al 27 novembre

Restiamo in Piemonte ma cambiamo decisamente periodo. L'autunno, infatti, è anche la stagione dei tartufi e non possiamo dimenticarci della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba.

Si tratta di una manifestazione di primo piano, visitata ogni anno da buyer, appassionati e curiosi provenienti da tutto il mondo. Anche se non siete dei grandi intenditori, la Fiera del Tartufo è l'occasione migliore per visitare la cittadina di Alba, in provincia di Cuneo, famosa per i tartufi, per i vini e per la Nutella.

Tanti motivi che si uniscono a un bel centro storico e a una gastronomia di prim'ordine (non dimenticatevi di assaggiare gli agnolotti del plin, una vera delizia).

 

 

Le sagre dei Castelli Romani - Settembre e ottobre 2016

Tra settembre e ottobre tornano in auge gli eventi ai Castelli Romani, a due passi dalla capitale. Dopo quelli primaverili, infatti, sono questi i mesi durante i quali si concentrano gli eventi più famosi e conosciuti. Dal 2 al 4 settembre tocca alla Sagra della Porchetta di Ariccia, un classico appuntamento che tocca il suo momento culmine con il lancio dei panini alla porchetta sulla folla. Per chi preferisce un'atmosfera più tranquilla, non mancano ristorantini e fraschette dove mangiare la porchetta accompagnata dai piatti tipici della zona.

Un mese più tardi, a inizio ottobre, è la volta della Festa dell'Uva di Marino, quella durante la quale dalle fontane del paese sgorga il vino. Non sono ancora definite le date dell'edizione 2016; per aggiornamenti e programma completo si può consultare il sito del comune castellano.

Sempre a ottobre, e precisamente nel terzo weekend del mese, la vicina Rocca di Papa ospiterà la 37° edizione della Sagra delle Castagne, un appuntamento molto atteso ogni anno per gustare la deliziosa "caldarrosta" e tanti altri prodotti preparati a base di castagne, passeggiando tra i vicoli del borgo medievale, ricchi di murales e sculture nel tufo e ammirando gli splendidi panorami sui Castelli Romani, Roma e il mare.

 

  

Oktoberfest di Monaco - Dal 17 settembre al 3 ottobre

Infine, usciamo dai confini nazionali per suggerirvi un grande classico delle vacanze autunnali. Stiamo parlando dell'Oktoberfest di Monaco di Baviera che, a dispetto del nome, si tiene ogni anno nel mese di settembre bel capoluogo bavarese. L'Oktoberfest 2016 inaugura il 17 settembre e prosegue fino al 3 ottobre.

Come ogni anno nel corso dell'Oktoberfest si potranno assaggiare le migliori birre di Germania e si potrà scoprire una città tra le più belle d'Europa. A causa dei tragici eventi legati al terrorismo internazionale, che ha toccato anche la città di Monaco con l'attentato al centro commerciale dello scorso mese di luglio, l'allerta sarà molto elevata e sarà, per esempio, impossibile accedere ai biergarten con lo zaino.

Qualche precauzione necessaria per godere in tranquillità dell'Oktoberfest 2016!

 

 

Ancora poche ore per approfittare dell'offerta Ryanair: la regina delle compagnie aeree low cost ha messo a disposizione circa 100.000 biglietti con prezzi a partire da 8 euro. L'offerta scade alla mezzanotte del 18 giugno e permette di acquistare voli per viaggiare a ottobre e novembre.

L'annuncio dell'offerta Ryanair arriva in seguito a un'altra buona notizia da parte della compagnia aerea low cost, ben più sostanziosa se si guardano i numeri macroeconomici. Il CEO di Ryanair, l'eclettico Michael O'Leary, ha infatti comunicato nei giorni scorsi che Ryanair ha pronto un piano di sviluppo per l'Italia di circa un miliardo di dollari nel solo 2017. Un ottima notizia per l'economica, certo, ma anche per tutti quei viaggiatori che, proprio grazie a Ryanair e alle sue "gemelle low cost", hanno riscoperto il piacere di viaggiare in aereo spendendo poco.

 

 

Il piano di sviluppo presentato dal CEO di Ryanair prevede in particolare l'allestimento di 44 nuove rotte che coinvolgeranno l'Italia a partire dal prossimo anno.

Una metà di questi collegamenti sarà relativo a Roma e Milano, i due principali centri della penisola su cui fanno scalo le compagnie aeree low cost. La restante metà, invece, sarà dedicata agli scali regionali; a beneficiare degli investimenti saranno in particolare gli scali di Pescara, in Abruzzo, e di Alghero, in Sardegna.

Ecco alcune delle nuove rotte presentate da Michael O'Leary in occasione dell'annuncio:

  • Milano Malpensa - Gran Canaria (Spagna)
  • Roma - Lourdes (Francia)
  • Roma - Norimberga (Germania)
  • Pescara - Copenaghen (Danimarca)
  • Pescara - Cracovia (Polonia)
  • Bologna - Lisbona (Portogallo)
  • Bologna - Eindhoven (Olanda)
  • Bergamo Orio al Serio - Edimburgo (Scozia)
  • Bergamo Orio al Serio - Lussemburgo (Lussemburgo)
  • Bergamo Orio al Serio - Vigo (Spagna)

Le nuove rotte entreranno in funzione a partire dal 2017 ma per festeggiare in anticipo, fino alla mezzanotte del 18 agosto, Ryanair ha messo a disposizione sul proprio sito circa 100.000 biglietti a prezzi ultra scontati per volare nei mesi di ottobre e novembre. I biglietti partono da 8 euro: un modo perfetto per organizzare fin da ora un fine settimana autunnale in giro per l'Europa.

Photo Credits: JuliusKielaitis / Shutterstock.com