Una vacanza a base di cinema ha una sola meta al mondo. È Los Angeles, dove il cinema si respira ad ogni angolo: sulla Walk of Fame, la famosissima strada tappezzata dalle impronte delle mani delle star; la celeberrima scritta Hollywood sulla collina che è diventata il simbolo dell'industria cinematografica americana; gli Universal Studios, il più importante parco tematico dedicato al cinema.

Los Angeles è anche la residenza di moltissimi attori, che sia nel centro che nei dintorni della città hanno delle case davvero favolose. Personaggi del calibro di Tom Cruise, Sean Connery, il patron di Playboy Hugh Hefner e Will Smith risiedono in città: l’attore di Men in black, ad esempio, possiede una splendida tenuta in una località piuttosto intima della città degli angeli, che presenta però uno sfarzo che non la fa passare inosservata, con campi da tennis e da basket e addirittura un lago personale!

 

 

Queste residenze da sogno sono sempre meta di molti turisti appassionati e curiosi, per i quali ci sono vari tour operator che organizzano dei veri e propri itinerari.

Ma quali sono le dimore principesche maggiormente visitate, e perché? La spiegazione è semplice: le case più gettonate sono quelle appartenute a personaggi che sono ormai scolpiti nella leggenda.

 

Quando la moglie è in vacanza…va a vedere la casa di Marilyn

Il mito di Marilyn Monroe è ancora estremamente vivo, dato che a tanti anni dalla sua morte sono ancora nutriti i gruppi di fan che vanno a vedere la casa dove una delle attrici più affascinanti della storia ha vissuto. Posta nel quartiere di Brentwood, è considerata un vero cimelio, perché è stata anche il teatro della sua tragica scomparsa. Allo stesso tempo è un gioiello dell’architettura: occupa un’area di oltre duemila metri quadrati ed è dotata non solo di un notevole numero di stanze, ma di un esterno che comprende addirittura un ampio parco con piscina, giardino e un agrumeto. 


 

Marylin Monroe 

 

Villa Maggio: la casa da sogno di Frank Sinatra (e non solo)

Villa Maggio è il nome della residenza della leggenda della musica Frank Sinatra, ispirato al personaggio da lui interpretato nel film degli anni Cinquanta Da qui all'eternità. Collocata sulle montagne di Palm Spring, non molto lontano da Los Angeles, è caratterizzata da un’incredibile abbondanza di camere da letto e bagni, oltre che di sauna, piscina e un campo da tennis: basta per rendersi conto di che dimora da sogno sia? Non è un caso che sia stata la residenza di altre importantissime celebrità come Lauren Bacall e Humphrey Bogart, icone del cinema americano.

 

Villa Maggio - Frank Sinatra 

 

Il castello di un re (del rock’n’roll)

A Beverly Hills ha abitato (tra le numerose case che ha avuto nel corso della sua lunga carriera) il re del rock’n’roll Elvis Presley. La casa di Beverly Hills è quella in cui rimase in pianta stabile fino al 1973, insieme alla moglie Priscilla.  Extralusso ad ogni angolo, immensa e imponente, dotata di interni che ricordano lo stile della Reggia di Versailles, di una grandissima piscina e di un centro benessere. Arroccata su un promontorio, offre una vista panoramica spettacolare sulla città di Los Angeles e sull’oceano.

 

Elvis a Beverly Hills 

 

Un po’ di Francia a Los Angeles per Jacko

La villa di Michael JacksonHolmby Hills, un esclusivo quartiere di Los Angeles, è tra le residenze delle star più visitate al mondo. Forse meno leggendaria di quella conosciuta come Neverland, a cui è molto spesso associato il nome del re del pop, ma di certo è un’abitazione (tristemente) nota ai fan di tutto il pianeta per essere stata il luogo dei suoi ultimi momenti di vita. La villa di Holmby Hills è un vero incanto, e la sua magnificenza si deve al fatto di essere ispirata ad un castello francese: le sue dimensioni sono immense, e si estende su un’area talmente grande da poter comprendere addirittura una sala cinematografica privata, oltre che elementi di lusso come cantine personali e un’immensa piscina.

 

Michael Jackson

Quali sono le città migliori dove vivere se si hanno meno di 30 anni? Se ve lo siete chiesto, ma anche se non ve lo siete mai chiesto, noi abbiamo la risposta. Avete mai sentito parlare di YouthfulCities? Si tratta di un'organizzazione internazionale, con diversi progetti operati insieme alle Nazioni Unite, che si occupa di studiare i fattori sociali che riguardano i giovani, le loro possibilità nel mercato del lavoro e i luoghi dove gli under-30 vivono meglio.

Proprio a quest'ultimo punto è dedicata una speciale classifica, che analizza le città nelle quali i giovani hanno più possibilità, e possono vivere e lavorare senza intaccare seriamente portafoglio e risparmi.

 

 

 

La classifica è una vera e propria sorpresa, perché valorizza città considerate generalmente molto costose, o con parametri non sempre altissimi in fatto di vivibilità. In molti casi si tratta di città ricche di opportunità, in cui per esempio l'alto costo della vita può essere bilanciato dalla possibilità di trovare lavori ben retribuiti. Ma andiamo a vedere cosa dice YouthfulCities e soprattutto scopriamo quali sono queste dieci città!

 

1. Parigi - La medaglia d'oro spetta alla capitale francese, una città che certo non può considerarsi economica, o particolarmente accessibile. Tuttavia, secondo Youthfulcities, La ville lumière offre vantaggi importanti, come un salario minimo garantito tra i più alti in Europa (sopra i 10 euro/ora), un'ottima rete di trasporti pubblici e numerose possibilità, professionali e di crescita sociale.

 

2. Toronto - Perde la prima posizione in classifica, ma resta tra le mete più ambite dei giovani di tutto il mondo. Toronto, metropoli canadese che si trova nella parte anglofona del paese, è una buonissima destinazione per quanto riguarda il lavoro, ma è anche una città dall'altissima qualità di vita, con parchi, attività all'aperto tanto in estate quanto nel lungo inverno (ogni città canadese, infatti, ha una città sotterranea) e costi contenibili su diversi settori.

 

3. Los Angeles - La più importante città della California si piazza al terzo posto, ma nell'immaginario comune è sicuramente la città più "cool" da visitare e, magari, nella quale trasferisce. I parametri che la portano in questa posizione sono soprattutto le attrazioni e le opportunità di lavoro, nel settore tecnologico e non solo. Il sole e l'oceano sono, in un certo senso, dei complementi.

 

4. Chicago - La Windy City si piazza appena fuori dal podio, ma anch'essa è una città dai grandi potenziali. Chicago, infatti, ha un'economia sviluppatissima, con un PIL che corrisponde a un sesto di quello italiano (in una sola città!), e un tasso di disoccupazione ai minimi. Musei, cultura, attrazioni varie la rendono una meta di espatrio molto valida, ed è dimostrato dall'ampia percentuale della popolazione di origine europea.

 

5. Berlino -  La capitale della Germania ha acquistato negli ultimi anni fama di città moderna e giovane, e a buona ragione. Qui, infatti, gli affitti sono tra i più bassi in assoluto tra le città prese in analisi, e anche le spese per il cibo non sono un problema. Berlino, infatti, è la più economica città secondo il "parametro delle uova", dove una confezione da 6 è presa in considerazione per stabilire il costo degli alimenti.

 

6. Dallas - Sesto posto per la città più grande del Texas, che rappresenta una meta per certi versi "secondaria" rispetto alle grandi metropoli mondiali. Qui, però, la vita è piuttosto soddisfacente, il centro cittadino offre molte opportunità, e se non si bada alle temperature spesso roventi d'estate, ci si può fare un pensierino per una seconda vita oltreoceano.

 

7. Roma - Non più solo capitale del turismo, ma anche dei giovani e di un futuro sostenibile. Roma scala rapidamente posizioni in classifica, divenendo la settima città al mondo più attrattiva per gli under 30. Qui, infatti, la vita notturna e i mezzi pubblici hanno un rapporto economico estremamente vantaggioso, e dunque la nostra capitale è una destinazione estremamente attraente, a patto però di trovare lavoro, cosa certo non facile di questi tempi in Italia.

 

8. New York - Non poteva mancare, nella classifica, la metropoli per definizione, la città più sfavillante e moderna del mondo. New York, che per molti giovani resta più un sogno che una realtà, incarna bene il mito della "Land of opportunity": qui, infatti, si può trovare lavoro, e sistemazioni per ogni reddito, a patto però di fare alcune rinunce, o di utilizzare i mezzi pubblici anche per molto tempo ogni giorno.

 

9. Tokyo - Il Giappone è una terra di contrasti. Tradizioni millenarie, così come la rigidità delle istituzioni, si accompagnano a una modernizzazione spinta fino all'accesso, con treni a levitazione magnetica e un settore informatico attivissimo. Forse è proprio questo strano connubio che permette ai giovani, in cerca di nuove frontiere, di trasferirsi qui e restarvi anche per molto tempo, con una certa soddisfazione.

 

10. Londra - Chiude questa classifica Londra, capitale del Regno Unito, che da tempo immemore viene considerata dai giovani europei (e non solo) come una meta promessa, un traguardo nel quale trovare autonomia e indipendenza. Anche se perde posizioni, infatti, Londra resta una città attrattiva, dove trovare lavoro è possibile, ma dove gli alti costi della vita richiedono pur sempre alcune rinunce.

La lista delle 10 città preferite. Un concentrato di bellezze, il meglio del meglio del turismo. A stilare la top ten ci ha pensato un'indagine Ipsos basata sulle risposte di oltre 18 mila persone provenienti da tutto il mondo. Poche le sorprese, tante le certezze grazie anche a dei dati che offrono interessanti spunti di riflessione. A trionfare è New York davanti a due big come Londra e Parigi. C'è anche l'Italia, rappresentata dal nono posto di Roma.

 

 

L'indagine-sondaggio si è basata sulle risposte degli intervistati a tre diverse domande e cioè: 

  • Qual è la città migliore per concludere affari
  • Qual è la città migliore per vivere
  • Qual è la città migliore per fare un viaggio da turisti

A ogni voce è stato assegnato un determinato punteggio. A vincere è stata New York, il cui fascino è indiscusso, visto che la Grande Mela - perfetto mix tra business (Wall Street), qualità della vita e luoghi di interesse (Central Park, Statua della Libertà) - con 68 punti stacca nettamente i 52 che caratterizzano le seconde classificate: Londra e Parigi. La Tour Eiffel e il Louvre da un lato, Tower Bridge e Buckingham Palace dall'altro non bastano infatti a colmare un gap basato soprattutto sulla concezione della città statunitense come perfetto 'luogo d'affari' a differenza delle due località europee.

 

Londra

 

Tuttavia Londra e Parigi rappresentano il meglio del vecchio continente: la prima è la "City" per eccellenza, luogo d'affari, città alternativa e di tradizione, da Camden Market alla Regina. Discorso simile per Parigi, che resta la "Città degli Innamorati", capace di affascinare e lasciare senza parole.

 

Parigi

 

La particolare struttura del sondaggio va tutta a vantaggio della quarta classificata, la ricchissima Abu Dhabi. La posizione della città degli Emirati è sicuramente rafforzata dai punteggi relativi agli affari e alle vacanze, che compensano ampiamente il fatto che Abu Dhabi non sia considerata tra i migliori posti dove vivere.

 

Abu Dhabi

 

Dietro Abu Dhabi si piazzano invece due città che fanno della qualità della vita il loro punto di forza. La quinta classifica è infatti Zurigo; la città svizzera non è di solito indicata tra quelle "imperdibili" ma è evidente che sia tra quelle dove si vive meglio.

 

Zurigo

 

Discorso simile, in parte, per Sydney. La metropoli australiana infatti è una città dove si vive bene ma è anche una meta "esotica", se non altro perché situata dall'altra parte del mondo e perché "vicina" a posti che esotici lo sono davvero. Città da vivere, quindi, ma anche città da visitare e da utilizzare, perché no, come punto di partenza per una vacanza ancora più lunga!

 

Sydney

 

Dopo Sydney arriva l'Asia. Al settimo posto c'è Tokyo. La capitale del Giappone è molto considerata per le possibilità lavorative e di business che offre ma lo è molto meno come destinazione in cui trasferirsi, a cause delle troppe le differenze tra lo stile di vita al quale siamo abituati e quello nipponico.

 

Tokyo

 

Stesso discorso anche per l'ottava classifica di questa speciale classifica: Hong Kong. In questo caso, si tratta addirittura dell'ultima classificata tra le città in cui si vorrebbe vivere. Le risposte positive alle altre due domande del sondaggio, affari e turismo, le hanno permesso però di risalire e di piazzarsi comunque nella Top 10, mettendosi alle spalle città spesso più quotate.

 

Hong Kong

 

Ci avviciniamo alla fine della Top 10 e finalmente troviamo la prima e unica italiana. Come è facile immaginare si tratta di Roma! La città eterna sconta il fatto che l'Italia non sia considerata il centro degli affari ma rimane indubbiamente tra le mete e le destinazioni da vedere almeno una volta della vita (solo Parigi, infatti, ha ottenuto una valutazione migliore nella domanda prettamente turistica). In quanto a qualità della vita ... ci si può adattare!

 

Roma

 

Chiude la classifica un'altra big del turismo mondiale come Los Angeles. Le spiagge, Hollywood, il fascino del cinema e dello star system, il tipico skyline americano: tutte cose che continuano a esercitare fascino ma che non bastano ad andare oltre il decimo posto.

 

Los Angeles
Pagina 2 di 2