Un gioiello nel cuore del Mediterraneo, il luogo dove la cultura araba si incontra con quella siciliana, in un turbinìo di sapori e odori a cui non si può rinunciare.

Anche quest’anno San Vito Lo Capo ospiterà il CousCous Fest tra il 18 ed il 27 Settembre; giunti alla diciottesima edizione di quest’evento che anno dopo anno accoglie migliaia di affezionati, turisti e curiosi appassionati di gastronomia, la manifestazione è un appuntamento imperdibile per chi vuole assistere ad una gara culinartia di tutto rispetto e un’opportunità in più per godersi lo splendido mare della provincia trapanese.

 

 

Protagonista il cous cous, piatto originario del Maghreb, in pieno Nord Africa, composto da granelli di semola che vengono sgranati e cotti a vapore nella tipica pentola in terracotta smaltata, una ricetta antichissima e tramandata da secoli di madre in figlia, pietanza che viene solitamente è accompagnata da brodo di zuppa di pesce, uno dei piatti importati nella provincia di Trapani che a sua volta è stato portato nel livornese e nel genovese.

Durante la manifestazione verranno allestiti numerosi stand gastronomici dove verrà servito dalle 12 alle 24 cous cous per tutti i gusti e i palati più ricercati o semplicemente amanti della cultura arabo-siciliana con varianti esotiche, innovative e gluten-free, acquistando un ticket degustazioni di 10€, che comprende un dolce della tradizione siciliana e un bicchiere di vino.

Quest’anno l’abbinamento cous cous- vino e le ricette d’autore saranno curate da un parterre di chef pluristellati, tra cui spiccano Claudio Sadler e Giancarlo Morelli, che renderanno la festa ancora più originale e ricca di idee, con l'aiuto di blogger di settore come Chiara Maci e Sonia Peronaci.

L’obiettivo per i partecipanti all’evento sarà quello di vincere il premio di Miglior Cous Cous 2015, affrontando due competizioni che verranno votate da una giuria tecnica e una popolare. La Gara gastronomica, il leit motiv della manifestazxione, sarà non solo un momento di grande sportività ma soprattutto daranno valore aggiunto alla multiculturalità e all’integrazione, capisaldi da sempre della regione.

Spazio anche alla musica e alla poesia: martedì 22 settembre saliranno sul palco della festa la band Elio e le Storie Tese, seguiti il mercoledì 23 Settembre da Vinicio Capossela.

 

 

Dopo aver viaggiato lungo l'offerta natalizia della Toscana, oggi vogliamo dedicarci a scoprire cosa l'Emilia Romagna, e in particolare il suo capoluogo Bologna, propongono a turisti e residenti locali per il periodo dell'Avvento, tra mercatini e fiere che segnano l'avvicinamento al Natale.

 

 

Bologna

Si tiene a Bologna, lungo quella Strada Maggiore fulcro della vita cittadina, la tradizionale Fiera di Santa Lucia, che proseguirà tutti i giorni fino al 26 dicembre, festa di Santo Stefano. Dalle 9 alle 20.30, i visitatori potranno immergersi nella grande offerta della più grande Fiera d'Europa, un appuntamento imperdibile nel quale gastronomia, tradizione e artigianato si mescolano per donare alla bella "Dotta" il suo vestito migliore. Allo stesso modo, è da vedere la Fiera di Natale di Via Altabella, che rimarrà aperta negli stessi orari ma fino al 6 gennaio, e nella quale sarà possibile ammirare e acquistare tanti prodotti di tutti i tipi.

Nella provincia bolognese, spazio all'appuntamento con Al Nadel 'd Zola, la Fiera del Natale che il 13-14 e 21 dicembre illuminerà stradine e piazze di Zola Predosa. Qui, tra una bancarella di artigianato e uno spazio gastronomico, sarà possibile scoprire bellezze e attrazioni del comune, tra le quali la Biblioteca pubblica, il Museo del Passato (dedicato alla riscoperta dei mestieri tradizionali e della lavorazione della canapa) e i numerosi spettacoli messi in scena per i visitatori.

 

Rimini

Ci spostiamo a Rimini, dove certo il Natale in riva al mare ha tutto un altro sapore, ma anche qui le tradizioni non possono non essere rispettate. Ecco dunque che tra gli appuntamenti imperdibili ci sono i mercatini dell'artigianato di Via Castelfidardo, che si terranno nelle tre domeniche antecedenti il Natale (7, 14 e 21 dicembre) mentre tutto il centro storico, dal 1 dicembre e fino al 6 gennaio 2015, si trasformerà in un grande palcoscenico del Natale a cielo aperto, dove ogni strada e piazza offriranno idee, spunti e addobbi differenti, tutti da scoprire.

 

Ferrara

Proposta ampia e di sicuro effetto anche quella del comune di Ferrara, che dal 30 novembre al 6 gennaio, nella splendida cornice della Piazza Municipale, si vestirà a festa con tante attività tutte da scoprire, mercatini insoliti e curiosi, ma anche tanta buona cucina e bevande, spettacoli e attrazioni per i bambini (e gli adulti) in una cornice turistica di grande interesse.

 

 

Parma e provincia

Concludiamo la nostra carrellata con un piccolo paese del parmense, Borgo Val di Taro, che nel primo weekend festivo di dicembre si trasformerà in una sorta di presepe vivente. Qui, infatti, l'arrivo del Natale sarà celebrato con una ricchissima mostra di artigianato, eventi di ogni tipo (tra i quali i cori e le musiche dei Gruppi Alpini) e il celebre Festival della Spongata, un dolce natalizio tradizionale dell'Emilia centrale fatto di marmellata, pinoli, mandorle e frutta candita inseriti in un delicato impasto di pasta brisèe. Insomma, golosi e amanti del Natale, è giunto il vostro momento!

L’Italia, si sa, è il Paese dove il piacere del mangiar bene è insito nel DNA di ogni suo abitante. E con l’arrivo della primavera e della bella stagione sono tante le sagre organizzate in ogni parte del Bel Paese, con lo scopo di richiamare l’attenzione di turisti e connazionali, alla ricerca di eventi enogastronomici imperdibili.

Ecco per voi le principali sagre d’Italia che si svolgono durante la primavera, suddivise regione per regione, per conoscere nuovi gusti o riassaporare i piaceri gastronomici di una volta, tra feste ed eventi "di piazza".

 

 

In Valle d’Aosta, a partire dal 15 maggio, si svolge la famosa Festa delle Cascine, dove è possibile assaporare costine cotte alla griglia e bere fontane di birra. In Piemonte invece, dal 24 aprile fino al 2 maggio, nel centro dell’Alto Canavase si friggono chili di rane in pastella. La regione ospita anche mostre di funghi e balli folcloristici, che si svolgono in occasione della sagra del salame di cinghiale, il 29 marzo a Val della Torre.

La Lombardia ospita numerose sagre, tra cui quella dedicata al latte a Morimondo il 26 aprile e quella del 21 aprile a Borgo Priolo, la famosa Sagra dei brasadè, ciambelline cotte in forni di pietra.

La Liguria invece, celebra i suoi prodotti d’eccezione: il limone a Monterosso (16 maggio), il pesce a Camogli (10 maggio) e la focaccia a Recco, dove domenica 24 maggio, sarà servita bianca di prima mattina e con le cipolle verso l’ora di pranzo. Imperdibile la Festa dei Limoni di Monterosso a La Spezia, il 17 maggio, dove sarà possibile gustare numerosi prodotti tipici, come la crema di limone o il Limoncino e tutti i vari dolci aromatizzati al limone.

In Friuli-Venezia Giulia, invece, il 25 aprile è dedicato alla visita e alla degustazione di prodotti caseari con la sagra della ricotta friulana. Nella città di Zambana, in Trentino-Alto Adige, il 30 aprile si possono degustare gli asparagi bianchi, utilizzati per la realizzazione di numerose ricette. In Toscana, e precisamente in provincia di Arezzo invece, precisamente a Loro Ciuffenna, il 25 aprile si cucina la trota. Il fritto misto si celebra nelle Marche, ad Ascoli Piceno, dal 24 aprile al 3 maggio. Mentre, ad Urbino tra il 9 e il 10 maggio, avrà luogo una nuova edizione del Festival della Casciotta, durante la quale si potrà assaggiare un’eccezionale zuppa di farro e casciotta.

Se siete amanti dei dolci, l’Abruzzo fa proprio per voi. Qui infatti, in occasione della sagra delle ciliegie, potrete assaporare confetture ed assistere a gare di pasticceria. Da non perdere la rassegna delle torte di Pasqua che si svolge ogni anno in Umbria, a Mantignana.

Ed ancora, a Fossalto, in Molise, a partire dal primo maggio si celebra la Pagliara Maje Maje, durante la quale il pagliaro indosserà un abito composto da un grande cono ricoperto di rami e fiori e percorrerà la città annunciando l’arrivo della nuova stagione. Invece, da aprile a giugno in Basilicata si svolgono i festeggiamenti del Maggio Accetturese, festeggiamenti durante i quali sarà possibile degustare formaggi, salsicce e vino nelle grandi tavolate collettive.

Dal 18 aprile invece a Montegiordano, in Calabria, si svolge la sagra dei piselli e delle fave. L’11 maggio in Puglia, precisamente a Villa Convento a Novoli, si tiene una delle sagre più caratteristiche, dedicata alla Puccia, dove sarà possibile gustarla con moltissime farciture. Per concludere, a Carloforte ci si proietta invece verso l’estate con la sagra del cous cous, in dialetto chiamato cascà, condito con verdure speziate (25 e 26 aprile).

"Masterchoc - Non faremo le torte a nessuno". È questo il titolo scelto per la 21° edizione dell'Eurochocolate di Perugia, che ha preso il via il 17 ottobre. La manifestazione è come sempre dedicata al mondo del cioccolato e della pasticceria e porta nel capoluogo perugino migliaia di visitatori ogni anno. Con la partecipazione dei più grandi nomi dell'industria dolciaria italiana, l'Eurochocolate rappresenta un appuntamento imperdibile per chi ama il "cibo degli dei", ma anche per chi non vuole rinunciare, tra una degustazione e l'altra, a visitare una delle città più belle dell'Umbria e d'Italia, con un centro storico medievale di grandissimo pregio.

Se pensate che sia troppo tardi, preparate una borsa e partite subito. Fino a domenica 26 ottobre ci sono tante iniziative in programma, molte delle quali saranno di preparazione a Expo 2015, che si terrà a Milano dal 1° maggio al 31 ottobre 2015 (se non sapete come comprare i biglietti, ecco la spiegazione nei dettagli). Questa sezione dell'Eurochocolate, detta appunto EXPO Chocolate, è tutta dedicata alla fusione tra il cioccolato e alcuni dei prodotti enogastronomici più importanti in Italia, come il Parmigiano Reggiano e il caffè.

 

 

Tra appuntamenti e visite guidate, il calendario è assolutamente ricchissimo: si va da una "caccia al tesoro" ispirata a Sherlock Holmes alle "degustazioni guidate", nelle quali cioccolato e monumenti vanno a braccetto. Grandi spazi dedicati anche a bambini e ragazzi, che potranno scoprire i segreti della lavorazione del cioccolato e partecipare a laboratori di pasticceria, mentre gli adulti avranno tanto tempo per approfondire anche gli aspetti culturali e finanziari del cioccolato, su come cioè questo prodotto possa (e per certi versi, già lo faccia) rappresentare un'occasione di svolta per l'economia italiana e mondiale in genere.

Sono previste agevolazioni particolari per tutti i turisti che, attraverso l'acquisto della Chococard, al costo di soli 5 euro, riceveranno omaggi, sconti e assaggi gratuiti. La card è acquistabile sia online, sul sito ufficiale della manifestazione, che negli stand in apertura dell'Eurochocolate. Allora, siete pronti a "sporcarvi i baffi" con una meravigliosa barretta di cioccolata tra le strade di Perugia? Avete tempo fino a domenica!

Dopo il successo della scorsa edizione Nemi replica ‘Borgo diVino’, l’evento che conduce i visitatori in un viaggio sensoriale alla scoperta delle eccellenze enologiche del Lazio.

Organizzata dal Comune di Nemi in collaborazione con CastelliExperience la manifestazione rappresenta un appuntamento imperdibile per gli amanti del vino e per chi all’esperienza enogastronomica desidera abbinare un week end nel meraviglioso borgo dei Castelli Romani.

Il 7 e l’8 maggio nel centro storico di Nemi sarà presente la migliore produzione vitivinicola della Regione; vini come l’Amarone, il Morellino, il Montepulciano, il Barolo, il Brunello, il Sagrantino, il Merlot e il Prosecco Valdobbiadene saranno presentati direttamente dalle cantine produttrici.
Tra i protagonisti di Borgo diVino prodotti di nicchia e numerose etichette DOC e DOCG provenienti da ogni parte del Lazio.




La partnership con wineOwine, portale specializzato nella vendita di vini online, porterà inoltre a Nemi una selezione di cantine provenienti da tutta Italia, promotrici di una serie di degustazioni guidate in programma per il 7 maggio.

Nell’ambito dell’evento sarà possibile accompagnare le degustazioni di vini con assaggi di prodotti tipici e genuini; il tutto passeggiando tra le caratteristiche stradine del centro del borgo di Nemi.

Tra gli ospiti di Borgo diVino la FISAR (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori) presente all’evento con uno stand personale presso il quale accoglierà i visitatori e li guiderà in un interessante percorso degustativo.

Saranno invece curate dagli esperti archeologi del G.A.A.L.N.A. (Gruppo Archeologico Ager Lanuvinus et Nemus Aricinum) le visite guidate nel borgo di Nemi.

Non mancherà la musica, in particolare quella jazz, protagonista del week end Borgo diVino con il duo ‘Il Sajoe’ feat. Davide Carini.

Per quanto riguarda gli orari Borgo diVino sarà visitabile sabato 7 maggio dalle 11.30 alle 22.00 e  domenica 8 maggio dalle 10.30 alle 21.00.

L’ingresso alla manifestazione è totalmente gratuito, così come lo sono le mostre, gli incontri e il percorso formativo.

Per le degustazioni è invece disponibile un voucher del costo di 10 euro, comprensivo di 10 assaggi, acquistabile presso il box allestito all’ingresso di Piazza Roma.
Per quanto riguarda le degustazioni guidate il prezzo è invece di 15 euro.

In occasione dell’evento il centro storico di Nemi sarà chiuso al traffico; per i visitatori sarà attivo un servizio navetta ad alta frequenza che collegherà i parcheggi di scambio con l’ingresso della manifestazione, in Piazza Roma.

Tutte le informazioni relative a Borgo diVino sono consultabili sul sito www.castelliexperience.it.

415 anni e non sentirli. Anche per questo 2015 si rinnova l'appuntamento con la Fiera Nazionale di Grottaferrata, una tradizione tra le più sentite della zona dei Castelli Romani, a sud di Roma, grazie alla sua storia secolare, al lungo periodo di apertura (ben 9 giorni) e all'ingresso gratuito, novità questa degli ultimi anni.

Per chi vuole immergersi, per qualche ora, nel mondo delle "fiere popolari", dove tantissimi espositori metteranno in mostra (e in vendita, spesso con assaggi e prove gratuite) i propri prodotti, Grottaferrata rappresenta una meta ideale, soprattutto perché distante solo 15 minuti da Roma, e dunque facilmente raggiungibile.

 

 

Anche quest'anno, tutti i visitatori potranno scoprire la grandissima offerta merceologica e attrattiva della Fiera di Grottaferrata, con i prodotti tipici dell'enogastronomia locale e nazionale, ma anche con tanta offerta di artigianato e natura, oltre agli appuntamenti collaterali, tutti dedicati alla cultura, che si uniscono nei due filoni cittadini: quello della Città del Libro, e quello di Ce steva na vota, la festa popolare che già da tempo riscuote molto successo.

Insomma, dal 21 al 29 marzo, i Castelli Romani avranno il loro "centro ideale" a Grottaferrata, per la 415a Fiera Nazionale, un appuntamento da non perdere per tutti gli abitanti di Roma e dintorni, e per chi sarà in zona in questi nove giorni!

Torna l’appuntamento con la musica jazz protagonista del Südtirol Jazzfestival Alto Adige dal 24 giungo al 3 luglio.

Nata nel 1983 la manifestazione jazzistica è una delle più longeve d’Italia cresciuta nel corso degli anni al punto da cambiare la denominazione. I concerti da Bolzano hanno pian piano oltrepassato i confini provinciali invadendo l’intera Regione; nel 2007 da ‘Bolzano Jazz Festival’ è diventata ‘Suedtirol Jazzfestival Alto Adige’.

Giunto alla sua 34esima edizione la kermesse 2016 sarà incentrata su Italia e Austria, due Paesi legati proprio dall’Alto Adige.

Più di 60 le località interessante dal Festival che complessivamente accoglieranno circa 80 esibizioni e oltre 100 musicisti tra i quali tante voci note del panorama jazzistico italiano e internazionale.




I dieci giorni dedicati al jazz saranno inaugurati dal concerto di apertura ‘Kinzelbinder's Melting Orchestra" in programma il 24 giugno alle ore 21.00 nella cornice di una location decisamente originale: la cooperativa frutticola Fruchthof Überetsch di Frangarto.
Nell’ambito dell’esibizione le serenate napoletane si fonderanno con i suggestivi Lieder viennesi e il jazz attuale.
Numerosi i concerti gratuiti nel centro storico, nei castelli medievali, nelle piazze, nelle strade e negli stabilimenti industriali.

Al programma principale faranno da contorno tantissimi altri eventi tra i quali concerti all’aperto che invaderanno di note jazz le strade di Bolzano, Merano, Brunico e Bressanone; gruppi italiani e stranieri si esibiranno in performance musicali che spaziano tra vari generi musicali.

Klaus Widmann, presidente e direttore artistico del Südtirol Jazzfestival Alto Adige, ha evidenziato l’obiettivo del programma ovvero rispecchiare l’anima della rassegna mettendo insieme novità e grandi nomi.

La maggior parte degli artisti proviene dalle due nazioni scelte dagli organizzatori come filo conduttore ovvero Italia e Austria. Parteciperanno all’evento anche musicisti provenienti dalla Svizzera, dalla Germania, dalla Slovenia e dagli Stati Uniti.

Nel motivare la scelta di invitare artisti provenienti da due Paesi Widmann ha sottolineato l’importanza di conoscere dettagliatamente le singole realtà jazzistiche europee cercando nel contempo di creare un ponte che attraverso la musica contribuisca ad abbattere le frontiere.

L’evento altoatesino offre lo spunto perfetto per trascorrere qualche giorno immersi nello splendido scenario dell’Alto Adige, tra musica jazz e paesaggi mozzafiato.

Tutte le informazioni sul programma del Südtirol Jazzfestival Alto Adige sono consultabili sul sito www.suedtiroljazzfestival.com.

 

Roma - Curioso, quanto interessante, l'appuntamento che il Teatro Centrale di Roma (Via Celsa 6, tra Piazza Venezia e Largo Argentina) propone per domenica 21 dicembre, con la kermesse internazionale che ha già riscosso particolare successo Naked Girls Reading, un titolo che ci lascia già immaginare una performance di un certo tipo.

Dedicata al Natale, questa performance-lettura corale (nata a Chicago e trasportata in giro per il mondo) vedrà diverse ragazze, del tutto prive di vestiti, e adornate solo di gioielli e accessori vari, cimentarsi sul palco su una "rilettura" in chiave sensuale, ma non erotica, del grande classico della tradizione natalizia, A Christmas Carol, scritto nel 1843 da Charles Dickens.

 

 

L'esibizione si basa, come tutte le precedenti tappe dell'esperimento Naked Girls Reading, su un binario doppio, che prevede la "dissacrazione" della classica lettura pubblica di un'opera, e dall'altra gioca sull'abbattimento del muro di pregiudizi e moralità antiche nei confronti del corpo femminile, che qui è visto non più come strumento di compiacimento carnale, ma come compartecipante a un lavoro artistico di pregio.

Il costo d'ingresso alla performance, che si terrà domenica 21 dicembre dalle ore 21.00 è di 10 euro, che includono drink e aperitivo di benvenuto. Per maggiori informazioni e prenotazioni si può contattare il numero 348/4298631.

Si rinnova anche quest'anno, chiudendo così l'annata dei saloni dei motori, l'appuntamento con il Motor Show di Bologna, che dal 6 al 14 dicembre occuperà gli ampi spazi di BolognaFiere in uno dei classici imperdibili della zona motoristica emiliana, fiocina di talenti e case motoristiche di fama mondiale. 

Con ben 18 padiglioni tematici e 11 aree all'aperto, nelle quali scenderanno in pista automobili da corsa e non solo, il MotorShow anche quest'anno si propone come una macchina da guerra, capace di attirare - già dal 1976, anno della prima edizione - decine di migliaia di appassionati, che oltre all'esposizione possono godere di corse, prove tecniche e quant'altro.


 

Si tratta della 39° edizione, dopo che quella del 2013 venne improvvisamente cancellata come risposta alla crisi del settore automobilistico in Italia e nel mercato globale. Con rinnovata attenzione all'accoglienza, dunque, Bologna si prepara all'appuntamento con il Motor Show. La zona della kermesse è facilmente raggiungibile con tutti i mezzi, dall'automobile (ampi parcheggi tutt'intorno la Fiera) al treno, con collegamenti-spola tra le stazioni e l'ingresso del Motor Show in autobus. 

Il costo dei biglietti, se prenotati attraverso il sito del Motor Show, è di 16 euro (15 + 1 euro per la prevendita), e possono essere utilizzati per una sola volta, permettendo però la permanenza per l'intera giornata scelta. Costi maggiori, e soprattutto il disagio delle lunghe file, se si decide di acquistare il biglietto una volta giunti in Fiera, direttamente alle casse.

Molti gli appuntamenti tematici, tra i quali spicca sicuramente quello del 14 dicembre, giorno di chiusura, con la Ferrari 150° Italia, che per l'occasione sarà guidata lungo il tracciato dell'Area 48 da Giancarlo Fisichella. Proprio la Ferrari sarà l'ospite di onore tra tutte le case storiche (Abarth, Alfa Romeo, Audi, Citroen, Fiat, Honda, Jaguar, Jeep, Lamborghini, Land Rover, Maserati, Nissan, Pagani, Porsche, Seat, Skoda, Smart-Mercedes, Volkswagen) che daranno lustro a questo appuntamento così importante per Bologna e l'Italia intera.

La città di Perugia è pronta ad accogliere l’Umbria Jazz Festival 2016, la 44esima edizione di uno degli eventi musicali più prestigiosi del panorama mondiale.

Dall’8 al 17 luglio le strade, le piazze e i teatri del capoluogo umbro saranno invasi dalle coinvolgenti note della musica jazz, e non solo.

Come ogni anno il programma dell’Umbria Jazz Festival si preannuncia ricco di appuntamenti imperdibili che, dal jazz puro a quello più pop, si preparano a deliziare i palati musicali di appassionati e turisti occasionali.

Tra gli artisti in scaletta spiccano i nomi di Mika, Diana Krall, Buddy Guy ed Ezio Bosso.




L’apertura della manifestazione è affidata a Massimo Ranieri, protagonista del primo concerto all’Arena Santa Giuliana, venerdì 8 luglio a partire dalle ore 21.00.
Il cantante/attore partenopeo porterà sul palco la sua ultima produzione ‘Malìa – Napoli 1950-1960’, una rilettura in chiave jazz delle canzoni napoletane.

Attesissima l’esibizione del 9 luglio all’Arena di Diana Krall, la cantante/pianista canadese che ha riscosso enorme successo con il suo ‘Wallflower’.

Prevedibile il sold out registrato per il concerto di Mika; l’amatissima e seguitissima pop star dalle origini anglo-libanesi si esibirà all’Arena domenica 10 luglio a partire dalle ore 21.30.

Tutto esaurito anche per la performance di Ezio Bosso.
Il pianista che ha incantato il pubblico del Festival di Sanremo con la sua musica e la sua incredibile lezione di vita si esibirà al Teatro Morlacchi domenica 10 luglio.

Lunedì 11 luglio toccherà a Buddy Guy, l’icona del blues che ha ottenuto il Grammy nel 2016 per la categoria ‘Best Blues Album’. Location dell’esibizione ancora una volta l’Arena Santa Giuliana.

Tra i nomi inseriti nel programma di Umbria Jazz 2016 anche Pat Metheney & Ron Carter (13 luglio), Branford Maralis Quartet con Kurt Elling e Melody Gardot (14 luglio), e George Clinton (15 luglio).

Sulla scia dell’antica tradizione, secondo la quale l’evento si svolgeva per strada, l’Umbria Jazz Festival propone, come consuetudine, un  ricco calendario di concerti gratuiti.
Tra gli artisti che si esibiranno all’aperto tra i Giardini Carducci e Piazza IV Novembre figurano i nomi di Fred Wesley, trombonista di James Brown e della band di Ike e Tina Turner, Ray Gelato, Pedrito Martinez e Allan Harris.

Anche quest’anno il Berklee Collegej of Music di Boston, la più famosa scuola di musica popolare  americana, consentirà a oltre 200 ragazzi di approfondire il linguaggio del jazz.
A testimoniare ulteriormente l’attenzione della kermesse musicale jazzistica verso i giovani, la quinta edizione del Conad Jazz Contest, un’importante vetrina per i nuovi talenti desiderosi di farsi conoscere dal grande pubblico.

A corredare il programma dell’Umbria Jazz Festival numerosi eventi culturali e tantissimi appuntamenti imperdibili con l’enogastronomia locale.

Tutte le info sul programma (orari, date, location, acquisto dei biglietti ecc.) sono consultabili sul sito dedicato all’evento www.umbriajazz.com.

 

Pagina 1 di 11