La nota guida turistica Lonely Planet, uno dei massimi nomi in fatto di consigli del turismo, ha lanciato la sua versione aggiornata dell'Ultimate Travelist, la lista delle 500 destinazioni da visitare assolutamente.

Si tratta di una classifica che, come è possibile immaginare, include i luoghi più belli del mondo, sia quelli già famosi, e sia quelli che per la loro bellezza meritano una maggior fama internazionale. Per ora disponibile, solo in preordine, e solo in inglese, la Ultimate Travelist si configura come la guida turistica definitiva del globo terrestre.

Elencare tutte e 500 le località sarebbe davvero un lavoro enorme, ma vi basterà sapere che il luogo "imperdibile per eccellenza", secondo Lonely Planet, è il complesso archeologico di Angkor Vat, i templi della Cambogia, seguiti dalla Grande Barriera Corallina dell'Australia e, medaglia di bronzo, il sito archeologico peruviano di Machu Picchu.

 

 

Per quanto riguarda l'Italia, che pure domina la classifica UNESCO dei patrimoni dell'Umanità con ben cinquantuno siti, il parere dei redattori statunitensi è meno lusinghiero: nella top 50 spiccano solo tre siti del Bel Paese, ovvero il Colosseo di Roma (7° posto), Piazza San Marco a Venezia (26° posto) e il sito archeologico di Pompei, al 41° posto.

Tesori visitati ogni anno da milioni di turisti, come il Museo degli Uffizi di Firenze, le Cinque Terre in Liguria, o il Duomo di Milano, si trovano soltanto molto indietro nella top 500, con la Chiesa di Santa Maria Nascente - questo il vero nome del Duomo meneghino - addirittura al 245° posto.

Stupisce, infine, la presenza della Torre di Pisa, probabilmente uno dei luoghi più amati dai turisti stranieri in Italia, che si trova pressoché in chiusura della classifica, al 493° posto, superata ad esempio dal Fiordland National Park della Nuova Zelanda, dalla Scogliera dei Dodici Apostoli in Australia, e dalle Dune di Sossusvlei, in Namibia (212° posto).

Al di là delle considerazioni generale sui pareri della classifica, la Ultimate Travelist è un ottimo mezzo per immergersi nella bellezza del mondo, grazie a luoghi unici e suggestivi, come la Grand Place di Bruxelles, il Castello di Edimburgo o la prigione di Alcatraz, un "monumento" sui generis, ma che grazie al recente restauro si configura come un luogo da rivedere, e riscoprire.

Neanche Pol Pot, con i suoi vent’anni di regime violento e sanguinario, è ruscito a offuscare il fascino di un paese che ha tanto da offrire al turista. La Cambogia è una terra fatta di montagne dove vivono indisturbate tigri e leoni ma anche di spiagge tropicali.

Un Paese che si sta pian piano aprendo al turista occidentale, che non la considera più una tappa veloce per arrivare in Thailandia, ma una destinazione dalla dignità propria. Come si raggiunge la Cambogia? Dall’Italia sono circa 14 ore di viaggio, con scalo a Bangkok se volate in Thai Airways, mentre per i voli interni esiste solo la Cambodia Angor Air. Altra domanda, altra risposta. Qualè il miglior perido per visitarla? La stagione secca, che va da novembre ad aprile. Evitate agosto e settembre a causa delle piogge monsoniche. Un viaggio il più possibile cheap? Consultate il sito The Luxe Nomad, per avere sconti sugli hotel di lusso.

Quelle che vi proponiamo noi di Vita da Turista, invece, sono sette tappe in dieci giorni. Un modo certamente riassuntivo, ma anche un piccolo vademecum, per il turista occidentale, e italiano nello specifico, che si affaccia per la prima volta a questo luogo dal fascino "invincibile".

 

 

Angkor Wat

Uno dei siti archeologici più belli del mondo. Antica capitale del regno Khmer, poteva contare una zona urbana che ospitava centinaia di migliaia di persone, e che durante l'epoca medievale era tra le città più popolose del mondo

 

Otres Beach

Una delle spiagge più tranquille del paese. Se preferite la natura alle feste, e volete concedervi del sano relax, avete trovato il posto giusto per voi

 

Sihanoukville

Al contrario della destinazione precedente, assolutamente da scegliere se amate la vita notturna. Party non stop a prezzi modici, e musica fino a notte inoltrata

 

Phnom Penh

La capitale della Cambogia, si raggiunge in circa sei ore di auto da Sihanoukville. Una volta soprannominata “perla dell’Asia” per via del suo fascino, presenta ancora oggi luoghi tutti da scoprire

 

Lago Tonle Sap

Tipico per le sue palafitte, costruite per scongiurare l’arrivo dei monsoni, il Tonle Sap varia le sue dimensioni a seconda delle stagioni, arrivando anche a triplicare l'ampiezza delle sue acque

 

Monti Cardamomi

si raggiungono in cinque ore di viaggio dalla capitale. Inesplorati fino a qualche anno fa. Sono la patria di specie come la tigre indocinese, l’elefante asiatico, il gibbone e il coccodrillo siamese.

 

Siem Reap

Cttadina poco distante da Angkor, graziosa e piccola, si trova a poca distanza sia dal complesso monumentale di Angkor Wat, che dalle spiagge del Lago Tonle Sap