VitadaTurista

VitadaTurista

Quando fuori il freddo si fa sentire, che ne dite di un bagno caldo, magari in terme dalla storia secolare? Sì, è vero, le Spa sono sparse un po' ovunque in Italia ed Europa, ma solo a Budapest assumono un fascino tutto speciale, che da solo vale quasi tutto il viaggio.

La città che il Danubio separa nella Buda e nella Pest, dove il nuovo con il vecchio convivono perfettamente, e che sempre più negli ultimi anni si è proposta come meta alternativa alle grandi (e costose) capitali del Vecchio Continente. Economicità, peraltro, che ben ritroviamo anche in questo momento.

 

 

L’offerta di oggi, infatti, comprende volo dall’aeroporto di Roma-Ciampino e tre notti presso il Korona Hotel Panzio a Budapest (Ujbuda), che si trova non distante dalla Riserva naturale del monte Sas e dal Castello di Buda. Tre notti, volo e colazione inclusa. A quanto? 94 euro a persona, con partenza il 21 febbraio e rientro il 24.

Cosa aspettate? Tuffatevi (è proprio il caso di dirlo) su quest'offerta... termale!

Medioevo e Rinascimento sono stati periodi di alchimisti, ingegneri e artisti, che in Italia non hanno lasciato tracce solo all’interno di chiese e musei. Infatti, per la gioia dei più curiosi e avvezzi alle scoperte ed esplorazioni "casuali", c’è stato anche molto altro.

Di che cosa stiamo parlando? Della geometria! L'odiata materia scolastica ritorna quest'oggi (in verità lo ha fatto già secoli fa) sotto forme assolutamente nuove e... turistiche. Linee bilanciate e cadenzate, che magari nascondono numeri cabalistici o legati a chissà quale credo alchemico, scacchiere viventi, forme che lievitano sotto forma di castelli. Scopriamo insieme di cosa stiamo parlando!

 

 

Marostica

Splendida cittadina in provincia di Vicenza, ai piedi dell’Altopiano di Asiago. Nella sua piazza a scacchiera da molti anni si svolge la famosa partita. Ma prendete nota: solo negli anni pari. Una tradizione che risale ad un anno pari di tanti secoli fa, il 1454 appunto, quando due nobili, innamorati della bella Lionora, decisero chi l’avrebbe vinta con un duello d’amore.

 

Palmanova

Dal Veneto ci spostiamo poco lontano, in Friuli Venezia Giulia. Questa bella cittadina rappresenta al meglio cosa intendessero i rinascimentali quando parlavano di “scienza”: una città progettata per essere inattaccabile. Da chi doveva mai difendersi? Dai turchi, per questo i veneziani l’hanno progettata ad hoc: simmetria, stella a nove punte, perfettamente difesa. Con tanto di piazza simmetrica al centro. Un labirinto? Giammai.

 

Castel del Monte

In questo caso la geometria non è urbanistica ma architettonica. Siamo ad Andria, in provincia di Bari e questo è un luogo che catalizza l’attenzione di tutti: voluto da Federico II di Svevia per motivi ancora oscuri (perché un sovrano avrebbe dovuto costruire un castello in una zona lontana da porti, fiumi e dalle principali città?). Eppure il risultato è assolutamente vincente: 8 è il numero ricorrente. Otto lati, otto torri, otto stanze trapezoidali all’interno. Ottagonale è anche il cortile interno. Andate e contate da voi il resto!

Google Maps sta trasformando la nostra esperienza di viaggio rendenodoci turisti perfettamente autosufficienti: mappe, direzioni, quiz connessi a ciò che si sta facendo in quel momento, in quel posto nel mondo in un certo momento.

Questo e altro propone una delle app più scaricate del pianeta, che ha superato ormai il miliardo di download sul Play Store, complice l'installazione automatica sui dispositivi Android, ma che successo sta avendo anche sui dispositivi Apple, con gli utenti che continuano a preferira la mappatura del gigante Google rispetto alla soluzione "di casa" della mela morsicata.

 

 

Misurare le distanze

Gli amanti della misurazione delle distanze ne saranno entusiasti. Clicchi con il tasto destro su un punto, poi su un altro a piacimento e una linea retta (o curvilinea, perché, come sapete, la Terra è rotonda!) ti racconta quanto distano l’uno dall’altro senza inserire indirizzi. Non serve a capire un percorso, ma la pura curiosità è soddisfatta.

Cercare le piste ciclabili

Una novità che ancora non è possibile avere in Italia (forse data la problematicità di questo argomento nelle nostre città?), ma che dopo le 150 città del 2010 (e grazie a una petizione), oggi raccoglie tantissimi itinerari su due ruote sia in America che in Europa.

Scoprire le edicole votive

Indovinate un po’, in Italia sono state le diocesi di Livorno e Ruvo di Puglia a prestarsi per prime a questa sperimentazione. Un modo per scoprire degli scrigni nascosti, magari in angoli bui delle città. Non vi basta ancora? Una piccola scheda illustrativa ne racconta storia e curiosità.

Scaricare le mappe offline

Questa è una vera rivoluzione per chi è all’estero e non dispone di connessione dati. Vi basterà solo cercare il vostro itinerario (quando avrete la rete, magari da casa prima della partenza), e salvare la mappa. Potrete recuperarla in ogni momento, zoomarla e meno a piacimento. Certamente più comodo dell'alternativa cartacea 1.0

Visitare luoghi immaginari

Perché no? Quelli dei videogiochi, per esempio Metal Gear Solid, gioco di fantascienza ambientato in Alaska. E potrete anche leggere le opinioni degli altri “turisti”, che sicuramente conosceranno a menadito questi luoghi, neanche fossero i centri storici del proprio paese natio!

A Milano negli ultimi anni c’è solo una parola d’ordine, per quanto riguarda la variegata offerta gastronomica del capoluogo lombardo: l’hamburger. Non stiamo, però, parlando del menu mordi e fuggi del fast food, ma di una vera e propria incoronazione della carne di manzo, in varianti più o meno estrose.

A Milano parlare di street food vuol dire parlare di hamburger, e oggi vogliamo portarvi alla scoperta di alcuni luoghi, una sorta di templi del moderno mangiare, dove questo piatto così sfruttato, ma a volte così originale, viene proposto in modi e tempistiche tutte da scoprire.

 

 

Hambistro (Via Savona, 13) ad esempio, è un locale che si trova in centro, vicino al Teatro alla Scala. La sua particolarità è quella di combinare la carne con varianti a volte anche esotiche, per risvegliare emozioni e gusti che non provavate da tempo.

Trussardi alla Scala (Piazza della Scala, 5) talmente buono da essersi guadagnato la stella Michelin (badate bene, un piatto da cibo da strada che viene “stellato”). Eccezionale per poche ma (sapientemente) combinate caratteristiche: la carne inglese tagliata al coltello, la salsa speciale e le patatine alla paprika. Forse un po’ caro (i prezzi vanno dai 17 ai 24 euro), ma anche la location ha il suo prezzo.

Burger Wave (Via Cardinale Ascanio Sforza, 47) è il più democratico ed economico della città, a partire da meno di cinque euro. Ottimi hamburger all’australiana (con carne di angus, pollo, agnello, ma anche vegetariano) e patatine fritte, e dove le salse sono fatte in casa.

Ham Holy Burger (Via Palermo, 15): lo dice il nome, l’hamburger è “santo”, e come potrebbe esser diversamente se la carne selezionata è una fassona piemontese di prima qualità. La particolarità? Si ordina con il vostro tablet. E se non ho un tablet? Peggio per voi. E’ Milano bellezza, e tu non puoi farci nulla (salvo scegliere un altro locale della lista, no?). Arricchiscono la carne ingredienti di prima qualità: provolone, funghi, prosciutto crudo di Parma e olio tartufato.

Se vi diciamo che quest’anno (secondo l'Oroscopo cinese, che sempre più persone seguono e leggono con attenzione) è l’Anno della Capra, voi sarete portati a pensare subito a un Nobel per Vittorio Sgarbi. Certo, di questi tempi tutto è possibile, ma avete sbagliato, ci dispiace!

Noi di Vita da Turista sappiamo anche che siete lettori attenti e avrete sicuramente capito. Il 19 febbraio è la data X, quando quei due miliardi di abitanti (o poco più) che sono i cinesi nel mondo daranno il via alle loro danze.

Il Capodanno Cinese viene chiamato anche Festa del Nuovo Anno Lunare o Festa della Primavera, perché si presuppone sancisca la fine dell’inverno gelido. Quanto durano le festività? Quindici giorni, e culminano con la tradizionale festa delle Lanterne, che vede tutti i bambini sfilare con i loro piccoli cartoccini. Cos’altro avviene? In primis, il rosso è il colore predominante. Tradizione impone lo scambio di pacchetti rossi, e anzi, le persone single devono donare alle coppie sposate un dono di questo colore, un po' per generosità e un po' per sperare di gioire dei rapporti coniugali ASAP.

 

 

I fuochi artificiali, poi, sono un altro must della nota festa, come simbolo del male scacciato via e “bruciato”. Le città migliori? Pechino, per le parate tradizionali. Honk Kong, per il ricco calendario di eventi e Shangai per i fuochi artificiali: dallo skyline della città lo spettacolo è mozzafiato. Per quanto riguarda il cibo, invece, non spaventatevi: non vi aspetta nessun menù a base di ragni fritti e altre leccornie entomologiche. I cinesi nei loro banchetti amano il pollo e il pesce, ben augurali per l’anno a venire, e con ricette che forse avrete già provato in uno dei tanti ristoranti cinesi sparsi per il Bel Paese.

Ma non dovete per forza andare così lontano, perché come saprete la comunità cinese è un ribollire di uomini e donne sparsi ai quattro angoli del pianeta. Le migliori Chinatown? Londra e New York prima di tutto. Ma anche Bangkok. A Roma il 19 febbraio i cinesi conquisteranno, come da tradizione, Piazza del Popolo, mentre a Milano, dove i cinesi si concentrano nella zona di Via Sarpi, vi saranno altrettanti festeggiamenti che occuperanno la Chinatown meneghina.

Se avete con voi il vostro amico a quattro zampe, la domanda in qualunque parco voi andiate è sempre la stessa: posso portare il mio cane? E’ consentito loro l’accesso? E questo non vale solo per bar, ristoranti e alberghi, ma anche per portarli nel posto dove, in teoria, potrebbero sentirsi più a loro agio: il parco.

Di seguito troverete alcuni giardini e parchi sparsi per lo Stivale dove potrete portare i vostri amici allegramente al guinzaglio, senza preoccuparvi di restrizioni e antipatici rifiuti, se non le comuni regole di buon senso, come il guinzaglio e la museruola per gli animali di grande taglia.

 

 

Italia in Miniatura

In molti la conoscono, magari legata ai ricordi di scuola. Eppure questo parco potrebbe esser un’ottima occasione per i vostri animali: tanto spazio e attrazioni anche per voi padroni “solo” da guardare. Un’occasione per una tranquilla passeggiata. Uniche raccomandazioni: guinzaglio e museruola (se sono di grossa taglia).

 

Giardini di Ninfa

Questo è un luogo quasi magico. Si trova nel Lazio, poco distante da Latina e dal bellissimo borgo di Sermoneta. Si tratta di un giardino che ancora oggi appartiene ai nobili Caetani, che l’hanno trasformato in un vero spettacolo uomo-natura. Fioriture diverse ogni settimana di primavera in questo tripudio di laghetti, torri abbandonate e fiori. Dove anche i vostri cani potranno saltare tranquillamente.

 

Parco del Valentino

Il Valentino è uno dei simboli di Torino, e di sicuro uno dei parchi più belli della città. Dal Ponte sul Po’, al Giardino Roccioso, al Borghetto Medievale. Qui i vostri cani sono liberi di scorazzare liberamente. E recentemente è stata inaugurata anche una nuova area dedicata.

 

Giardino di Valsanzibio, Galzignano Terme

Un vero scrigno del ‘600 con fontane zampillanti, giardini geometrici, tempietti e fiumi. Qui i vostri cani potranno correre in completa tranquillità. E se vi faranno stancare troppo, ricordate che Galzignano è una nota località termale, oppure vicino avete Abano. Non avete che l’imbarazzo della scelta.

Le frontiere dei viaggi si allargano, sempre di più. E ovviamente la tecnologia non poteva di certo rimanere indietro, in un giro d'affari, visite sui siti e scambi di dati che ha raggiunto vette inimmaginabili fino a qualche anno fa.

Volete guardare il mondo con occhi in 3D? Eccovi accontentati. Mangiare insieme alla gente del luogo? Fatto. E magari anche dormire gratis? Non c’è problema. Vi basta una connessione internet e un dispositivo carico (si sa, quelli ormai sono sempre un grosso problema).

 

 

Venezia come non l’avete mai vista

OkVenice è la nuova app collegata con i Google Glass. Non solo una mappa interattiva tra ponti e calli (che vi assicuriamo, a Venezia c’è sempre bisogno), ma una guida interattiva che ti avverte se c’è qualcosa di interessante anche nell’angolo più remoto della città. Un quadro, ma anche una statua che non potete perdere oppure quella taverna dove offrono del buonissimo baccalà mantecato.

Pop-up Room

Siete stanchi del solito tetris tra i vostri bagagli per partire leggeri, e allo stesso tempo non ne potete più delle spoliazioni forzate ai gate?. Questa app permette di trovare nel luogo di destinazione tutto quello di cui avete bisogno: articoli per l’igiene personale, asciugamani, bagnoschiuma e shampoo. Siete stanchi e avete bisogno di un massaggio? Niente paura. C’è anche quello. Al momento lanciata a Milano in vista dell’imminente Expo, ma presto disponibile anche in altre città.

Tripr

Selezionate la vostra meta, i vostri gusti, il vostro itinerario, raccontate un po’ chi siete. Questa app, vi permette di “intercettare” i vostri risultati con quelli di altre persone presenti in quel luogo X. Chi lo sa che, da turisti solitari, non torniate a casa in due?

ITranslate

Utile come il pane per fare la scarpetta. Non solo se vi recate in vacanza in Lapponia o nel Laos. Spesso accade di rimanere linguisticamente “in panne” anche nella rassicurante Londra. E allora che ne dite di un app che traduce in pochissimi secondi (è questo il suo punto di forza), testo e voce? Un po' dizionario, un po' Google, sarà la vostra compagna fedele nelle situazioni da "lingua serrata".

JollyTicket

Il viaggio più bello è quando viene regalato. Questa app nasce proprio per chi, il viaggio, sogna di vincerlo. Come? Ci si collega al sito inserendo le solite credenziali: meta, città di partenza, hotel. Ma al momento della prenotazione (grazie al vostro click), potrete anche partecipare alla lotteria del sito. Provare per credere, e buona fortuna!

Che ne dite di un fantastico weekend per due sul lago di Ginevra? San Valentino si avvicina e noi non vogliamo che ci arriviate impreparati. Divonne-les-Bains è una deliziosa località termale a metà strada tra Ginevra, il Lago Lemano e il massiccio del Giura, che si trova in territorio francese, più precisamente nel Rodano-Alpi, ma non lontana dal confine elvetico.

Dormirete allo Chateau de Divonne, una struttura del XIX secolo immersa nel verde. Ovviamente per voi abbiamo pensato alla camera superior, dove vi verrà portata la colazione a letto e al pomeriggio potrete fare merenda assaggiando pasticcini al cioccolato svizzero.

 

 

Da qui, il centro di Ginevra dista solo 20 chilometri, e avrete la possibilità di visitare moltissime attrazioni della "capitale internazionale" della Svizzera: dai mercatini di Carouge, al jet d'eau sul lago fino al Museo della Croce Rossa e, per gli amanti della cultura, alla sede del CERN.

In più, l'aeroporto di Ginevra-Cointrin è a due passi, e vi permetterà così di raggiungere più comodamente la vostra destinazione, senza preoccuparvi dell'automobile. Qui, i mezzi pubblici sono efficienti e sempre disponibili.

Per 89 euro, potrete passare una notte da re tra la neve del Monte Bianco. Vi piace l'idea? Trovate l'offerta qui.

Non è detto che l’inverno debba essere necessariamente tetro, triste, da cioccolata calda e copertina davanti alla centesima replica della serie TV del momento, e altrettanto non è detto che il brutto tempo possa privarvi di occasioni per partire (anche perché, diciamocelo, questi mesi stanno regalando molte giornate di sole).

Un weekend col sorriso, italianizzazione del termine smily winter, è una soluzione piacevole per stemperare la tensione della settimana uscente, godendosi del sano relax in alcuni luoghi dal particolare fascino, votati al divertimento o semplicemente allo stare bene.

 

 

Montagna

Avete mai sentito parlare di Scanno? Questa piccola località si trova in Abruzzo, più precisamente nella provincia dell'Aquila. Arroccata su un piccolo quanto fascinoso colle che affaccia sul Lago omonimo, Scanno presenta un borgo dal fascino unico, interamente in pietra, dove anche il fruscio delle foglie si sente in lontananza. Lasciatevi stupire dalle magnifiche creazioni orafe degli artigiani del luogo, e rilassatevi in una passeggiata tra le vicine Gole del Sagittario, magari gustando i tipici mostaccioli o cercando di scorgere, in lontananza, un orso bruno o un lupo che passeggiano tra i boschi.

 

Mare

Versilia con il freddo. Viareggio, Forte dei Marmi, Pietrasanta e Lucca. Una zona splendida, a metà tra le bellezze della Toscana (non c’è neanche da dirlo) e le Cinque Terre, che si trovano solo un po’ più a nord. Una zona che in estate è quasi inavvicinabile, ma che in inverno propone interessanti pacchetti dove potrete provare il lusso, ma senza spendere troppo. Un esempio? L’Hotel Il Principe a Forte dei Marmi, che in questo periodo propone un pacchetto che include un aperitivo sulla terrazza del 67 Sky Lounge Bar, cena gourmand e percorso benessere.

 

Città

Oggi vi proponiamo Venezia. Non solo perché la città lagunare è un luogo sempre suggestivo, ma perché, in inverno, la sua bellezza forse aumenta. Se Giosuè Carducci, nel lontano 1883, scriveva  “la nebbia a gl'irti colli”, per Venezia andrebbe bene una riedizione chiamata “la nebbia tra i canali”. La nebbia, l’umidità, la pioggia e anche la pur scomoda acqua alta creano un effetto che non ha eguali. Febbraio è il mese in cui Venezia esplode per i colori delle maschere (molti hotel e b&b offrono ai loro ospiti un kit ad hoc per il Carnevale) e dei balli in maschera. Ma a gennaio, ve lo assicuriamo, potrete apprezzarla in tutto il suo silenzio fascinoso.

Neanche Pol Pot, con i suoi vent’anni di regime violento e sanguinario, è ruscito a offuscare il fascino di un paese che ha tanto da offrire al turista. La Cambogia è una terra fatta di montagne dove vivono indisturbate tigri e leoni ma anche di spiagge tropicali.

Un Paese che si sta pian piano aprendo al turista occidentale, che non la considera più una tappa veloce per arrivare in Thailandia, ma una destinazione dalla dignità propria. Come si raggiunge la Cambogia? Dall’Italia sono circa 14 ore di viaggio, con scalo a Bangkok se volate in Thai Airways, mentre per i voli interni esiste solo la Cambodia Angor Air. Altra domanda, altra risposta. Qualè il miglior perido per visitarla? La stagione secca, che va da novembre ad aprile. Evitate agosto e settembre a causa delle piogge monsoniche. Un viaggio il più possibile cheap? Consultate il sito The Luxe Nomad, per avere sconti sugli hotel di lusso.

Quelle che vi proponiamo noi di Vita da Turista, invece, sono sette tappe in dieci giorni. Un modo certamente riassuntivo, ma anche un piccolo vademecum, per il turista occidentale, e italiano nello specifico, che si affaccia per la prima volta a questo luogo dal fascino "invincibile".

 

 

Angkor Wat

Uno dei siti archeologici più belli del mondo. Antica capitale del regno Khmer, poteva contare una zona urbana che ospitava centinaia di migliaia di persone, e che durante l'epoca medievale era tra le città più popolose del mondo

 

Otres Beach

Una delle spiagge più tranquille del paese. Se preferite la natura alle feste, e volete concedervi del sano relax, avete trovato il posto giusto per voi

 

Sihanoukville

Al contrario della destinazione precedente, assolutamente da scegliere se amate la vita notturna. Party non stop a prezzi modici, e musica fino a notte inoltrata

 

Phnom Penh

La capitale della Cambogia, si raggiunge in circa sei ore di auto da Sihanoukville. Una volta soprannominata “perla dell’Asia” per via del suo fascino, presenta ancora oggi luoghi tutti da scoprire

 

Lago Tonle Sap

Tipico per le sue palafitte, costruite per scongiurare l’arrivo dei monsoni, il Tonle Sap varia le sue dimensioni a seconda delle stagioni, arrivando anche a triplicare l'ampiezza delle sue acque

 

Monti Cardamomi

si raggiungono in cinque ore di viaggio dalla capitale. Inesplorati fino a qualche anno fa. Sono la patria di specie come la tigre indocinese, l’elefante asiatico, il gibbone e il coccodrillo siamese.

 

Siem Reap

Cttadina poco distante da Angkor, graziosa e piccola, si trova a poca distanza sia dal complesso monumentale di Angkor Wat, che dalle spiagge del Lago Tonle Sap