Affascinati dalla storia del re Ludwig abbiamo deciso di fare un viaggio di 5 giorni in Baviera, perdendoci tra i suoi castelli e i fantastici paesaggi che si vedono guidando lungo la Alpenstrasse. Nonostante il tempo non fosse dalla nostra parte (ha piovuto spesso ed è riuscito anche a nevicare un giorno) è stata una mini-vacanza bellissima e sinceramente ci tornerei di nuovo!

 

Numero Viaggiatori: 2

Data di partenza: 23/05/2013

Durata: 5 giorni

Luoghi: Monaco di Baviera e dintorni

 

Descrizione del viaggio:

Questa vacanza per noi è stata un po' la vacanza delle favole, che si è snodata tra bellissimi paesaggi e castelli meravigliosi, entrando un po' nel mondo del re LudwigSiamo partiti di giovedì mattina con un volo Lufthansa diretto verso Monaco. Il primo giorno l'abbiamo dedicato alla visita del centro della città, abbiamo visitato Marienplatz e i dintorni del centro. Siamo saliti sul campanile della chiesa Alte Peter godendo di un panorama mozzafiato ed una volta scesi abbiamo aspettato per vedere lo spettacolo del carillon del Rathaus. Prima di rientrare in hotel abbiamo fatto un giro nella zona del centro direzionale BMW e del centro olimpionico. La sera a cena siamo entrati in una tipica birreria tedesca in centro e abbiamo lasciato al cameriere la scelta di portarci qualcosa di tipico. 

Il giorno dopo di buon mattino siamo andati a ritirare la macchina e siamo partiti alla volta di Fussen. La parte fiabesca della nostra vacanza stava per iniziare :-) !!! Siamo andati a visitare i due castelli, quello di Hohenschwangau, e quello del Neuschwanstein che è praticamente il castello delle favole a cui si è inspirata la Walt Disney. Giunti nella biglietteria abbiamo fatto l'abbonamento di 15 giorni poiché avevamo valutato che ci conveniva rispetto al singolo biglietto in quanto avevamo intenzione di visitare anche altri due palazzi di Ludwig. I castelli sono meravigliosi, e messi in un contesto favoloso, incastonati tra montagne e laghetti. Gli scorci che si vedono percorrendo i vari sentieri che collegano i due palazzi sono meravigliosi. Anche gli interni dei palazzi sono molto belli. Nonostante ad un certo punto anche la neve aveva fatto la sua comparsa ci siamo goduti questa meravigliosa giornata. A cena siamo andati in una locanda di Fussen e ci siamo mangiati una favolosa Wienerschnitzel.

Il giorno dopo ci aspettava il secondo palazzo del re Ludwig: Linderhof. La strada per raggiungere questa destinazione è molto panoramica e si costeggia anche un lago meraviglioso: Plansee. Il palazzo di Linderhof all'interno è bellissimo, anche i giardini sono meravigliosi e pieni di cose da vedere. All'interno dei giardini si trova anche la grotta che Ludwig si è fatto costruire su ispirazione della grotta azzurra di Capri per rilassarsi... è favolosa! Terminata la visita del palazzo siamo andati a farci una passeggiata a Garmisch e dopo una passeggiata nel centro siamo andate a vedere le gole di Partnach e l'impianto delle olimpiadi invernali. Fatto questo bel tour siamo andati in hotel a Oberammergau ma prima di preparaci per la cena ci siamo fatti una passeggiata per la cittadina così da ammirare le case dipinte!! Un'altra cena tipica ci attendeva:un'arista con cremina ai funghi e spatzle (gnocchetti) spettacolare. L'unico neo della cittadina è che alle 9 - 9.30 molte cucine dei ristoranti chiudono!!!

Il quarto giorno era giunto e siamo andati a vedere il palazzo di Herrenchiemsee sito su un'isola del lago Chiemsee, bellissimo anche questo anche se a me sono piaciuti di più i precedenti. Dopo un bel giro nel lago e nell'isola siamo rientrati a Monaco ed abbiamo riconsegnato la macchina. A causa del maltempo abbiamo cenato in un ristorante vicinissimo al nostro hotel! L'ultimo giorno era arrivato. Ci siamo fatte un giro nella Residenz di Monaco, finalmente ci hanno consentito di fare le foto anche all'interno del palazzo... altrove era sempre proibito purtroppo!!!!

È stata una vacanza meravigliosa che consiglio a tutti!!!

I castelli in Italia Meridionale, nati come strutture difensive, rappresentano ad oggi posti dallo scenario suggestivo per tutti coloro che vogliono coniugare un itinerario naturale e storico, senza spostarsi troppo e all'insegna della riscoperta della Grande Bellezza del nostro Paese.

Oggi, noi di Vita da Turista vi portiamo dunque a conoscere tre castelli medievali dell’Italia Meridionale, con la loro storia, i misteri che vi si nascondono, gli inaspettati paesaggi che offrono e tutte le ricchezze che solo gli spazi attigui sanno offrire. Pronti a partire?

 

 

Castello di Melfi (Basilicata)

Siamo  in Basilicata, terra dal paesaggio agreste e luogo di particolare importanza per i Normanni che vollero costruire questo castello come struttura di collegamento fra la Campania e la Basilicata. Visita consigliata per tutti coloro che amano il contatto con la natura – dal castello, infatti, si può ammirare un paesaggio spettacolare - e vogliono visitare una fortezza dalla struttura difensiva di tutto rispetto. Tale struttura ha rappresentato nei secoli un luogo di primaria importanza, dove vennero svolti anche quattro concili papali, valorizzato da Federico II di Svevia e da Carlo I D’Angiò che ne fecero loro residenza. Successivamente divenne un possedimento della famiglia Doria, e solo nel 1954 fu ceduto allo Stato Italiano. Oggi è sede del museo archeologico Melfese.

 

Castello di Venosa (Basilicata)

In provincia di Potenza, nella città che diede i natali al poeta latino Orazio Flacco, ha sede un castello che porta con sè storie di intrigi e misteri. Il castello, infatti, nasce come fortificazione al posto dell’antica cattedrale per volere del duca Pirro del Balzo, diventato signore di Venosa dopo il matrimonio contratto con Maria Donata Orsini, pur non essendo molto amato dai Venosini stessi. Ma, a quanto pare, tale precauzione non portò gli effetti da lui sperati; si narra, infatti, che fu strangolato all’interno dello stesso castello. Inoltre, secondo leggende popolari, si tramanda che ogni anno nella notte del 24 ottobre, durante la Festa di San Felice, nel fossato si terrebbe la processione di anime purganti o di martiri cristiani.

 

Castel Del Monte (Puglia)

Il nostro itinerario alla scoperta dei castelli dell’Italia Meridionale termina a quasi venti chilometri da Andria, su una collina che ospita una bellissima struttura ottagonale voluta da Federico II di Svevia, utilizzato come possibile osservatorio astronomico o come maniero da caccia, di sicuro elemento che stravolge per forma e utilizzo dei materiali scelti l’ottica dei castelli medievali della zona. La forma ha sempre attirato l’attenzione di simbologi e appassionati di esoterismo che indicano nella forma geometrica caratteristica l’unione fra il quadrato, simbolo della terra, ed il cerchio come rappresentazione dell’infinità del cielo, oppure come richiamo alla forma della corona dell’imperatore stesso. Fu rifugio di famigli nobili della zona durante la peste del 1656, ricovero per pastori e briganti. Dal 1996 è divenuto patrimonio dell’Unesco.

Scozia: pensando a lei vengono subito in mente antiche leggende, paesaggi mozzafiato e il classico binomio kilt & cornamusa. Saranno anche luoghi comuni, ma di sicuro fanno parte del patrimonio di tradizione e folklore che è uno dei punti di forza del Paese e del suo turismo.

È questo, e molto altro, che rende la Scozia un’ambita e visitatissima meta turistica, e proprio per questo noi di Vita da Turista abbiamo pensato ad un’idea di viaggio in Scozia tutto per voi che dalla sua splendida capitale arriva fino alla regione delle Highlands, dove natura e castelli sono padroni assoluti. Un articolo che vi propone due itinerari diversi, ma paralleli, due itinerari che vi conducono alla scoperta di due anime differenti della Scozia.

 

 

Edimburgo, il meglio della capitale

 

La prima tappa non può essere che lei, la magica capitale scozzese: Edimburgo. Sono peraltro moltissimi i voli diretti, anche con compagnie aeree low cost, che arrivano qui dalle principali città italiane. Potremmo dilungarci per ore a elencarvi tutti i motivi per cui scegliere Edimburgo per la vostra prossima vacanza. Prima di tutto, la sua è un’atmosfera davvero unica poiché la città conserva una veste molto tradizionale con angoli dal fascino caratteristico e folkloristico.

Se non ci credete, appena arrivati alzate lo sguardo e lasciatevi colpire dalla visione del castello, che dall’alto domina la città con le sue alte guglie e bastioni. Una vista davvero mozzafiato, proprio come quella che potete avere su tutta la città dai suoi migliori punti panoramici, che sono indubbiamente le alture di Calton Hill, Arthur’s Seat e Castle Rock.

Un consiglio per immergervi appieno nell’atmosfera di Edimburgo? Fare una passeggiata lungo il Royal Mile, l’antica strada che in passato collegava il castello con la parte vecchia della città e che oggi è la sua via principale. Qui batte il cuore della capitale scozzese grazie alla presenza di numerosi negozi e vicoletti che dalla strada principale si dipartono in una fitta e affascinante rete.

 

Le Highlands, la Scozia dei castelli e della natura straordinaria

 

Abbandoniamo la città per portarvi nella regione delle Highlands, quella dove potete trovare l’anima più vera della Scozia: a paesaggi naturali strepitosi fatti di laghi e montagne si alternano viste dei castelli più famosi del Paese. Perché, diciamoci la verità, che Scozia sarebbe senza castelli?

Sono moltissimi i turisti che ogni anno arrivano fin qui solo per poterli ammirare in tutta la loro maestosa bellezza, tanto che esiste un vero e proprio percorso, noto come Castle Trail, letteralmente il percorso dei castelli. Seguitelo dall’inizio alla fine e scoprirete manieri antichissimi, dalla bellezza senza tempo, alcuni dei quali si trovano in posizioni panoramiche e scenografiche uniche.

Un paio di esempi su tutti, giusto per farvi venire l’acquolina in bocca: tra i castelli più belli non solo della Scozia ma di tutta Europa sul podio ci sono quello di Eilean Donan sulle rive del lago Duich e quello di Lomond affacciato sull’omonimo specchio d’acqua. Scenari da cartolina e da fiaba, insomma, quelli che meglio di altri riescono a far percepire al turista la vera anima scozzese!

Castello ... solo il nome evoca magia o mistero e dà libero sfogo alla fantasia. Impossibile non riconoscere il fascino dei casteli, sempre costruzioni affascinanti, in alcuni casi capaci di evocare anche paura, ma di certo suggestive. National Geographic ne ha selezionati 15 tra i più belli presenti da un capo all'altro del mondo. Scopriamoli insieme!

Osservando questi castelli, sembra quasi possibile costruire una mappa del potere mondiale del passato: dalla Russia, dove si trova il Castello di Caterina, a pochi chilometri da San Pietroburgo, fino al Giappone, con il Castello di Matsumoto. Un viaggio nel fantastico, che passa anche per località europee molto conosciute e visitate. E come perdersi, d'altra parte, il Castello di Chambord in Francia, la famosa residenza reale di Windsor in Inghilterra o il famoso Castello di Praga.

 

 

Ma i castelli non sono però soltanto un simbolo di potere. Rimandano anche - e in modo quasi immediato - al mondo delle favole: tra queste 15 meraviglie, dunque, trova spazio anche il castello tedesco di Neuschwanstein, che ispirò Walt Disney nella creazione del palazzo de La bella addormentata nel bosco.

All'interno della selezione c'è spazio anche per l'orgoglio nazionale. Sono due i castelli della nostra penisola presenti tra i fantastici 15: Castel del Monte di Andria e quello di Rocca Calascio in territorio aquilano. Entrambe le costruzioni hanno una certa magnificenza, dominano il territorio circostante e possiedono tutte quelle caratteristiche che rendono un semplice palazzo qualcosa di più attraente. La loro bellezza non si esaurisce però a questi elementi di superficie, poiché tutti e due hanno delle storie molto interessanti. L'edificio pugliese è circondato da un alone di mistero: non si hanno grandi informazioni su quando sia stato edificato, e si suppone soltanto, senza saperlo con certezza, che fu l'imperatore Federico II a volerlo realizzare. Il castello di Rocca Calascio è invece stato utilizzato come set cinematografico anche per produzioni statunitensi, come The American con George Clooney e Il nome della rosa, celebre film con Sean Connery tratto dall'ancor più celebre romanzo di Umberto Eco.

E voi? Che ne direste di trascorrere una vacanza in un Castello? Certo, non per forza uno di quelli scelti dal National Geographic... Vi sentireste più principi e principesse o avreste paura dell'apparizione di un fantasma?