VitadaTurista

VitadaTurista

La Nuova Zelanda è uno tra i pochi luoghi rimasti al mondo che gode ancora di un fascino incontaminato, con numerosi picchi, laghi e vallate che sembra non abbiano ancora ricevuto nome e cognome di qualche esploratore europeo, come nella più classica delle tradizioni post-coloniali.

Situata nel pieno dell'Oceano Pacifico, a un migliaio abbondante di chilometri dalla grande (e imperiosa) Australia, la Nuova Zelanda si trova in quella zona detta Fascia del vulcani, la più attiva del mondo in termini di geosismica e vulcanologia, dove le acque ribollono e si creano dei luoghi dal fascino unico, come quello che stiamo per vedere.

Oggi vi portiamo a conoscere la bellezza, tutta multicolor, di Wai-O-Tapu, conosciuto in inglese come The Devil's Bath e che, come dice il titolo, è nientemeno che la vasca di Lucifero. Un fenomeno naturale sicuramente curioso: un cratere dalle sfumature verdi e giallo che, secondo gli studiosi, potrebbe risalire addirittura a 160 mila anni fa.

 

 

Il colore (o meglio, le numerose sfumature di colore che si celano in queste acque) è dovuto ai depositi di zolfo posti sul fondo, cosa che rende anche l’aria circostante quasi irrespirabile. La combinazione di zolfo e ferro, inoltre, determina il colore delle sfumature dell’acqua: da più o meno verde, a più o meno gialla. Ma non finisce qui: Wai-O-Tapu, o Bagno del diavolo che dir si voglia, è circondato da geyser fumanti, dando una foschia colorata a tutta l’atmosfera intorno.

Come fare a visitare questo luogo? Una volta raggiunta la nuova Zelanda (se sceglierete una grande compagnia come la Emirates/Qantas vi occorreranno circa 2 giorni di viaggio, con scali intermedi a Dubai e in una delle grandi metropoli dell'Australia), e smaltito l'inevitabile contraccolpo del jet-lag, che vista la differenza di orario si farà sentire belli scombussolati, vi basterà recarvi nella riserva di Wai-O-Tapu, un grande complesso geotermale di 18 chilometri quadrati che nasconde questa meraviglia.

L'ingresso, per ragioni di sicurezza e per tutelare il delicato equilibrio naturale del luogo, non è libero, cosa che fa supporre come il luogo sia in realtà molto meno selvaggio di quanto si crede. Circa 12 euro, e delle guide vi accompagneranno a destinazione, lasciandovi il tempo di assaporare tutti gli “effluvi” del caso. Non profumati, certo, ma è risaputo che le acque sulfuree abbiano particolari benefici per la pelle e le vie respiratorie.

Vi hanno insegnato che il luogo migliore al mondo dove prender moglie (o marito) è Las Vegas: divertimento, nozze lampo e le innumerevoli soprese di una città chè è un luna park aperto ventiquattr’ore al giorno.

Il tour operator Kuoni ha stilato una classifica dei luoghi che sarebbero al top delle preferenze per chi decide di pronunciare il fatidico si. A gran sorpresa l’Italia non è nella top ten delle preferite dai viaggiatori, ma dietro questa scelta ci sono dei precisi motivi chiamiamoli “logistici”: la non-facilità nell’ottenere permessi dal Comune o dall’amministrazione di competenza, la velocità nell’ottenere l’autorizzazione e la pubblicazione delle graduatorie.

Non che in Italia manchino castelli, dimore storiche e sale comunali di tutto rispetto (avete mai pensato quanto sia bello sposarsi al Campidoglio?), ma la lentezza burocratica è per noi un handicap, chiamiamolo così. Motivo per cui, il Belpaese è il luogo migliore dove volare in viaggio di nozze, non lo è per la cerimonia.

Ecco dunque la classifica (o almeno, le prime posizioni) dei luoghi preferiti dai futuri sposi di tutto il mondo.

 

 

Mauritius

È al primo posto della classifica dei viaggiatori. Il motivo? Chilometri di spiagge bianche e la velocità nell’ottenere permessi e disbrighi delle pratiche burocratiche. La gentilezza e l’ospitalità degli abitanti di questo arcipelago dell’Oceano Indiano fanno il resto.

 

Stati Uniti d’America

Non poteva mancare l’America tra le prime posizioni. Le migliori città sono ovviamente la Grande Mela (le nozze sul novantesimo piano di un hotel è qualcosa che è sempre molto cool), e Las Vegas. In quest’ultimo caso vi consigliamo l’Hotel Bellagio. Con le sue spettacolari fontane a giochi d’acqua (e il lusso sfrenato delle sue suites), sarà il meglio cui potrete ambire.

 

Sri Lanka

Per ben otto anni questo stato ha detenuto lo scettro del primo posto in classifica. Le migliori spiagge dove dire il fatidico si? Pasikuda e Kalkuda, dalla sabbia color borotalco. Ma anche Nilaveli Beach e Uppaveli.

 

Emirati Arabi Uniti

Sarà perché il trend ormai privilegia le strutture superlusso e le boutique alla moda, sarà perché dopo il sì potrete unire la spiaggia, una sciata in montagna (il centro commerciale The Mall di Dubai ha una pista da sci incorporata), e una gita nel deserto. Abu Dabhi e Dubai fanno tris e non solo.

Ibiza a 127 euro? Certo che si. L’isola è nota per esser meta festaiola, ma nasconde anche bellezze naturali e borghetti dalle strade acciottolate. Per esempio, Sant Carles de Peralta e le insenature di Cala Mastella e Cala de Boix.

Ibiza è il capoluogo (non solo mondano) dell’isola: salite alla Dalt Vila, la città vecchia, che dal 1999 è inserita all’interno del Patrimonio Mondiale dell’Unesco. E poi, volete mettere la strabiliante vita notturna, una delle più apprezzate del Mediterraneo?

 

 

L’offerta di oggi vi permette di dormire all’ApartHotel, a pochi minuti dalla spiaggia di El Canar. Partenza da Roma il 10 maggio e rientro, sempre nella Capitale, il 15 maggio. Insomma, se volete assaporare i primi caldi tra le spiagge di Ibiza, l'offerta di oggi fa al caso vostro.

Eccovi il link con tutte le informazioni e la possibilità di prenotare.

 

Dici Rio de Janeiro e dici samba. Ma anche carnevale, Mondiali di Calcio e Copacabana. Ma conoscete tutti il Corcovado, la Statua del Cristo Redentore che si erge sola sula Pan di Zucchero, che potrete raggiungere con un giro in funivia.

E poi volete mettere sorgeggiare Caipirinha al tramonto sulla spiaggia? Tutto questo oggi è possibile con soli 671 euro, volo incluso. Per 10 notti alloggerete a Casa Veranda, un B&B che offre colazione e wi-fi gratuito.

 

 

L'offerta, che si compone di tutto quanto segue, prevede la partenza in aereo da Milano il 23 agosto e ritorno il primo settembre. Insomma, perché non concludere la vostra "estate italiana" con una "settimana brasiliana"?

Tutte le informazioni le trovate a questo link.

La Costa Azzurra è l’ideale per chi vuole fare una vacanza all’insegna del relax ma con quel tocco glamour. Ricca di mete turistiche diventate leggendarie: Monaco, Nizza, Saint-Tropez. Non solo boutiques e ritoranti di lusso, ma anche villaggi pittoreschi come Biot.

L’offerta di oggi propone un soggiorno in uno di questi borghi: Villenueve-Loubet, si trova a metà tra Nizza e Cannes ed è nota per il suo castello all’interno del lussuoso complesso della Marina Baie da Enges.

 

 

L’offerta comprende sette notti all’Hotel Bahia e colazione tutte le mattine. A quanto? 174 euro a persona. Insomma, se volete sentirvi un po' VIP, questa potrebbe essere la vacanza che fa al caso vostro.

Se volete saperne di più, sfruttate il link che vi alleghiamo qui.

Se siete in autobus o in metro e vedete i vostri vicini di viaggio letteralmente catalizzati dal loro tablet o smartphone, tre sono i motivi: sono su Facebook, su Whatsapp, oppure stanno giocando. Se l’opzione è quest’ultima, allora è molto probabile che a catalizzare la loro attenzione sullo schermo sia Angry Birds, il gioco degli uccellini che uccidono i maiali.

Il Gioco. Angry Birds, ideato dall’azienda finlandese Rovio Mobile, è diventato un vero e proprio “cult”, grazie a un principio tanto elementare quanto vincente: uccellini arrabbiati contro maialini verdi che rubano le uova degli uccellini. Insomma, difendere la propria prole, un istinto materno che ha scatenato i videogiocatori di tutto il mondo, creando un business milionario intorno a un pur "semplice gioco".

 

 

Dopo Facebook, dopo i Tablet e dopo l’uscita in libreria è arrivato il momento di giocare con loro nella realtà. Ci troviamo in Finlandia, a Saariselkä, nel nord del paese, non molto distante da Rovaniemi. La località è famosa per il turismo, infatti, molte coppie decidono di celebrare il loro matrimonio in un paesaggio circondato a 360 gradi dalla neve. La cittadina è famosa anche per l’Igloo Village, il Kakslauttanen Igloo West Village è una struttura in vetro termico che farà vivere un’esperienza unica: la più grande sauna a cielo (quasi) aperto, e stanze da letti come igloo. Il tutto in vetro termico, per resistere al rigido clima artico. 250 chilometri dal Polo Nord e vista dell’Aurora Boreale.

Il Parco. L’Angry Birds Activity Park, non solo è dedicato alla celebre saga, ma ha una particolarità: è il primo parco al mondo dove si può giocare con tablet e smartphone. Come? La partita virtuale si fonde con quelle reali. Così potrete toccare le piume deli uccellini o la pelle verde dei maialini. Dodici attrazioni e altrettanti livelli di gioco. Consigliato tanto ai più piccoli quanto ai grandi, che vogliano tornare allo "stato infantile" per qualche ora!

Curiosità. Mentre giocate, imparate qualcosa in fatto di ambiente ed ecosostenibilità. Ad esempio che in Finlandia esiste una sauna e una renna per ogni abitante. Oppure che il paese ospita 188 mila laghi. Le aurore boreali? 200 notti su 365. Insomma, se volete una vacanza a base di videogiochi e cultura, forse il Giappone è superato. Puntate sulla Finlandia, e aspettatevi un bel "kiitos" da parte della popolazione. Cosa significa? Lasciamo a voi scoprirlo!

Bentrovati all'appuntamento con l'Oroscopo del buon viaggiatore, i consigli su astrologia e viaggi targati Vita da Turista, per tutti quei turisti che non possono proprio rinunciare a consultare gli astri prima di partire.

La scorsa settimana avevamo iniziato, come da buona regola, con il segno dell'Ariete (se vi siete persi la rubrica, potrete ritrovarla qui). Parliamo oggi del segno del Toro, e proseguiremo così per le settimane a venire, così da toccare tutti i vostri segni zodiacali!

Il 2015 inizia lento per il segno del Toro: gli astri dicono che a metterci lo zampino è Saturno, che conferisce al segno un po’ di lentezza e stanchezza latente. Il che comporta che non c’è niente di meglio che farvi scuotere un po’ dalla brezza d’oceano, ecco perché il viaggio migliore per tutti i Tori del mondo in questa primavera non sarà la Spagna, ma il Portogallo.

 

 

Lisbona, per la precisione. Sicuramente il simbolo della città è la Torre di Belem, fortezza che si alza inorgoglita tra le rive del Tago e l’Oceano Atlantico. Questa struttura fortificata fu voluta da Re Giovanni II, come ideale porta cerimoniale della città. Curiosità? Da qui Vasco De Gama partì alla volta delle esplorazioni nelle Americhe.

Una volta osservata la torre, fate un giro nel pittoresco quartiere di Belem e deliziate il vostro palato: qui ci sono delle pasticcerie che vendono i migliori pasteis del Portogallo. Ancora cultura monumentale e culinaria a braccetto: come sapete Lisbona (come Roma), sorge su sette colli. In uno di questi, l’Alfama, c’è il Castello di San Giorgio: consigliata la visita al tramonto in quanto, dopo il percorso tortuoso sulle sue mura, regala una vista a 360 gradi sulla città.

L’Alfama dopo Belem è uno dei quartieri più caratteristici della città: la sua particolarità sono i chioschetti dove è possibile mangiare le sardine alla brace e ascoltare il fado, la musica tradizionale portoghese. No, non vogliamo annoiarvi cari amici del Toro: dopo questo tour tra canzonette strappalacrime e sardine, prendete il primo tram giallo e salite al Bairro Alto. Qui i migliori cocktails e la confusione cosmopolita distenderanno tutti i vostri pensieri!

Insomma, cari amici del Toro, se vi sentite stanchi e affaticati, un viaggetto a Lisbona potrebbe rincuorarvi. Appuntamento alla prossima settimana con l'oroscopo dei Gemelli!

Non siete amanti della storia dell’arte ma conoscete tutti l’Urlo di Munch, il quadro del pittore norvegese grazie ad esso noto in tutto il mondo. Oslo, capitale della Norvegia, è tutta un omaggio a questo genio connazionale: le sue opere più belle sono nascoste tra musei e collezioni d’arte.

Ma Oslo è anche scorpacciate di salmone e un tour in battello alla scoperta del suo splendido fiordo. L’offerta di oggi comprende pernottamento al Comfort Hotel Xpress Youngstoget con partenza da Milano il 17 aprile e rientro il 20.

 

 

Il costo dell'offerta? Soli 172 euro tutto incluso! Se volete scoprirla, eccovi il link diretto.

Era il 1962 quando il presidente americano John Fitzgerald Kennedy, con il proclama 3447, pose Cuba e Fidel Castro sotto una campana di vetro, immunizzando la nazione e i suoi cittadini da qualsiasi contatto con l’esterno.

Il blocco commerciale ha resistito alla Guerra Fredda, ai conflitti del Golfo negli anni ’90 e alle tristi guerre degli anni Duemila. Cuba è ancora lì, con un presidente un tempo condottiero forse ibernato e tanta voglia di rilancio. A novembre 2014 Barack Obama ha annunciato di voler metter fine a questa imposizione, aprendo di fatto un'era nuova per gli Stati Uniti e Cuba, ma per il mondo in generale.

Grazie alla "fine programmata" dell'embargo, ci si potrà avvicinare in maniera nuova a Cuba, per scoprirne le bellezze che rendono quest'isola, tra le più grandi dei Caraibi, un luogo da scoprire e ammirare per una vacanza sicuramente non convenzionale, ma piacevole.

 

 

Se le promesse del presidente americano diventeranno realtà, sarà molto più facile non solo volare verso l’Avana, ma turisticamente fare molte più cose: compare souvenir (sigari e rum in primis), ma anche semplicemente alloggiare in case di cubani, cosa fino ad oggi proibita. Vediamo quali sono i posti migliori dell’isola più grande dei caraibi.

L’Avana: città coloniale più grande dell’arcipelago dei Caraibi. Il quartiere più bello è sicuramente la Vieja Habana, dichiarato sito Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Al suo interno, tra 900 monumenti, il Palazzo Presidenziale e Piazza della Cattedrale. Ma non solo storia: la città vanta alcune tra le spiagge più belle dell’isola.

Santiago de Cuba. Dopo l’Avana è la seconda città più grande dell’isola. Molto ricca di eventi, folklore e tradizione. Tra gli altri segnaliamo la Fiesta del Fuego, che si svolge in luglio, il Festival del Caribe e il Carnaval. A livello culturale, sono sicuramente da vedere la Basilica di Nostra Signora della Caità e il Castello del Morro.

Trinidad. Fondata da Diego Velazquez nel 1514 è la città che tra tutte conserva il fascino coloniale europeo. Plaza Mayor è il punto più bello: la circondano splendidi edifici come incluso il Museo Histórico Municipal e il Museo de Arquitectura Trinitaria. Patrimonio Unesco dal 1988.

Valle del Los Ingenios. Non lontana da Trinidad, questa zona è ricca di zuccherifici del XIX secolo che potrete visitare a bordo di un trenino turistico a vapore. Spingetevi fino alla Sierra del Escambray e ad Ancón, la più bella spiaggia a sud di Cuba.

A caccia di quartieri innovativi nel mondo. Ci sono luoghi, nelle principali città del mondo, dove musica, creatività, tendenze di moda, artisti e street art hanno dato un importante contributo alla ristrutturazione e al miglioramento delle città stesse.

Da Milano a Miami, vi portiamo in un viaggio alla scoperta dell'innovazione fatta urbanistica, con risultati spesso molto validi e che hanno incrementato anche l'attrattività turistica delle città prese in esame. Pronti a un viaggio... nel futuro? Partiamo!

 

 

Milano, Isola

Alla vigilia dell’Expo, il quartiere che più di tutti sta beneficiando di questa nuova virata positiva è sicuramente Isola, vicino alla stazione di Porta Garibaldi. Negozi vintage, botteghe artigiane e locali hipster e alla moda (come il Frida), oppure dei classici sempreverdi per gli amanti di serata condita da musica jazz, come il Blue Note. Si trova dietro la torre Unicredit (il grattacielo più alto d’Italia) e l’avveniristica quanto bella piazza Gae Aulenti.

 

Amsterdam, Noord

Un classico della riconversione: spazi industriali riconvertiti in quartieri culturali in mezzo a villaggi rurali come Nieuwendam, adatti per gite in bici. Qui è stato appena aperto il Museo del Cinema e spazi di co working per creativi, oltre a una pista per skater al coperto. Dulcis in fundo, MTV ha appena trasferito i suoi uffici qui. I locali al top? Il caffè Noorderlicht, sotto una cupola trasparente, e l’IJ-Kantine, brasserie con terrazza vista fiume.

 

Miami, Wynwood

Laboratori, negozi di artigianato, spazi multifunzionali. Questo quartiere si trova nel Midtown, verso la 25esima strada ed è un vero e proprio incubatore di creatività. E poi, a renderla un museo a cielo aperto, sono le opere di street art di Obey e Banksy. Un aperitivo tra i bar è d’obbligo. Tra i migliori, il Panther, per skaters e mercanti d'arte, il Del Toro, e la pizzeria Joey's.

 

Parigi. Butte-Aux-Caille

Pensavate che il quartiere Bohèmien della Capitale Francese fosse Montmartre? Siete un po’ indietro con i tempi. Si trova nel 13° arrondissement e lo contraddistinguono casette a un piano, strade dai vicoletti stretti e un’inconfondibile aria da piccolo villaggio. Fanno il resto atelier di pittori e bistrot.