Parigi è la città degli Innamorati. E non è un caso che l’abbia visitata in coppia. Ci siamo andati nel maggio 2009. Entrambi laureati da poco abbiamo prenotato il primo volo utile Ryanair e siamo partiti alla volta della Ville Lumiere.

 

Descrizione del viaggio

Arriviamo a Beauvais e lì ci fermiamo per un’oretta, il tempo necessario perché arrivi un autobus visto che il primo era pieno. Poco male, ci serve proprio uno spuntino con pain au chocolat e croissant. La nostra prima "colazione" francese.

Arriviamo a Parigi e ci dirigiamo subito all’albergo. La prima cosa da fare è comprare l’abbonamento per i mezzi pubblici. La metro vi porta dovunque, è il sistema più comodo per muoversi in città. Ci sistemiamo in camera e la prima tappa è obbligata: come fai ad arrivare a Parigi e a non andare subito a dare un’occhiata alla Tour Eiffel? Restiamo lì in zona per qualche ora, iniziando a respirare l’atmosfera francese, e poi torniamo in albergo. Siamo partiti nel pomeriggio, siamo stanchi e vogliamo prepararci per bene per i giorni che verranno. Se si hanno pochi giorni è meglio studiare un piano d’azione: le cose da vedere sono tantissime e bisogna organizzarsi bene per cercare di vedere tutto, o almeno il più possibile.

Ecco quindi il nostro piano: secondo giorno, Rue de Rivoli, Louvre, Place de la Concorde e passeggiata lungo gli Champs-Elysees, per arrivare in serata all’Arco di Trionfo. Terzo giorno, il giorno dei panorami: di mattina alla Tour Montparnasse, che non è molto lontana dal nostro albergo, giro a Saint Germain e ricognizione di shopping e poi, quando il sole tramonta, al Trocadero per ammirare la più bella vista sulla Tour Eiffel. Il tempo e la fila non troppo lunga ci ha permesso di salire anche sulla Tour Eiffel. Quarto giorno, giro dei musei: dopo il Louvre è la volta del Museo d’Orsay e di una mostra dedicata a Andy Warhol che abbiamo scoperto per caso. E per fortuna, la mostra era magnifica. La sera giro romantico in centro, con cenetta. Quinto, e ultimo giorno, shopping, shopping, shopping e, prima di ripartire, un salto alla Defense: la Grand Arche mi incuriosiva e sono contento di averla vista di persona.

Più o meno siamo riusciti a fare tutto quello che volevamo. Tante cose sono rimaste fuori dal programma ma avevamo deciso di non rendere la nostra vacanza una corsa. A Parigi si fa sempre in tempo a tornare ed è meglio lasciarsi un po’ di cose da vedere per la prossima volta. Per gli spostamenti, come accennato, la metro è comodissima: ti porta ovunque e senza alcun problema. Sul mangiare non abbiamo cercato cucina italiana e ci è quasi sempre andata bene. Abbiamo cenato un paio di volte al ristorante, altre volte con baguette e in un paio di occasioni ci siamo dovuti concedere un salto al fast food. Nel complesso, se si vuole si riesce anche a spendere poco. La città è davvero sensazionale. Siamo sempre stati convinti sostenitori della bellezza di Roma, al netto di tutte le difficoltà.

E al nostro ritorno, per la prima volta, ci ha assalito un dubbio: ma non è che Parigi sia più bella di Roma? Non abbiamo voluto approfondire e ci siamo accontentati di un salomonico pareggio!

Che ne dite di un fantastico weekend per due sul lago di Ginevra? San Valentino si avvicina e noi non vogliamo che ci arriviate impreparati. Divonne-les-Bains è una deliziosa località termale a metà strada tra Ginevra, il Lago Lemano e il massiccio del Giura, che si trova in territorio francese, più precisamente nel Rodano-Alpi, ma non lontana dal confine elvetico.

Dormirete allo Chateau de Divonne, una struttura del XIX secolo immersa nel verde. Ovviamente per voi abbiamo pensato alla camera superior, dove vi verrà portata la colazione a letto e al pomeriggio potrete fare merenda assaggiando pasticcini al cioccolato svizzero.

 

 

Da qui, il centro di Ginevra dista solo 20 chilometri, e avrete la possibilità di visitare moltissime attrazioni della "capitale internazionale" della Svizzera: dai mercatini di Carouge, al jet d'eau sul lago fino al Museo della Croce Rossa e, per gli amanti della cultura, alla sede del CERN.

In più, l'aeroporto di Ginevra-Cointrin è a due passi, e vi permetterà così di raggiungere più comodamente la vostra destinazione, senza preoccuparvi dell'automobile. Qui, i mezzi pubblici sono efficienti e sempre disponibili.

Per 89 euro, potrete passare una notte da re tra la neve del Monte Bianco. Vi piace l'idea? Trovate l'offerta qui.

Vi hanno fatto sognare da sempre. La valle della Loira è un luogo che più di qualcuno pensa adatto a viaggi organizzati per più o meno adulti. Ma non è detto che sia sempre così. Diamo ora uno sguardo ai migliori, quelli che non potrete proprio perdere.

Pensiamo che un tour di cinque giorni potrebbe bastare, ma: dov’è la Loira? E’ una regione piuttosto vasta a dire la verità che, come potrete ben immaginare, segue il corso dell’omonimo fiume, toccando alcuni importanti centri come Amboise, Angers, Blois, Chinon, Nantes, Orléans, Saumur e Tours. In questa ampia zona, è presente un alto numero di castelli e fortezze compresi tra il Medio Evo e il Rinascimento. Noi abbiamo provato a selezionare i cinque più belli.

 

 

Castello di Blois

Sicuramente uno dei più rappresentativi, si trova nell’omonima cittadina di circa 50mila abitanti nella regione del Centro. Il risultato oggi è una fusione tra lo stile gotico e barocco: questo perché il castello ebbe una lunga vita, essendo stato residenza di ben sette tra re e regine di Francia, anche se inizialmente era la roccaforte dei potenti conti di Blois. Curiosità? Nella Camera del Re si è consumato un episodio turbolento: la morte del duca di Guise colpito da otto spadaccini, mentre il re osservava la scena da dietro un arazzo. Invece lo studio della Regina Maria de’ Medici è chiamato anche Camera dei Segreti: nasconde quattro armadi a muro che si innescano con un meccanismo segreto.

 

Castello di Chenonceau

E’ indubbiamente uno tra i più eleganti di tutta la valle, tanto da essersi guadagnato il titolo di Castello delle Donne perché destino ha voluto che fossero una serie di donne illustri al averlo ingentilito: ogni parte del Castello infatti, riflette questo tocco femminile, cosa visibile soprattutto nei giardini: qui una fontana spruzza un getto d’acqua alto sei metri. Destino ha voluto che un’altra parte del castello legasse la sua fama a una donna: quella di Caterina de’ Medici, che ha una superficie di 5.500 kmq, un labirinto di oltre un ettaro e un orto botanico.

 

Castello di Sully-sur-Loire

Conserva ancora gran parte della sua facies medievale, e questo lo rende una fortezza di rara bellezza, quasi fiabesca. Ogni terzo fine settimana di maggio, si svolge qui la festa in stile medievale Le Ore Medievali, che acquista un fascino particolare tra i camminamenti e fossati che contraddistinguono questo castello

 

Castello di Saumur

Questo castello si trova alla confluenza del fiume Thouet, nella Loira, nell’omonima città del centro carolingio. Il suo aspetto attuale si deve alla famiglia d’Angiò, che ha trasformato l’aspetto del castello in una residenza con torri poligonali, interni decorati. Al suo interno, spiccano gli affreschi del pittore Jan Van Eyck.

 

Castello di Villandry

Costruito nel 1536, ha una particolarità che lo rende assolutamente unico: la presenza di sei giardini disposti su quattro livelli. Tra i più belli, il parco d’acqua circondato da un chiostro di tigli, il giardino ornamentale chiamato anche giardino dell’amore e che è diviso in parti, una per ogni stato emotivo: l’amore tenero, l’amore passionale, l’amore capriccioso e l’amore tragico.

Surf in Europa? E perché no! Non solo Santa Monica e non solo biondi e bionde che lucidano le loro tavole da surf prima di sfidare le onde. Swell: non è un vocabolo astruso, ma il modo migliore per definire le onde che meglio si adattano a questo sport.

Ma ricordiamo una cosa: l’Oceano Atlantico lambisce anche l’Europa, motivo per cui si può e si deve andare alla ricerca di spiagge dove esercitare quest’arte anche nel Vecchio Continente. Ovviamente ad esser privilegiati sono i paesi che hanno un balcone affacciato direttamente sull’Oceano, cosa che, esclude l’Italia, confinata nelle “intime” e calde acque del Mediterraneo.

Partiamo dai nostri cugini, gli spagnoli. I Paesi Baschi e la regione della Galizia sono le mete preferite per chi ama questo tipo di sport. A San Sebastian poi, è una vera e propria istituzione. Zona che per unire l’utile al dilettevole, si consiglia di visitare tra la metà di luglio e quella del mese successivo: la Semana Grande, è un'esplosione di gente e attività, con fuochi d'artificio, la corrida, le cavalcate.

 

 

In Francia il surf è tra gli sport prediletti in Normandia e la Bretagna. Se volete unire lo sport, ad una località vacanziera cool andate a Biarritz, ridente cittadina costiera non lontana da Bordeaux.

In Portogallo invece, segnaliamo Porto, Cordoama, Praia da Roche e Vilamoura. Ma la palma d’oro del surf in Europa spetta a un luogo d’Europa che geograficamente non è in Europa: e stiamo parlando dell’arcipelago delle isole Canarie, arteria della corona spagnola.

Fuerteventura è una delle isole con il maggior numero di spiagge adatte ai surfisti: The Bubble, Los Lobos e Hierro. E durante le ultime due settimane di luglio tutto il mondo degli appassionati arriva qui per i Campionati Internazionali di kyte e windsurf.

Ora che sapete come, dove e quando praticare la "nobile arte" del surf senza imbarcarvi per un volo transoceanico verso le (pur bellissime) spiagge della California, stay in Europe, stay cool!

Alla scoperta di dieci mete da fiaba che esistono davvero. Tra castelli di principesse, boschi incantati, templi costruiti sui fianchi di montagne inaccessibili. No, non sono gli scenari delle Cenerentola o delle Mulan di turno, eroine di fiabe e film d'animazione che hanno conquistato generazioni di bambini (e bambine), ma luoghi realmente esistenti, il cui fascino incredibile sembra troppo bello per essere vero.

Dalla Germania all'Irlanda, passando per Cambogia e Colombia, ecco i dieci luoghi che vi faranno spalancare la bocca dalla sorpresa e dall'incanto, e che vi faranno sorgere spontanea la domanda: "Ma questa meraviglia, esiste davvero?". E la risposta ve la diamo noi di Vita da Turista: sì, esistono, e sono davvero unici. Scopriamoli insieme!

 

 

Castello di Neuschwanstein, Germania

Uno dei castelli più belli e iconici della Baviera e dell'intera Europa, Neuschwanstein ha ispirato le fiabe Disney come Cenerentola e Biancaneve, ed è visitato da milioni di turisti ogni anno. Inaugurato a fine Ottocento e recentemente restaurato, è un luogo davvero "da fiaba".

 

Città vecchia di Colmar, Francia

Città ricca di canali, vicoli medievali e luoghi dal fascino incantato, Colmar è una meta adatta a chi vuole sentirsi immerso nelle atmosfere delle fiabe del XVII-XVIII secolo. La Francia più bella e romantica, dopo Parigi.

 

Monastero di Taktsang, Bhutan

Dai tetti dorati e le pareti bianchissime, questo monastero sembra piazzato ad hoc nella montagna, e gode di un panorama e una quiete invidiabili. Un posto dove recuperare la serenità e scoprire paesaggi da fiaba.

 

The Dark Hedges, Irlanda

Apparso anche in Game of Thrones, questo bosco incantato irlandese è magnifico da scoprire di giorno, con la luce del sole che lo illumina, e assolutamente spaventoso di notte e con la nebbia fitta. Insomma, 24 ore su 24 di bellezza da fiaba!

 

Casa Batllo, Spagna

Una delle celebri opere di Antoni Gaudi, la Casa Batllo sembra uscita da un film di fantascienza, con le sue architetture che sfidano la geometria e persino la gravità. Di Barcellona e del maestro catalano, è uno dei luoghi più rappresentativi.

 

Lago Bled, Slovenia

Incastonato tra i monti e al centro di una valle verdissima, il Lago Bled è uno dei patrimoni naturalistici della Slovenia, con al centro una piccola ma magnifica isoletta che ospita un edificio altrettanto particolare. Una matrioska naturale.

 

Santuario di Las Lajas, Colombia

Accessibile attraverso un ponte monumentale a strapiombo sulla vallata, questo santuario dalle forme gotiche è un meraviglioso esempio di commistione tra natura e opera dell'uomo, nel pieno centro dell'America Latina.

 

Cave della Cappadocia, Turchia

Luogo affascinante e misterioso, le cave e grotte della Cappadocia sono state per secoli abitate, e rappresentano l'archeologia degli insediamenti urbani. Un luogo dal fascino antico e dall'attrattività immutate nei millenni.

 

Palacio da Pena, Portogallo

Iconico e poliedrico, dominato da torrette coloratissime e decori tra l'arabesco e il gotico, questo palazzo fa parte dei patrimoni dell'Umanità UNESCO del Portogallo da diversi anni. Da visitare, magari durante una vacanza tra Lisbona e Porto.

 

Ta Prohm, Cambogia

Inserito nel complesso di Angkor, questo tempio antichissimo spicca per gli enormi alberi che sono cresciuti e ramificati attraverso le sue strutture. La natura che riprende ciò che le appartiene, e nel farlo, conquista altri spazi, creando scenari unici.

107 euro è la cifra tonda che vi permetterà di godere di tutto il fascino di Parigi. Volo e Hotel compreso ovviamente.

Tutto questo dove, come e quando? Con un’offerta imperdibile che vi permetterà di trascorrere due notti nientemeno che a cinque minuti a piedi dal famoso Moulin Rouge. Dall’Hôtel Meridional inoltre è possibile raggiungere facilmente la Basilica del Sacro Cuore (il cuore di Montparnasse) e l’Arco di Trionfo; il tutto a meno di due chilometri.

 

 

Preparatevi a salire sulla Tour Eiffel, a fare scorta dei colorati macarons e a panini farciti di baguettes. Dal 16 al 18 gennaio non avrete altro a cui pensare. Volo diretto con partenza da Roma.

Ecco il link a questa offerta, da prendere assolutamente al volo!

Quando si parla di Francia, si finisce sempre a parlare di Parigi. Ma, pensateci un attimo. Chi l’ha detto che la Francia è solo Parigi? Se siete stanchi della Tour Eiffel e del suo essere il simbolo dell'amore per eccellenza, siete pronti per scoprire Lione. Anche Lione è una città che vi farà innamorare, ma in modo diverso: ha un’anima antica (era stata colonizzata già dai romani?) e un’anima rinascimentale. Della prima rimane l’antico teatro, una struttura che poteva ospitare fino a 10 mila spettatori. Mentre per la seconda vi consigliamo di fare un salto al pittoresco quartiere Saint-Jean, talmente bello, intimo e ricercato da essere stato inserito nella lista dei Patrimoni mondiali dell’UNESCO.

 

 

Insomma se a Parigi siete già stati e avete voglia di conoscere una Francia diversa, meno cosmopolita e più francese, Lione è la città che fa per voi. Non dovete fare altro che andare e prenotare. Oggi vi consigliamo un pacchetto con volo A/R da Roma e pernottamento all’Hotel du Helder, un hotel in pieno centro storico. Partenza da Milano il 23 marzo e rientro il 25. Il tutto a 240 euro a persona!

Se siete curiosi di scoprire Lione, avete trovato il modo migliore per visitarla. L'offerta è disponibile su expedia.it.

Bordeaux: il nome di questa città è legato immancabilmente al vino. Un vino rosso e sanguigno. Eppure il vino non è l'unico motivo per visitare Bordeaux, un città perfetta per un weekend, anche, forse soprattutto, nel periodo invernale. Bordeaux è il capoluogo della regione della Gironde ed è affacciata sulla Garonna; una città invernale per eccellenza e dal 2007 il suo centro storico è stato inserito nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO. Quali sono le attrazioni da non perdere? Il vino, ma l'abbiamo già detto. E poi il Palazzo della Borsa, il quartiere Saint Pierre (definito “le petit Paris”) e la Cattedrale di Sant'Andrea.

 

 

Se vi siete incuriositi, ecco l'offerta per fuggire a Bordeaux. Un magnifico weekend di tre giorni a solo 120 euro a persona, con partenza da Bologna il 30 gennaio 2015 e rientro il 1 febbraio. Niente compagnie low cost, potrete volare con tutta la garanzia di Air France. L'Hotel è il Premiere Classe Bordeaux Sud - Villenave D'ornon, distante solo cinque chilometri dal centro città. L'offerta è disponibile su eDreams.it.

Venezia è una città imitatissima in tutto il mondo, e sono molte le cittadine che vantano l’appellativo di piccole Venezia. Una delle più incantevoli è sicuramente la cittadina francese di Colmar, che si trova nel nord della Francia nella regione dell’Alsazia e che, con i suoi canali e il suo aspetto da cartolina, è considerato tra i posti più pittoreschi d’Europa. Vedendo questo video non vi sarà difficile capirne i motivi!

 

 

Con lui vi portiamo nel suo delizioso centro storico ricco di edifici nel tipico stile alsaziano, con i tetti obliqui e il legno sulle facciate, e da qui ci spostiamo nella sua parte tutta sviluppata sui canali, quella di maggior fascino con le sue casette colorate e affacciate sull’acqua.

Si tratta, insomma, di un centro da godere in silenzio e con tranquillità, immersi in una cornice naturale che sembra essere in perfetta armonia con la parte architettonica, e che è anche perfetta per tutti quelli che sono alla ricerca di una destinazione romantica ma non scontata!

 

Turismo sostenibile (e responsabile) significa anche fare un viaggio alla scoperta degli animali, avvicinarsi al loro mondo, rispettandoli senza recare loro danno e magari apprendendo qualcosa da loro. E per farlo, contrariamente a quanto si possa immaginare, non c'è bisogno di andare così lontano.

Una tipologia di questa vacanza è l’osservazione dei cetacei, abbinata magari ad un soggiorno balneare. Molti pensano che per praticare il whale watching sia necessario recarsi in mari lontani, invece è possibile praticarlo anche nel Mediterraneo. Difatti nelle acque che comprendono Toscana, Sardegna, Corsica, Liguria, Principato di Monaco e Francia si trova il Santuario dei Cetacei “Pelagos” , che è una riserva della biosfera.

 

 

L’obiettivo principale del progetto “Pelagos” è la conservazione di questi mammiferi marini nel loro ambiente naturale, in quanto molto esposti alle minacce dell’attività umana.In questa area è possibile avvistare almeno otto specie tra cui balenottere, capodogli, delfini, tursiopi, zifi, globicefali, stenelle e grampi.

Dal porto di Genova partono regolarmente durante tutto l’anno delle imbarcazioni adibite a questa attività con un biologo a bordo. Duranti i mesi estivi le partenze si estendono anche da Andora, Varazze, Loano, Laigueglia, Imperia, Savona, Bordighera e Sanremo. Non solo nella Riviera di Ponente è possibile trovare dei centri specializzati, ma anche nelle altre zone sopra citate. Per chi è amante del mare e non soffre del continuo flusso delle onde può prenotare un soggiorno per una settimana o un weekend a bordo di una barca a vela navigando lungo le rotte della Costa Azzurra e della Provenza dove vi è un’alta possibilità di avvistamento.

Questa è un’esperienza unica ed indimenticabile ed è difficile raccontare l’emozione nel vedere un gruppo di delfini  che nuota giocoso oppure scorgere una balenottera immergersi placidamente o osservare un branco di globicefali immobile che sporge il capo fuori dall'acqua e udire il loro respiro.

Personalmente non riesco a esprimere a parole la sensazione che ho provato nell’avvistare queste creature in libertà. Certamente mi ha dato conferma che hanno una grandissima intelligenza e sensibilità. Nonostante la loro mole o la loro agilità, però, sono molto fragili ed hanno bisogno di essere protette. E anche a questo serve un percorso da "turista responsabile e sostenibile".

Questo è una vacanza alternativa per chi vuole vivere una nuova avventura o esaudire un sogno che aveva nel cassetto da tempo, semplicemente recandosi appena fuori dalla porta di casa.

 

Questo articolo e tanti altri che compongono la rubrica Turista Sostenibile sono curati da Monica Losen - Maradise Viaggi. Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina Facebook di Monica Losen - Maradise Viaggi.

Pagina 1 di 4