Biennale di Venezia, riparte l'appuntamento con uno degli eventi artistici più attesi in Italia e non solo, appuntamento che quest'anno coincide, in larga parte, anche con EXPO Milano 2015, e che dunque catalizzerà l'attenzione del pubblico internazionale.

Nella consueta cornice dei Giardini e dell'Arsenale, la 56° Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia ha aperto i suoi battenti il 9 maggio scorso, e continuerà il suo programma tutti i giorni, dalle 10 alle 18, tranne il lunedì, fino all'11 novembre prossimo.

Tantissimi gli eventi in programma alla Biennale di Venezia, che riguardano arte, cinema, danza, musica e teatro, e che per quasi sei mesi permetteranno ai visitatori presenti in Laguna di confrontarsi con eventi, mostre, concerti e numerose altre attrazioni.

 

 

La parte artistica della Biennale di Venezia comprende una mostra fissa, l'Esposizione vera e propria, alla quale prendono parte decine di paesi, dall'Australia al Venezuela, mentre gli spazi dell'Arsenale e dell'Isolotto sono dedicati a singole esposizioni, artisti e istituzioni varie. Molto importante anche la mostra parallela, dal titolo All the World's Futures, con 136 artisti, 89 paesi e 44 eventi collaterali, per un programma davvero adatto a tutti i gusti e che affronta le varie correnti artistiche contemporanee.

La parte cinematografica della Biennale di Venezia è, come ogni anno, il Festival del Cinema di Venezia, che si terrà dal 2 al 12 settembre e la cui giuria sarà presieduta dal regista e premio Oscar Alfonso Cuarón, la macchina da presa dietro "Gravity", il film con George Clooney e Sandra Bullock.

Per quanto riguarda il lato coreografico della Biennale di Venezia, la Biennale di Danza si terrà dal 25 al 28 giugno, con la partecipazione di 16 coreografi che interpreteranno, attraverso le movenze dei vari gruppi di ballo, brani e coreografie di vario tipo, in un richiamo alle arti.

Il lato musicale della Biennale di Venezia, chiamato semplicemente Biennale Musica 2015, si terrà dal 2 all'11 ottobre, con ben 10 giorni di programmazione incentrata sulla musica contemporanea, inscritta in ben 18 concerti, 31 lavori (di cui 16 alla prima uscita pubblica), sotto la direzione del maestro Ivan Fedele.

Chiudiamo questa presentazione sulla Biennale di Venezia con Biennale Teatro 2015, che prenderà il via il 30 luglio e continuerà il suo programma fino al 9 agosto. Il 43° Festival Internazionale del Teatro di Venezia prevederà, nel suo programma, ben 13 spettacoli curati da 18 laboratori diversi, molti dei quali saliranno per la prima volta su un palcoscenico italiano.

Se volete conoscere tutti i dettagli e la programmazione della Biennale di Venezia, visitate il sito ufficiale, a questo indirizzo.

Il Palazzo di Arte Moderna di Napoli, in via dei Mille 60, ospiterà dal prossimo 6 dicembre e fino al 28 febbraio 2015 una interessante mostra sui lavori più celebri di Shepard Fairey (aka Obey), l'illustratore e street artist statunitense che è divenuto famoso in tutto il mondo per aver realizzato i quadri policromi utilizzati durante la campagna elettorale di Barack Obama nel 2008, i manifesti con le sfumature dei colori della bandiera statunitense (bianco, blu, rosso) con la figura stilizzata di Obama e le grandi scritte "HOPE", "CHANGE" e "PROGRESS".

 

 

Fairey, nato a Charleston nel 1970, è un artista particolarmente completo, che riesce a utilizzare colori e forme in maniera assolutamente pregevole, ricorrendo spesso a lavori sottili ed eleganti, ma senza rinunciare a tocchi di modernità e stile, come di recente con il logo della Mozilla Foundation, l'associazione che promuove Firefox, uno dei browser più utilizzati al mondo. La mostra napoletana, una prima nel suo genere, sarà aperta tutti i giorni, dal lunedì al sabato, dalle 9.30 alle 19.30, mentre la domenica seguirà l'orario ridotto, dalle 9.30 alle 14.30.

Il biglietto d'accesso sarà proposto al costo base di 8 euro, con riduzione a 4 euro per giovani e over 65, e con l'offerta pacchetto famiglia (2 adulti + 2 ragazzi) a 20 euro.

La Toscana è una terra dove gli itinerari enogastronomici sono più vivi che mai. Consigliatissimo, dunque, il tour della regione seguendo gli eventi che si tengono all'insegna del cibo, del vino e non solo.

 

 

Fiesole al gusto di tartufo

A due passi da Firenze, sulle belle colline di Fiesole, dal 5 al 29 settembre si tiene la Sagra del Tartufo, tutta incentrata su piatti a base del prezioso tubero. Molte le specialità che spiccano nel menù della sagra: bruschette o crostini ricoperti di tartufo costituiscono gli antipasti, ma sono disponibili anche altre pietanze per quelli che vogliono sperimentare qualcosa di diverso. Lasagne bianche, taglierini o tortelli previsti come primi piatti, mentre tra i secondi si potrà assaggiare il carpaccio di bresaola, una bistecca o delle scaloppine. Non manca, ovviamente, il piatto nazionalpopolare per eccellenza: la pizza, ovviamente anche al tartufo. 

Gli stand gastronomici aprono tutte le sere e offrono al visitatore una nutrita serie di degustazioniSpettacoli e musica dal vivo accompagneranno questo percorso di assaggi.

 

A Lucca polenta per tutti…e lanci di Parmigiano

Dal 30 agosto al 15 Settembre Barga (Lucca) ospita la Sagra Polenta e Uccelli. L’evento è di notevoli dimensioni e di grande importanza locale. Si caratterizza prima di tutto per la forte impronta gastronomica, in quanto il menu di pietanze tradizionali sarà il protagonista principale. È prevista la preparazione di un ottimo stinco di maiale al forno con contorno di patate, annaffiato da un bicchiere (o qualcuno in più) di buona birra.

Moltissime le attività in programma per chi non vuole solo mangiare: eventi sportivi a tema, come la gara di tiro della forma di Parmigiano da 25 kg, ma anche una sfilata di trattori e macchine agricole e un raduno di moto ed auto d’epocaI ballerini saranno accontentanti, poiché è prevista la presenza di una serie di orchestredi liscio che cercheranno di tirare in pista il maggior numero di persone possibili.

 

Sulle strade del vino di Chiusi

Come ormai da tradizione, la città di Chiusi (Siena) ospiterà la Festa dell'Uva e del Vino nell'ultima settimana di settembreDurante la manifestazione il vino è declinato in diversi modi:  si possono fare delle degustazioni di vino proveniente da diverse regioni (Vinovagando); è possibile accompagnare il tutto con prodotti e piatti del territorio, preparati da alcuni ristoranti di Chiusi e consumati all’interno delle tradizionali cantine dislocate nei vari punti del paese (Convivio in onore di Bacco).

Non mancano attività ricreative per bambini, come la dimostrazione di una vendemmia appositamente pensata per loro, e intrattenimento per i più grandi, come la  sfilata di carri allegorici e numerosi spettacoli musicali. 

 

Corri a Terriciola … come una lepre!

Selvatelle, una piccola frazione di Terriciola (Pisa) si distingue ormai da molti anni per l’organizzazione della Sagra della Lepre. Quest’anno si tiene dal 5 al 13 ottobre e, come ogni anno, sarà tutta dedicata ad uno dei piatti di cacciagione più prelibati. Il visitatore potrà apprezzare il particolare sapore di questa carne, e non solo: disponibili banchi di assaggio di molti altri prodotti gastronomici locali.

La gastronomia la fa da padrona, ma non rimane fine a se stessa: gli assaggi saranno animati da una serie di eventi e di forme diintrattenimento come spettacoli musicali e balli popolari, giochi, esposizioni canine, rassegne di artigianato locale e perfino sfilate di moda. Al fine di dare una visione ampia del patrimonio di cui la zona dispone.

 

Una sagra dai colori (e sapori) autunnali

Il tour della Toscana da mangiare e da bere termina con la Festa della Castagna, che ha luogo nella frazione di Bacchereto (Carmignano, in provincia di Prato) in due momenti: il 12/13 e 19/20 ottobre. In quel periodo dell’anno sono infatti più che mai a disposizione le castagne, a cui la sagra è intitolata, e che costituiscono il filo conduttore di tutto l’evento. Gli stand ospiteranno, infatti, piatti realizzati con una base di castagne, come il castagnaccio, le castagne accompagnate da fichi secchi, i nicci con la ricotta e vari tipi di dolci. Una cucina, insomma, all’insegna del più tipico dei prodotti d’autunno.

Le alternative per chi non vuole assaggiare solo la castagna sono la minestra di pane e una bella porzione di polenta ai funghi.

Tutto è pronto per il Cala Gonone Jazz Festival, l’evento più in voga dell’estate in Sardegna che vede protagonista la musica jazz.

La 29esima edizione della manifestazione musicale, organizzata come di consueto dall’associazione Intermezzo, si svolgerà dal 27 al 30 luglio, nella splendida cornice di Cala Gonone, frazione di Dorgali in provincia di Nuoro.

Il palinsesto si preannuncia ricco di appuntamenti imperdibili, con i volti più noti del panorama jazzistico internazionale e con tanti artisti emergenti.

Al Cala Gonone Jazz Festival 2016 ci sarà spazio anche per gli artisti locali; sono attesi Moses, vincitore di Italia’s Got Talent, Alessia Sanna e Nicola Agus, Mauro Usai e il trio MUM.




Si parte mercoledì 27 luglio alle ore 19.00, con l’inaugurazione delle tre mostre che accompagneranno i quattro giorni di musica jazz. Il Teatro Comunale ospiterà le foto di Gino Crisponi raccolte nell’esposizione intitolata ‘No Flash Please’; le opere della pittrice Gina Tondo; la mostra ‘Quando divento bambino voglio fare il pittore’ di Mario Fois.

Nella stessa location, alle 22.00, è attesa l’esibizione dei Yellow Jackets, band statunitense di fusion.

Giovedì 28 luglio si inizia alle 11.30 con l’armonica beatbox di Simone Concas, in arte Moses, ospitato presso la Grotta del Bue Marino.
Stessa suggestiva scenografia per l’esibizione dei CGJ Trad.

Alle 19.00, all’Acquario di Cala Gonone, le launeddas di Nicola Agus accompagneranno la splendida voce di Alessia Sanna, miglior artista emergente del Sardegna Music Festival.
Nell’ambito della serata sono previste deliziose degustazioni di vini e formaggi di Dorgali.

Alle 22.00 l’appuntamento è in Teatro, location scelta per l’esibizione della Bill Evans band Featuring  Keith Carlock & Darryl Jones.

Venerdì 29 luglio, alle 11.30, all’auditorium delle Grotte è atteso Mauro Usai con il progetto “Ethnico, my wind instruments” nel quale l’artista convoglia la sua passione per gli strumenti a fiato e le sue esperienze teatrali, musicali e di danza.

Alle 19.00 ci si sposta all’Acquario, palcoscenico del trio MUM.

Il Teatro Comunale accoglierà alle 22.00 Mauro Sigura Quartet e le loro melodie esotiche.

La giornata di sabato 30 luglio sarà inaugurata dai ritmi griot di Baba Sissoko, in programma alle Grotte del Bue Marino a partire dalle ore 11.30.

All’Acquario, alle ore 19.00, andrà in scena ‘Serenate per madri e battipanni’, un intreccio di musica e narrazione ispirato all’ultimo romanzo di Abate ‘Mia madre e altre catastrofi’. Ad accompagnare l’esibizione di Francesco Abate, Stefano Guzzetti e Francesca Saba, gustose degustazioni di vini e formaggi, rigorosamente dorgalesi.

A chiudere la 29esima edizione del Cala Gonone Jazz Festival la performance di Michael Blake 4et, alle 22.00 presso il Teatro Comunale.

Tutte le info sul programma e sull’acquisto dei biglietti sono consultabili sul sito intermezzonuoro.it

 

 

Sabato 9 e domenica 10 maggio Nemi, piccolo e caratteristico borgo nel cuore dei Castelli Romani a due passi dalla Capitale, diventa un Borgo DiVino. L'evento, organizzato da CastelliExperience e dal Comune di Nemi, è l'occasione perfetta per conoscere e degustare i vini dei Castelli Romani, prodotti locali che sono anche il marchio di fabbrica di questa zona del Lazio. Protagoniste dell’evento sono le cantine e le aziende vitivinicole del territorio che mettono a disposizione i loro migliori vini per degustazioni e assaggi.

Il luogo dell’evento è il centro storico di Nemi, dalle 11.30 alle 22.00 del sabato e dalle 10.30 alle 21.00 di domenica. La partecipazione alla manifestazione è gratuita. Per degustare i vini è previsto l'acquisto di un voucher.

 

 

Per quanto riguarda la mobilità, entrambi i giorni è disponibile un servizio navetta ad alta frequenza verso il centro di Nemi, con la possibilità di lasciare la propria auto in uno dei due parcheggi che si trovano lungo Via Nemorense e presso il Campo Sportivo Via dei Laghi.
Ulteriori informazioni sono disponibli al link www.castelliexperience.it/eventi/borgo_divino.asp

Di seguito anche il programma degli eventi  che animano il week end di Borgo Divino

 

Sabato 9 maggio:

  • Ore 11.30: Apertura degli stand
  • Ore 17.00: Degustazione guidata, in collaborazione con FISAR
  • Ore 18.00: Conferenza di apertura dell'evento, con intervento su "Vino e Territorio"
  • Ore 22.00: Chiusura degli stand

Domenica 10 maggio:

  • Ore 10.30: Apertura degli stand
  • Ore 15.00: Presentazione dello studio: "I Vini dei Castelli Romani", realizzato in collaborazione con il corso di laurea in "Progettazione e gestione dei sistemi turistici" dell'università di Tor Vergata
  • Ore 17.30: Degustazione guidata, in collaborazione con FISAR
  • Ore 18.00: Conferenza "Vino: consigli sul giusto consumo", tenuta dall'enologo Sergio De Angelis
  • Ore 21.00: Chiusura degli stand

Sorcini di Roma e dintorni, unitevi! Fino al 18 gennaio 2015, infatti, nella cornice della Pelanda, il locale di Testaccio a Piazza Orazio Giustiniani propone la mostra-retrospettiva Zero, dedicata al cantante e arista romano Renato Zero, che viene proprio da questo quartiere di Roma.

Aperta dal martedì alla domenica, con orario continuato 16.00-22.00, la mostra propone ben quarant'anni di foto, musiche, costumi di scena e tutto quanto ha contribuito alla "idealizzazione" di Renato Zero come artista poliedrico ed istrionico, capace di stupire con la sua presenza ancor prima che con la voce e i testi.

 

 

Un Renato Zero visto con occhi intimistici, per certi versi, ma attraverso la sua faccia pubblica, quella cioè che compare nei concerti, nei dischi e in tutte le esibizioni che il cantante capitolino ha messo in atto nella sua pluridecennale carriera.

I biglietti per visitare la mostra possono essere acquistati sia sul sito ufficiale di Renato Zero (www.renatozero.com), su VivaTicket oppure chiamando il call center di Seat Pagine Gialle al numero 89.24.24. Previsti sconti e riduzioni per gruppi, famiglie e minori.

CastelliExperience propone RistoTrekking 2014: due domeniche all'insegna del divertimento e del buon cibo, dedicate a tutti gli amanti dei Castelli Romani. Due gli appuntamenti, con due percorsi diversi che faranno scoprire ai partecipanti alcuni degli scorci e dei panorami più interessanti di questo territorio alle porte di Roma: il 12 ottobre a Rocca di Papa e il 19 ottobre a Nemi.

Entrambe le escursioni di RistoTrekking 2014 sono aperte a chiunque abbia compiuto 14 anni e non richiedono particolare preparazione fisica per poter essere affrontate. Saranno due belle passeggiate, arricchite dalla presenza lungo il percorso di punti ristoro presso i quali degustare i prodotti tipici dei Castelli Romani; ci saranno olio e pane casereccio, verdure grigliate e porchetta, senza dimenticare l'ottimo vino dei Castelli, uno dei fiori all'occhiello del territorio.

 

 

Domenica 12 ottobre la partenza è fissata a Rocca di Papa, alle 9.30. Il trekking si snoda lungo il Percorso delle Faete con sosta alla Madonnella e all'Area Archeologica delle Grotticelle. Dopo un gustoso ristoro, ecco uno dei punti panoramici più belli dei Castelli Romani e non solo, da cui si dominano di due laghi, quello Albano, o di Castel Gandolfo, e quello di Nemi. Si riparte poi lungo la Via Sacra, antica via romana, fino la rientro. La durata complessiva dell'escursione è di circa 4 ore. 

Domenica 19 ottobre si parte invece dal borgo di Nemi, Bandiera Arancione del Touring Club. L'escursione raggiunge Arco della Portella e la Fontana Tempesta prima di "sfociare" sulla storica Via Francigena e da qui alla meritata sosta. Gusto e bontà prima di toccare il punto più interessante dell'itinerario, quello dal quale si gode della vista sui tetti di Nemi. Uno scenario mozzafiato, perfetto per concludere questa divertente passeggiata. Anche in questo caso l'appuntamento è alle 9.30 e la durata complessiva dell'escursione è di circa 4 ore.

Le due escursioni proposte da CastelliExperience sono a numero limitato. È pertanto necessaria la prenotazione che può essere effettuata sul sito http://www.castelliexperience.it/ristotrekking/ oppure contattando CastelliExperience:

  • email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • telefono: 06 94 95 770

RistoTrekking 2014 è il modo migliore per scoprire arte, natura e gusto dei Castelli Romani. Buon divertimento!

Se pensate che San Lazzaro di Savena sia conosciuta solo come la città di Gianni Morandi, il cantante più social che ci sia, abbiamo una gustosa sorpresa per voi. Dal 25 al 27 settembre, e dal 2 al 4 ottobre, in questo bel comune alle porte di Bologna torna l'appuntamento con il Festival del Pesce di Mare.

Si tratta dell'appuntamento autunnale che, da oltre quindici anni, affianca il Festival di primavera, e che rende per ben due weekend consecutivi la località di San Lazzaro di Savena il centro nevralgico dell'enogastronomia di mare.

Il Festival del Pesce di Mare a San Lazzaro di Savena, infatti, si teneva originariamente solo in primavera ma, visto il sempre maggiore afflusso di visitatori provenienti da Bologna e da diverse località dell'Emilia e della Romagna, si è deciso di raddoppiarlo, portando a due gli appuntamenti annuali.

 

 

Il programma del Festival è ricchissimo: sotto numerosi stand, colorati dalle sfumature calde e naturali dell'autunno, cuochi professionisti, di grande esperienza o con un carico di novità da offrire, si cimentano nella preparazione di ricette vecchie e nuove, con l'intento di stupire i visitatori e far... festeggiare le papille gustative dei presenti.

Insomma, se amate la cucina e i sapori del mare, ma non volete rinunciare alle tradizioni e alle attrazioni dell'entroterra, ecco che il Festival del Pesce di Mare di San Lazzaro di Savena fa al caso vostro! 

Per tutte le informazioni, e per rimanere aggiornati sui menù che verranno proposti nel doppio appuntamento autunnale, consultate il sito del Circolo Arci di San Lazzaro, che da tanti anni si occupa dell'ottima riuscita di questo evento gastronomico al top.

Uno degli eventi culturali più attesi di questa fine 2014, la mostra-retrospettiva dedicata a Giovanni Segantini, il pittore svizzero di lingua italiana vissuto tra la seconda metà dell'Ottocento e i primi del Novecento al quale la città di St. Moritz ha dedicato un museo, si tiene nella prestigiosa cornice di Palazzo Reale, a Milano, fino al prossimo 18 gennaio 2015


 

Si tratta di una mostra che vuole ripercorrere il percorso umano e artistico del Segantini, che proprio a Milano mosse i suoi primi passi nel mondo artistico di metà XIX secolo, imponendosi come riferimento di un impressionismo en plein air, circondato da un'aura di realismo e resa cromatica dal grande impatto scenico. Organizzata e voluta da Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale e Skira editore, la mostra si divide in tre macro-sezioni: Segantini e Milano, Natura e vita nei campi e Natura e simbolo, tutte incentrate su quel rapporto simbiotico con l'ambiente alpino che è la cifra della sua produzione artistica.

I quadri che faranno parte del percorso espositivo provengono da tutto il mondo, in particolare dal succitato museo di St. Moritz, ma anche da collezioni private in Europa e negli Stati Uniti. La mostra rimane aperta il lunedì dalle 14.30 alle 19.30, il giovedì e il sabato dalle 9.30 alle 22.30 e martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 9.30 alle 19.30. Il costo del biglietto è di 12 euro, che si riduce a 10 per gruppi e famiglie e a 6 euro per le scuole.

Conto alla rovescia per la Prima della Scala, l'evento principe dell'Avvento milanese che segna l'avvio della stagione operistica nel più importante teatro d'Italia e probabilmente del mondo. Domenica 7 dicembre, in concomitanza con la Festa di Sant'Ambrogio, le porte del tempio della musica operistica si apriranno ai tantissimi presenti (secondo alcune indiscrezioni mancheranno invece Giorgio Napolitano, dimissionario presidente della Repubblica, e Matteo Renzi, per impegni istituzionali pregressi) con il Fidelio di Ludwig Van Beethoven.

 

 

Tanta, in ogni caso, la presenza istituzionale e mondana, con numerosi ministri e rappresentanti delle istituzioni locali, oltre a un ospite di eccezione, la presidente del FMI Christine Lagarde, che sicuramente non avrà difficoltà a pagare gli oltre 2.000 euro previsti per un biglietto in uno dei prestigiosi palchi laterali. Proprio il ricavato della serata, che alcune stime (considerando le vendite 2013) quantificano intorno ai 2 milioni di euro, sarà ripartito tra spese vive e finanziamento delle attività teatrali, dato che da diverso tempo il Teatro alla Scala propone iniziative rivolte anche ai giovani e a categorie economiche svantaggiate.

Come abbiamo già detto, l'opera scelta per quest'anno è il Fidelio. Composta da Beethoven nel 1805 in lingua tedesca, e rappresentata per la prima volta a Vienna, si tratta di un Singspiel, ovvero di un opera in prosa più recitata che cantata, e che appartiene a un genere popolare. L'opera venne già rappresentata alla Scala nel 1949 e nel 2011, ma mai come "Prima".

Pagina 1 di 11