Appuntamenti all'insegna del Natale e non solo nell'ultimo fine settimana di novembre a Milano (e dintorni). Tante sono infatti le proposte, per tutti i gusti e le tasche, che accompagneranno milanesi e visitatori da venerdì 28 a domenica 30 novembre, prima dell'avvio della "settimana d'oro" meneghina, con le celebrazioni in onore di Sant'Ambrogio il 7 dicembre e la Prima della Scala, l'evento che segna l'inizio della stagione mondana.

 

 

Si inizia con un appuntamento per cinefili, il Fillmaker Festival 2014, che prenderà il via oggi e proseguirà fino all'8 dicembre nelle varie sale dello Spazio Oberdan, Cinema Arcobaleno, Cinema Palestrina, Fabbrica del Vapore e Galleria d’Arte Moderna. In concorso quasi un centinaio di pellicole sulle 500 giunte alla giuria del concorso, e che saranno divise in Concorso internazionale, spazio giovani, cinema sperimentale e retrospettive dedicate a vari cineasti (tutte le informazioni sul sito ufficiale della manifestazione).

Per chi invece vuole già respirare l'atmosfera natalizia, magari in compagnia di tutta la famiglia, a piazza Castello si terrà per tutto il weekend la Lego Building Experience, un grande laboratorio pubblico nel quale i piccoli saranno chiamati a contribuire alla costruzione di un mega-albero di Natale tutto fatto dagli storici mattoncini colorati. Lo spazio rimarrà aperto venerdì 28 dalle 14 alle 19, sabato 29 e domenica 30 novembre dalle 10 alle 19, e alla fine dei tre giorni tutti i presenti potranno ammirare, fino alla fine delle festività, questo grande albero frutto di creatività e divertimento. 

Tanto spazio anche per le mostre artistiche e culturali nel complesso: fino al 1 febbraio 2015, nella cornice elegante della Reggia di Monza, sarà possibile visitare la retrospettiva dedicata alla vita e alle opere di Giorgio De Chirico, massimo esponente del modernismo italiano di inizio Novecento, mentre a Palazzo Reale aperta con orario prolungato la mostra sul pittore italo-svizzero Giovanni Segantini, autore di celebri opere dedicate alle Alpi e alla vita contadina.

In chiusura, vi ricordiamo il dolce appuntamento con Arte.Panettone, l'esposizione dedicata al dolce meneghino che si terrà a Rho, presso Villa Burba, il 29 e 30 novembre, con ingresso gratuito, nella quale sarà possibile scoprire e degustare (oltre che acquistare) i panettoni delle tradizionali pasticcerie di Milano.

Il Natale di Montevecchia è un evento che quest’anno giunge alla sua 11° edizione e che crea l’atmosfera natalizia in salsa brianzola.

Nome Evento: Il Natale di Montevecchia

Quando: il 13 e il 14 dicembre

Dove: Via Del Brughè, Montevecchia (LC)

 

 

Il comune della provincia di Lecco si anima nell’area pubblica di Via Del Brughè – per l’occasione addobbata a tema natalizio – il 13 e 14 dicembre.

Di seguito il programma dei due giorni:

Sabato 13 dalle 18.00 alle 24.00: Mercatino serale con bancarelle caratteristiche. Apertura della cucina con piatti tipici brianzoli da gustare in area coperta e riscaldata. Musica dal vivo e possibilità di ballare.

Domenica 14 dalle 9.00 alle 19.00 : Mercatino con circa 100 bancarelle caratteristiche; apertura della Cascina Brughè con Mostre e laboratori per bambini; mostra fotografica. A partire dalle 14.00 Via Del Brughè sarà animata dalla presenza di zampognari; previsti animazione, giocolieri e truccabimbi; apertura del Bosco di Babbo Natale (dalle 14.00 alle 18.00) dove Babbo Natale ritira le lettere di Natale dei bambini; alle 17.00 esibizione del Mangiafuoco; dalle 15.00 alle 17.00 balli popolari.

Rho - Golosità natalizie, è tempo di riempire le tavole! A Milano e dintorni, in particolare, il dolce prediletto nel periodo dell'Avvento e delle feste di Natale è il panettone, il classico Pan de Toni nato, secondo la leggenda, da un errore di un aiuto pasticciere che, pasticciando appunto, produsse uno dei più famosi dolci di tutti i tempi, al pari del pandoro di Verona o del panforte senese. Proprio al classico pane lievitato, ricco di frutta candida e uvetta, è dedicata Arte.Panettone, la mostra dei dolci artigianali che si terrà a Villa Burba di Rho il 29 e 30 novembre (il prossimo weekend).


 

Il sabato dalle 15 alle 22, e la domenica dalle 10 alle 21, i visitatori (l'ingresso, vale la pena ricordarlo, è gratuito) potranno conoscere per il secondo anno consecutivo i disciplinari di produzione, i trucchi e i segreti di decine di pasticceri che aderiscono al marchio di qualità del Panettone artigianale di Milano, un riconoscimento che garantisce all'acquirente finale il rispetto delle antiche regole di lavorazione, la qualità dei prodotti utilizzati per la realizzazione e anche e soprattutto la cura artigianale con la quale questo must natalizio viene messo in vendita.

Si tratterà di un'occasione valida anche per scoprire le possibilità promozionali per l'industria dei dolci italiani in vista di Expo 2015, così come ricorda l'amministrazione comunale di Rho che organizza e patrocina l'evento, ma anche per i visitatori di portare a casa, magari a prezzi leggermente ridotti, un panettone da gustare o da donare come idea regalo originale e sicuramente gustosissima.

Il conto alla rovescia "finale" per Expo 2015 è iniziato. A oggi (14 ottobre 2014, n.d.r.) mancano soli 199 giorni per l'apertura della più grande manifestazione fieristica mondiale, che torna in Italia a 23 anni di distanza da Genova '92, nata per celebrare i 500 anni dalla scoperta dell'America, e a Milano per la prima volta dal 1906. Anche in quell'occasione, la città accolse una quantità di turisti enorme per l'epoca, oltre 5 milioni, e si "rifece il look", inaugurando centinaia di nuovi edifici di pubblica utilità.

Expo 2015 non sarà certo da meno, con un intero polo, quello di Rho, che diverrà una esposizione a cielo aperto dedicata al mondo dell'alimentazione e della sussistenza, dell'agricoltura e di come si possa e si debba riscoprire una politica alimentare capace di abbattere la fame nel mondo e consegnare alle future generazioni una Terra migliore, sotto tutti i punti di vista. Vi prenderanno parte 147 paesi, 14 organizzazioni, 13 aziende private e 20 regioni, tutte quelle italiane, che porteranno in dote un patrimonio di enogastronomia straordinario e unico al mondo.

 

 

La prevendita dei biglietti è già attiva, nonostante manchino oltre 6 mesi, poiché il grande afflusso previsto avrebbe reso impossibile la sola vendita agli sportelli. L'Esposizione Universale resterà aperta tutti i giorni, dal 1° maggio al 30 ottobre, per ben 13 ore consecutive, dalle 10 alle 23. Il costo dei biglietti varierà in funzione della categoria scelta: vi sono infatti i biglietti a data aperta, che vanno confermati prima dell'ingresso in Expo, dal costo di 32 euro, mentre quelli a data fissa, che prevedono dunque una programmazione attenta della visita, sono offerti a 27 euro.

I prezzi appena citati riguardano i soli adulti, ovvero tutti i visitatori compresi tra 14 e 64 anni . Per i biglietti Senior (dai 65 anni in su), i costi scendono rispettivamente a 25 e 20 euro. Sono altresì previsti pacchetti per famiglie, con costi che variano da 34,50 euro (data fissa) per il pacchetto 1 genitore + 1 bambino fino a 82 euro (data aperta) per la combinazione 2 genitori + 2 bambini. L'età dei bambini varia dai 4 ai 13 anni. Sotto questa soglia, l'ingresso è gratuito, mentre sopra si paga il biglietto Adulto standard.

Expo non sarà solo esposizione, e dunque una mostra "passiva", poiché i visitatori avranno la possibilità di gustare specialità culinarie provenienti da tutto il mondo, assistere a incontri, convegni e spettacoli nell'ampio teatro all'aperto, rilassarsi nei giardini e, last but not least, di visitare Milano, una città cosmopolita, che sta completando in questi anni una trasformazione urbanistica straordinaria, fatta di nuovi grattacieli, giardini, collegamenti pubblici più efficienti, il tutto all'insegna della modernità e di un avvicinamento significativo alle realtà europee e mondiali. 

Robert Capa e la Seconda guerra mondiale. Due mondi paralleli, che si incontrano nella rapidità, quasi fulminante, di uno scatto. Dopo le esposizioni di Roma, Firenze e Genova sarà la cornice dello Spazio Oberdan di Milano (Viale Vittorio Veneto 2) ad ospitare i lavori del fotoreporter ungherese che, tra il 1943 e il 1944, fu in Italia per raccontare gli eventi tragici della Seconda guerra mondiale, dall'Armistizio dell'8 settembre all'avanzata delle truppe americane.

In 78 scatti, tutti rigorosamente in bianco e nero, Robert Capa, scomparso in Vietnam nel 1954 all'età di 40 anni, rivive attraverso la "poesia" delle sue istantanee, che raccontano, in un viaggio che costituisce la sintesi massima del giornalismo per immagini, paesi distrutti e vite spezzate, soldati a fianco di civili, la Sicilia e Anzio, lo sbarco e le speranze soffocate sotto le bombe.

 

 

La mostra, intitolata con estrema semplicità "Robert Capa in Italia", è stata promossa dalle rappresentanze consolari dell'Ungheria in Italia, e sarà aperta fino al 26 aprile prossimo, con orario 10-19.30 dal martedì alla domenica. Apertura straordinaria anche il 5 e 6 aprile, giorni di Pasqua e Lunedì dell'Angelo, e 25 aprile, Festa della Liberazione.

Il biglietto d'ingresso costa 8 euro, ridotto a 6,50 euro per under 18 e over 65, nonché per gli studenti, e ulteriormente ridotto a 3,50 euro per persone diversamente abili e accompagnatori, insegnanti in accompagnamento a gruppi scolastici, giornalisti e guide turistiche.

Milano - Interessante e notevole mostra quella che si tiene a Milano, nella cornice del Museo Poldi Pezzoli (Via Alessandro Manzoni 12), dedicata alle opere di Antonio del Pollaiolo, l'artista fiorentino vissuto nel Quattrocento che ha apportato un notevole contributo al movimento pittorio pre-rinascimentale.

La mostra, intitolata non a caso Le Dame del Pollaiolo, si produce attraverso l'esposizione di soli quattro quadri, ma dall'importanza straordinaria. Tra essi, infatti, troviamo il Ritratto di giovane donna, che il Pollaiolo dipinse tra il 1470 e il 1472 ispirandosi a una tuttora non identificata nobildonna del milanese, e che è conservato proprio nel Museo. A partire da quest'opera centrale, fulcro della collezione museale, si dirama la mostra, che mette a confronto il messaggio di femminilità, bellezza e nobiltà delle donne raffigurate su tela.

 

 

Gli altri tre quadri fanno parte della collezione dei "ritratti di profilo", attribuiti ad Antonio e Piero del Pollaiolo, e generalmente conservati presso gli Uffizi di Firenze, lo Staatliche Museum di Berlino e il MET di New York. Si tratta, dunque, di un'occasione unica per scoprirli e ammirarli insieme, per la prima volta, nella sede meneghina del Museo Poldi Pezzoli.

La mostra rimarrà aperta fino al 16 febbraio 2015. Il biglietto d'ingresso intero costa 10 euro, 7 per quello ridotto. Ulteriori informazioni possono essere trovate sul sito ufficiale del museo.

 

Nella prestigiosa cornice di Palazzo Te, monumento simbolo di Mantova, i visitatori potranno visitare, fino al prossimo 6 aprile 2015, la mostra-retrospettiva evento dedicata a Joan Mirò, geniale artista del Novecento che con le sue opere e i suoi metodi innovativi contribuì non solo alla ridefinizione del gusto artistico, ma anche alla sua contemporanea trasformazione in seno ai cambiamenti sociologici e culturali del mondo.

 

 

La mostra, dal titolo Mirò, l'impulso creativo si propone non solo di ripercorrere la vita di Mirò come personaggio e come artista, ma anche di analizzare e per certi versi sviscerare quelle pulsioni artistiche che, anche in età avanzata, lo portarono a realizzare opere ricche di significato, e molte delle quali (cinquantatre, quelle esposte al pubblico) sono state trasportate a Mantova per la mostra direttamente dalla Fundacio Pilar i Joan Miró che si trova sull'isola baleare di Mallorca.

Proprio la Fondazione che fa capo all'artista spagnolo scomparso nel 1983 all'età di 90 anni ha collaborato, insieme al Sole 24 Ore, quotidiano economico-finanziario tra i più diffusi in Italia, alla realizzazione di questo straordinario evento, la cui direzione artistica è stata riposta nelle mani sapienti di Elvira Camara Lopez, già direttrice della Fundacio mallorchina. Il biglietto per accedere alla mostra costa 12 euro (10 ridotto), ed è possibile visitarla il lunedì dalle 13 alle 19, dal martedì alla domenica dalle 9 alle 19 e solo il venerdì dalle 9 alle 23.

La mostra rimarrà chiusa il giorno di Natale, mentre sarà aperta con orario 9-19 il 31 dicembre e 1 gennaio 2015 e con orario 9-23 il 26 dicembre.

 

Piccolo Grande Cinema è il festival delle nuove generazioni che si svolge dal 21 al 30 novembre 2014 presso le tre sale della Cineteca di Milano (Spazio Oberdan, MIC - Museo Interattivo del Cinema, Area Metropolis 2.0).

È il primo Festival in Lombardia dedicato al cinema per l'infanzia e per i ragazzi con film inediti provenienti da tutto il mondo, ma è anche un’occasione per vivere in prima persona l’esperienza cinematografica grazie a laboratori di cinema, film in anteprima, una mostra, eventi speciali e incontri. Due le programmazioni, una per le scuole e una pensata per le famiglie.

 

 

Attesissima la Notte al MIC, durante la quale quindici bambini potranno esplorare il museo del cinema di notte attraverso una caccia al tesoro di ispirazione nordica.

Tanti gli appuntamenti con le anteprime cinematografiche, tra le quali quest’anno spicca Italo, opera prima della giovane regista siciliana Alessia Scarso interpretata da Marco Bocci, che racconta la storia di un cane randagio vissuto davvero nel piccolo comune di Scicli, morto nel 2011 ma rimasto nel cuore di tutti, una vera e propria mascotte che partecipava agli eventi della cittadina e che accompagnava i turisti lungo le stradine della città barocca.

Conto alla rovescia per la Prima della Scala, l'evento principe dell'Avvento milanese che segna l'avvio della stagione operistica nel più importante teatro d'Italia e probabilmente del mondo. Domenica 7 dicembre, in concomitanza con la Festa di Sant'Ambrogio, le porte del tempio della musica operistica si apriranno ai tantissimi presenti (secondo alcune indiscrezioni mancheranno invece Giorgio Napolitano, dimissionario presidente della Repubblica, e Matteo Renzi, per impegni istituzionali pregressi) con il Fidelio di Ludwig Van Beethoven.

 

 

Tanta, in ogni caso, la presenza istituzionale e mondana, con numerosi ministri e rappresentanti delle istituzioni locali, oltre a un ospite di eccezione, la presidente del FMI Christine Lagarde, che sicuramente non avrà difficoltà a pagare gli oltre 2.000 euro previsti per un biglietto in uno dei prestigiosi palchi laterali. Proprio il ricavato della serata, che alcune stime (considerando le vendite 2013) quantificano intorno ai 2 milioni di euro, sarà ripartito tra spese vive e finanziamento delle attività teatrali, dato che da diverso tempo il Teatro alla Scala propone iniziative rivolte anche ai giovani e a categorie economiche svantaggiate.

Come abbiamo già detto, l'opera scelta per quest'anno è il Fidelio. Composta da Beethoven nel 1805 in lingua tedesca, e rappresentata per la prima volta a Vienna, si tratta di un Singspiel, ovvero di un opera in prosa più recitata che cantata, e che appartiene a un genere popolare. L'opera venne già rappresentata alla Scala nel 1949 e nel 2011, ma mai come "Prima".

Overmind presenta House of Madness, l’evento che vede protagonista la musica elettronica. La sera del 31 ottobre, dalle 19.30 alle 5, 25 deejay provenienti da tutto il mondo faranno tremare lo SPAZIO 90 degli East End Studios di Milano (Via Mecenate 84/10) e faranno ballare le circa 10000 persone attese per l’evento.

Esplosioni di luci futuristiche, effetti speciali, performer che balleranno nei 5 stages creando uno spettacolo singolare e scenografie straordinarie faranno da cornice a una notte meravigliosa.

 

 

I deejay attesi sono il meglio del meglio del momento: da Don Diablo, sicuramente uno dei top player dell'anno, a Claptone, entrambi per la prima volta a Milano, passando per il duo italiano Marnik, la mitica Miky D, la resident voice dell’Amnesia di Ibiza e Blasterz.

La musica spazia dall’EDM, passando il sound deep/tech house e arrivando alla trance/progressive.

Chi non potrà essere fisicamente presente all’evento potrà godersi i propri artisti preferiti grazie al servizio offerto dalla piattaforma di video in streaming Be@Tv, principale sito web per la trasmissione di eventi ad alta risoluzione live. Ma per rendere ancora più unica questa esperienza, anche l’audio sarà ad alta risoluzione e porterà tutti gli utenti a vivere un’esperienza di ascolto ad un nuovo ed entusiasmante livello. Sembrerà di assistere alla performance dal vivo grazie ai dettagli e alla chiarezza audio. Per vivere quest’esperienza, basta collegarsi alla piattaforma Be@Tv, oppure cliccare sul TAB della Pagina FB Overmind o dal sito ufficiale Overmind da dove verranno trasmesse le performance in via del tutto eccezionale, grazie alla concessione di alcuni deejay.  

Previsto anche un concorso legato all’evento, in quanto è possibile vincere i biglietti e bracciali vip con accesso all'area tavoli/riservata partecipando all’estrazione gratuita attraverso il link http://bit.ly/VinciOvermind

Costo biglietto: 25 euro

Pagina 1 di 2