Ci incontriamo all'aeroporto, tutti che arrivano alla spicciolata, questo viaggio ci colma di tante aspettative, chi per una occupazione futura chi per il solo piacere di arrichirsi assimilando la cultura di un paese così lontano...

 

Numero Viaggiatori: 12

Data di partenza: 21/03/2009

Durata: 7 giorni

Luoghi: Istanbul

 

Descrizione del viaggio:

Ci incontriamo all'aeroporto, tutti che arrivano alla spicciolata, questo viaggio ci colma di tante aspettative, chi per una occupazione futura chi per il solo piacere di arrichirsi assimilando la cultura di un paese così lontano da noi in molti sensi. La sera scende, il nostro aereo decolla, al rientro, i nostri bagagli saranno un po' più pesanti di regali, e un po' più leggeri per il sogno esaudito di visitare l'Oriente...

Non ho bisogno di voce, in un'occhiata Istanbul mi appare, nel blu del cielo d'Oriente, in un disordine stabilito. La nostra destinazione Dortyol con le sue scuole precise e i bambini in fila indiana, nelle loro divise ci danno il benvenuto in lingua Inglese quasi perfetta.

Il cibo è colorato, salse, intingoli, creme e spezie di ogni tipo, organizzano con calma i sapori... e le bevande, succo di melagrana e latticello per nascondere il fuoco del piccante di quasi tutte le portate... il chai (thè buonissimo) accompagna tutte le fasi della giornata. All'entrata delle moschee le scarpe si lasciano sul portone, e i capelli si velano coi manti multicolori.

Consigli ... vestire non appariscente e in maniera comoda, la lira al cambio è favorevole e si compra bene.

Cosa aggiungere ancora... buon viaggio!!!

Travel and Leisure, uno dei punti di riferimento globali nel mondo del turismo, ha stilato una speciale (e vasta) classifica dei 50 luoghi con il maggior numero di visitatori ogni anno, e che rientrano in quella categoria di destinazioni da visitare almeno una volta nella vita. Non è stato scelto, per questo indice, un valore turistico e culturale specifico, tant'è che vi figurano anche parchi di divertimento, giardini e piazze, ma il solo numero verificabile di ingressi, di biglietti staccati o molto più semplicemente la presenza nella città, che dovrebbe garantire la presenza anche nel luogo in classifica.

A dominare la classifica, infatti, ci sono luoghi e must-see di città molto grandi, e che dunque registrano una fisiologica presenza di turisti, ma anche di locali che vi passano ogni giorno, e per questo motivo l'indice potrebbe risultare "sballato", o comunque risentire - in positivo o in negativo - proprio di questa differenza tra città grandi e meno grandi, ma da comunque un'idea di massima di quali sono i luoghi più visitati al mondo.

 

 

Al primo posto, infatti, troviamo il Grand Bazar di Istanbul, un luogo magico e affascinante nel quale cultura, shopping e tradizione si mescolano sapientemente restituendo un palcoscenico di profumi, colori e suoni, visitato ogni anno da 91 milioni di persone.

L'America occupa le due posizioni rimanenti del podio, con il Zocalo di Città del Messico (85 milioni di visitatori), l'enorme Piazza della Costituzione dominata dalla Cattedrale e la celeberrima Times Square di Londra, dove transitano ogni anno "solo" 50 milioni di persone, un sesto circa dell'intera popolazione degli Stati Uniti d'America, solo per fare un paragone. Il quarto posto è un pareggio tra Central Park, sempre a New York, e la monumentale Union Station di Washington D.C. che conquistano 40 milioni di visitatori ciascuno.

Da qui al decimo posto troviamo Las Vegas, con la sua Strip, i templi buddisti di Tokyo, le Cascate del Niagara e nuovamente una stazione, il Grand Central Terminal di New York, tutti con una fetta di "accessi" che va dai 21,6 ai 35 milioni. Per trovare il primo luogo di interesse europeo dobbiamo scendere fino al diciannovesimo posto, occupato dalle gotiche architetture della Cattedrale di Notre-Dame di Parigi, con 14 milioni di turisti nel corso di un anno solare.

Grande spazio viene dato ai parchi di divertimento, negli Stati Uniti ma non solo, con il World Magic Kingdom di Orlando (Florida) al 12° posto e 18,588 milioni di visitatori, la Tokyo Disneyland (14° posto e 17,214 milioni di visitatori) e il Disneyland Park di Anaheim, in California, al 15° posto con poco più di sedici milioni di ingressi.

Seconda destinazione europea preferita dai turisti, e questa volta ci sentiamo di giustificare in pieno la posizione (benché meriterebbe più alti numeri), è la Basilica di San Pietro in Vaticano, il monumento più maestoso della cristianità, che ogni anno accoglie 11 milioni di persone (25° posto), numeri in crescita con l'avvento di Papa Francesco e delle grandi celebrazioni liturgiche. Un altro monumento religioso scelto dai turisti è la Basilica del Sacro Cuore, sempre a Parigi, con più di 10 milioni di turisti e un onorevole 27° posto, seguita dalla Disneyland europea con 10,4 milioni di biglietti/anno (il Museo del Louvre, uno dei pochissimi musei presenti in classifica, si piazza al 34° posto con 9,34 milioni di turisti).

La Francia, che insieme agli USA è lo stato più rappresentato in classifica, piazza infine la Reggia di Versailles al 43° posto (circa 7 milioni di visitatori) quasi in fondo alla classifica, chiusa dal Taj Majal, l'iconico monumento funebre eretto per Mumtaz Mahal dal marito imperatore Moghul, che raccoglie tra i 7 e gli 8 milioni di visitatori all'anno.

È il nostro ultimo giorno a Varna e il nostro ultimo giorno in Bulgaria (dove, dobbiamo ammetterlo, ci siamo divertiti parecchio!). Prima di ripartire, però, stiamo aspettando la cosa più importante del nostro viaggio: i nostri passaporti! Quando ce li hanno consegnati li abbiamo alzati in aria come si alza una coppa del mondo! E con tutta la gioia di quando la si vince, li abbiamo controllati: tutti i visti erano lì, con le giuste date di entrata e di uscita per ogni paese fino alla Thailandia!

Rimaniamo a Varna, la stanza è già pagata ed è troppo tardi per arrivare in Turchia. Tra i chilometri da fare e il tempo che avremmo perso alla dogana saremmo arrivati a notte inoltrata. Data anche la situazione in Turchia in questo momento e i disordini che la stanno attraversando, abbiamo preferito partire con calma e arrivare lì a un orario più accettabile. Visto che, però, ci troviamo ... tanto vale concedersi una una giornata di relax al mare!

Il sole è cocente e vediamo a occhio nudo che la nostra pelle sta piano piano cambiando colore. Ci stiamo abbronzando! Alle 4 del pomeriggio, quando il sole era ancora alto in cielo, siamo dovuti scappare via, non resistevamo più. Anche oggi non è mancata la classica partita a Beach Volley Italia vs. Bulgaria! Questa volta, stranamente, abbiamo vinto ma non abbiamo le prove. I ragazzi contro cui abbiamo giocato, infatti, hanno preferito non farsi riprendere e quindi non possiamo documentarvi la nostra "sensazionale" vittoria! Non importa, il viaggio è ancora lungo e avremo la possibilità di cimentarci in altri sport. Promettiamo solennemente che vi mostreremo tutto, a prescindere da quale sarà il risultato. Tanto, come avrete capito, ci capita di perdere spesso e volentieri.

Ringalluzziti dalla vittoria, siamo tornati in stanza per una doccia veloce e poi, via, a passeggiare sul corso principale di Varna. La nostra attenzione è stata catturata da un giocoliere, super bravo; ha cominciato a lanciare 3, poi 4, 5, 6,  ben 7 pallette in aria e con velocità incredibile le faceva volteggiare simmetricamente tra loro e poi cambiando giro, tanto che non si capiva bene neanche quante palline fossero in tutto. Dopo poco ha fatto lo stesso con i birilli, ben 5 contemporaneamente, sbizzarrendosi con evoluzioni sempre più eclatanti. Davvero un fenomeno!

Visto che siamo abitudinari anche mentre giriamo il mondo, siamo andati a cena al nostro solito posto, dove in pochi giorni siamo diventati clienti fissi. Quando abbiamo detto alle cameriere che saremmo partiti, c'è stato un "Noooooo" generale. Tutti dispiaciuti! E anche noi lo siamo. Sentimenti a parte, si mangiava benissimo! Comunque cena e a letto presto, domani c'è una giornata di viaggio. La nostra prossima tappa ci aspetta!

Viaggiare è tutto ciò che dovremmo fare! Si deve viaggiare per scoprire il mondo e per scoprire soprattutto se stessi... Il vero viaggio è quello che facciamo dentro di noi quando oltrepassiamo i confini

 

Numero Viaggiatori: 4

Data di partenza: 26/05/2013

Durata: una settimana

Luoghi: Istanbul, Olimpia, Venezia

 

Descrizione del viaggio:

Io e la mia famiglia siamo partiti per la prima volta in crociera. Ci siamo imbarcati il pomeriggio dal porto di Bari e abbiamo passato una settimana favolosa a bordo della Msc Divina :) Nei giorni seguenti abbiamo visto posti bellissimi quali Katakolon ed Olimpia in Grecia con i loro magnifici reperti archeologici, le rovine greche, i vecchi teatri della città e i templi. È stato particolarmente emozionante per me che quei posti li ho sempre e solo visti nei libri di storia dell'architettura :D Vederli dal vivo è davvero una sensazione unica.

Poi è stata la volta di Istanbul... che città! È enorme e ha una cultura tutta sua! Abbiamo visitato le moschee, tra le quali la più grande, Santa Sofia, e la Moschea Blu, con cupole giganti e mosaici bellissimi e nel pomeriggio un bel giretto al gran bazar. Il giorno seguente siamo sbarcati ad Izmir, sempre in Turchia, ma ci siamo allontanati dalla città per andare a Efeso, antica città greca rimasta "intatta".

Per concludere la romantica Venezia... bellissima città "galleggiante". L'atmosfera di Venezia ti avvolge sempre con i suoi colori e le bancarelle piene di maschere e souvenir. I suoi palazzi storici ti accompagnano durante il viaggio sui battelli o, se preferite, sulle gondole. Sicuramente da vedere e da godere!

A bordo della nave siamo stati accolti davvero bene, ogni giorno potevi scegliere se mangiare a buffet, c'era tutto ciò che volevi!! La sera invece il ristorante ti offriva una cucina all'italiana, se cosi possiamo dire. Comunque tutto buono! Per una vacanza come la crociera puoi sfiziarti come vuoi nel vestirti! Quindi... chiunque decide di andarci si prepari una valigia enorme in cui mettere di tutto, dai vestiti più pratici a quelli più eleganti per le serate di gala che si tengono due volte durante la settimana. C'è da divertirsi!

Il divertimento è assicurato sulla nave! Tutti sono coinvolti, dai più piccoli ai più adulti! Per me è stata una vacanza davvero fantastica perchèé ho avuto l'occasione di visitare più posti in poco tempo e perché a bordo ho conosciuto bella gente che sicuramente ha reso unica la mia vacanza! Auguro a chiunque decide di fare una crociera e di divertirsi tanto come ho fatto io!

Ieri, prima di partire per la Turchia e proseguire nel nostro lungo viaggio verso la Thailandia, abbiamo avuto una sorpresa, qualcosa che non ci saremmo mai aspettati! Verso le 9 di sera qualcuno ha bussato alla nostra porta. Strano, tutti sanno che siamo in Bulgaria, ma nessuno sa dove di preciso! Incuriositi siamo andati a vedere chi fosse e ... SORPRESA!! Erano le due ragazze che avevamo conosciuto a Sofia qualche giorno fa!

Ci siamo preparati al volo e siamo andati a bere qualcosa insieme. Siamo rimasti di stucco. Mai ce lo saremmo aspettato. È stato davvero un gesto carino da parte loro. Si sono fatte sei ore di pullman per venire fin qui, a Varna, ad augurarci buon viaggio! È stato bello, davvero bello. Peccato che, da bravi ragazzi quali siamo, siamo dovuti andare a dormire senza far troppo tardi. Ci aspettava un giorno di viaggio, verso Istanbul e la Turchia!

Detto fatto, una volta in piedi, di buon mattino, abbiamo fatto colazione insieme e, dopo i saluti, siamo saltati a bordo di Bianchina. Quella che ci aspetta è una dura giornata di viaggio, che sarà coronata dall'arrivo in Turchia, sesto paese sulla rotta per la Thailandia! Partiamo da Varna verso le 9.30 e in quattro ore circa siamo al confine. Di queste quattro ore almeno due sono di curve, quindi attenti se volete seguire le nostre orme. Siamo arrivati alla dogana e via con i controlli: prima controllo documenti della macchina, poi controllo passaporti e infine controllo dei bagagli. In tutto passano altre 2 ore, anche perché ci rimandano da un controllo all'altro.

Superata la dogana e finalmente in territorio turco, il primo cartello stradale che incontriamo indica: Istanbul - 220 km. Per raggiungere il centro c'è voluto un po'. Tra la miriade di macchine che intasa le strade ed il loro folle modo di guidare, siamo arrivati a destinazione alle 9 di sera. Devo ammetterlo, quando siamo arrivati in città, avendo letto quello che sta succedendo, ci aspettavamo ti trovare un bel casino. Invece niente di tutto questo: il centro è tranquillo, i disordini sono concentrati esclusivamente nella zona di piazza Taksim, ma il resto della città funziona alla grande. Davvero nessun problema!

Prendiamo subito un ostello vicinissimo a Piazza Sultanahmet, e dobbiamo "accontentarci" del dormitorio. Siamo in camera con 3 ragazze coreane e un americano, tutti molto simpatici. Ora è tempo di un Kebab (che la fame si fa sentire) e poi ... E poi solo la vista della Basilica di Santa Sofia e della Moschea di Sultanahmet, la Moschea Blu, ci convince che è valsa la pena farsi 12 ore di macchina! Sono veramente bellissime, un incanto! Domani le visiteremo anche all'interno e sapremo dirvi di più Per ora, accontentatevi: siamo distrutti, si va a dormire!

Turismo sostenibile, un mondo che abbiamo imparato a conoscere con Santorini, e che ci ha sedotto sin dal primo istante, per le sue possibilità di viaggiare, nel rispetto di natura e culture autoctone, senza rinunciare alla bellezza di luoghi e tradizioni.

Oggi parliamo di Istanbul, l’affascinante  metropoli situata sul Bosforo, dove la cultura europea si fonde con quella asiatica. Milioni di turisti vi si recano ogni anno per lasciarsi sedurre dalla sua incantevole atmosfera e ammirare le sue meraviglie architettoniche come la Basilica di Santa Sofia o la Moschea Blu.

 

 

In questa città, che nel 2010 è stata una delle Capitali europee della cultura, vi sono molti punti d’interesse che proprio per il loro valore e la loro particolarità sono divenuti delle tappe di grande affluenza turistica, tra questi vi è lo spettacolo dei Dervisci rotanti. In apparenza sembrerebbe solo uno show mirato per attirare i visitatori, ma non è così, difatti se ci si informa sulle origini di questa danza si resta affascinati dal suo misticismo e si comprende che si tratta di una vera e propria cerimonia. Siccome in questa rubrica vi parlo di viaggi sostenibili in cui uno degli obiettivi è quello di conoscere ed approfondire la cultura del luogo, cercherò di fornirvi una breve spiegazione.

I danzatori appartengono a delle confraternite sofiste, in particolare all'ordine dei Mevlevi, fondato nel 1273 da parte del sultano Veldel. La cerimonia, denominata di Sema, è stata riconosciuta nel 2005 come Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità da parte dell’UNESCO. Questa danza è vista come una sorta di purificazione, un cammino spirituale che si raggiunge girando, in quanto nell'universo qualsiasi cosa gira, dagli atomi al sistema solare.

 

 

Il Derviscio roteando intraprende un viaggio mistico raggiungendo l’estasi, divenendo così un mediatore tra la terra ed il cielo. Il tutto è basato sull'amore e sulla fratellanza eliminando tutte le barriere che ci sono tra gli uomini e annullando tutte le discriminazioni. Il rituale è accompagnato da un gruppetto di musicisti denominati Mutrip, dove ogni singolo strumento ha il suo ruolo specifico. Il colore rosso della pelliccia è la rappresentazione della nascita e dell’esistenza. Alcune cerimonie sono autentiche, in altre i Dervisci sono dei semplici danzatori, in ogni caso l’atmosfera è sempre coinvolgente e surreale.

Per vedere uno spettacolo turistico è possibile recarsi nel centro storico di Istanbul presso l’Hodjapasha, un antico Hamam convertito in teatro, mentre per assistere ad una cerimonia autentica ce ne sono diverse nel quartiere di Fatih. A voi la scelta. Per finire consiglierei, oltre a visitare la parte asiatica una sosta ai quartieri per l’appunto di Fatih e Ferner e Balat dove si può scoprire l'autentica Istanbul.

 

Questo articolo e tanti altri che compongono la rubrica Turista Sostenibile sono curati da Monica Losen - Maradise Viaggi. Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina Facebook di Monica Losen - Maradise Viaggi.

Istanbul a poco prezzo? Volo e hotel tutto compreso? Si grazie. Vita da Turista oggi ha scelto di mandarvi nella città a cavallo del Bosforo, dove i profumi, i sapori hanno quel non so che crea un ponte ideale tra Oriente e Occidente.

Visitate la magnificenza dorata della Basilica di Santa Sofia, o il palazzo Topkapi. Perdetevi tra i profumo dei suk e la cisterna della basilica, risalente all’epoca Romana.

 


L’offerta di oggi comprende volo andata e ritorno da Roma il 17 aprile 2015. Sette notti per voi a 317 euro a persona, al Sehir Hotel Old City, una struttura a tre stelle che gode di un’ottima posizione: a due passi dai bazar, dalle due moschee più importanti, dal palazzo Topkapi e dal porto. Cosa volete di più?


Sì, avete ragione, il link all'offerta! Eccolo qui, e mi raccomando, prendetela al volo, anche per farvi un regalo di Pasqua... ma a Natale!

Come vi abbiamo anticipato nel nostro aggiornamento dal centro di Istanbul, nel pomeriggio siamo andati a dare un’occhiata a Piazza Taksim, il luogo dal quale sono partiti i disordini che hanno coinvolto la Turchia in questi giorni. In piazza ci sono circa 600 alberi, il Parco Gezi; il governo vorrebbe rimuoverli e al loro posto costruire una serie di edifici che rappresentino il vecchio stile della Nazione. Tantissimi giovani si sono ribellati e hanno deciso di occupare la piazza in segno di protesta.

Al nostro arrivo ci accorgiamo subito che la situazione è complicata. Finché si è in centro, infatti, non si ha nessun sentore di quello che succede da queste parti, un po' come se ci si trovasse in un altro paese. La città di Istanbul nel suo complesso è assolutamente sicura e non ci sono problemi di nessun tipo se la si vuole visitare. Solo arrivati nei dintorni di Piazza Taksim si vedere qualcosa di quanto sta succedendo: già sulla prima gradinata della piazza si individua una barricata realizzata usando macchine bruciate, vecchie impalcature messe in disordine l’una sopra l’altra e ferrame vario. Ci siamo addentrati e dappertutto abbiamo visto tende di persone che da 16 giorni dormono e vivono lì. La piazza ne è piena.

L'atmosfera è tuttavia tranquilla, a differenza di quello che si potrebbe pensare. Tutti si conoscono e si aiutano formando catene umane per distribuire acqua, merendine e sigarette. Ci sono anche bambini con le loro piccole tende e miriadi di giornalisti e fotografi. Per non parlare di tutti i cartelli, manifesti e bandiere che ornano la piazza. Abbiamo tranquillamente passeggiato tra i manifestanti, parlando della situazione con chi sta partecipando a questa protesta, e ci siamo fatti l'idea che i motivi della protesta vadano ormai oltre la difesa del parco.

Abbiamo intervistato più di una persona, come potete vedere nei video. Tra queste c'è anche il proprietario della Guesthouse dove alloggiamo, nei pressi di Piazza Sultanahmet, che ci conferma come in centro la situazione sia tranquilla.

 

 

 

 

Dopo aver lasciato Piazza Taksim, siamo rientrati verso le 8 di sera. Stanchi di kebab abbiamo cercato un posto economico dove mangiare. Ci abbiamo messo un po', circa un'ora di cammino, ma ce l’abbiamo fatta: piatti tipici del posto e siamo tornati al nostro ostello. Questa sera nella nostra stanza composta da sei letti siamo rimasti noi e altre due ragazze di Hong Kong che sono appena arrivate. Non ci siamo fatti sfuggire l'occasione e ci siamo già fatti dare consigli utili per la Cina, non si può mai sapere. Ma prima c'è la Cappadocia!

 

Divertirsi in vacanza è un mantra assoluto, nonché uno dei criteri sui quali in molti, soprattutto i giovani (ma non solo!) basano la scelta della meta per le ferie. I portali del turismo europeo GetYourGuide (in inglese) e GoEuro (in tedesco) hanno lavorato insieme per stilare una speciale classifica, quella delle dieci città più divertenti al mondo! Tra discoteche, locali di ogni tipo, pub, ma anche concerti e divertimento all'aperto, sono tantissimi i criteri di giudizio e di selezione che ci fanno passare ore e ore a consultare guide e siti internet per arrivare ad una decisione finale.

I fattori che hanno influenzato la posizione in classifica di una o dell'altra città sono, nel loro complesso: il costo di una pinta (o lattina) di birra, la qualità e gli orari del trasporto pubblico, così come di bar e locali, nonché le attività proposte e le zone (e i prezzi) dello shopping, così come i concerti e le attività paragonabili.

 

 

Al primo posto, e forse non è un caso che sia già da qualche anno la meta prediletta dagli under-30, troviamo Berlino. La capitale tedesca sbaraglia la concorrenza di tante colleghe europee (oltre che di una città americana e due asiatiche) grazie soprattutto all'enorme offerta musicale e culturale, che varia dal rock al pop fino alla musica classica e operistica, ai tanti luoghi di ritrovo, a metropolitane e autobus disponibili 24 ore su 24 e con una diffusione capillare, e al bassissimo costo della birra, il "criterio base" che si posiziona a 82 centesimi, un valore molto inferiore a quello delle città che seguono.

Secondo posto per la sempre viva Londra, dove certo la musica è uno dei punti a favore della città. Proprio per qualità dell'offerta musicale si piazza al primo posto, ma viene penalizzata da due elementi: l'orario ridotto della Tube, simbolo di una cultura notturna non ancora profusa al massimo, e di un costo medio della birra piuttosto alto, ben sopra i 2 euro. Medaglia di bronzo per Parigi, anch'essa con dei servizi pubblici non molto night-friendly (dopo le 2 di notte si ricorre quasi solo al taxi), ma dall'alta qualità dei locali e delle attività all'aperto.

Fuori dal podio troviamo New York, la città delle mille opportunità. Destreggiarsi tra i locali di Williamsburg e Soho, scegliere uno dei centinaia di spettacoli teatrali di Broadway, vivere il Central Park e la 5th Avenue è un sogno per chiunque, anche tenendo a mente la presenza di una metropolitana che connette ogni punto della città, e che rimane aperta 365 giorni all'anno, senza interruzioni di alcun genere. Buon quinto posto per Tokyo, anch'essa brillante nei trasporti, meno però in attrazioni, mentre lo shopping, soprattutto quello tecnologico, è uno dei suoi punti di forza.

La Germania piazza un'altra pedina, con Amburgo che si classifica al sesto posto, grazie al ridotto costo del boccale schiumoso e alla buona qualità dei trasporti. Settimo posto, e unica italiana nella Top 25 allargata, è Roma, che sbaraglia la concorrenza della più "modaiola" Milano. La Capitale è scelta soprattutto per una cultura che ha pochi eguali al mondo, con centinaia di musei e mostre, mentre fatica sui trasporti pubblici, sullo shopping (piuttosto costoso nelle vie del centro) e sul tema concerti, che d'estate riceve un minimo boost grazie al Rock in Roma.

Chiudono la classifica Vienna (premiata per intrattenimento e cultura), Barcellona (attività per i giovani e servizi a disposizione) e Istanbul (shopping e attività diurne e notturne), mentre si classificano in posizioni più basse altre città dal grande valore turistico, come Amsterdam e Las Vegas, che si classificano rispettivamente all'undicesimo e sedicesimo posto. Insomma, qualche sorpresa sì, ma neanche troppo!

Istanbul, Costantinopoli, Bisanzio: comunque la si voglia ricordare, Istanbul resta una metropoli a cavallo di due culture, europea e asiatica, divise solo dal suggestivo stretto del Bosforo. Sultanahmet Meydani è il cuore della città. Qui si trovano tutti i suoi più importanti monumenti, come la Basilica di Santa Sofia, la Moschea Blu, opera del Sultano Ahmet, la Cisterna sotterranea della Basilica (assolutamente da non perdere) e l'Ippodromo romano. Istanbul è un sogno per chi la visita, in cui sogno in cui farsi cullare dal susseguirsi di cupole dorate ed edifici cristiani.

 

 

Ma arte e storia non esauriscono certo il piacere di una vacanza a Istanbul. Avete voglia di fare un po' di shopping? Non perdete un giro nel mitico suk. Volete godere di tutto questo e a poco prezzo? Marzo è il periodo che fa per voi. Volo A/R con partenza da Milano il 12 per trascorrere tre magiche notti sul Bosforo. Volete il lusso? Bene, sarete accontentati: la struttura che vi ospiterà è il Cenevre Hotel che, oltre a camere spaziose e confortevoli, offre colazione e WiFi gratuito a tutti i suoi clienti. Il tutto a 190 euro. Dite la verità, avete già pronta la valigia sul letto?

L'offerta è disponibile su expedia.it. Non fatevela scappare!

 

 

Pagina 1 di 2