I Mercatini di Natale 2014 in Trentino Alto Adige aprono tra qualche settimana all'insegna della meravigliosa tradizione natalizia che, in luoghi così magici, tra vette alpine e prime nevicate, assume un sapore tutto diverso! D'altra parte lo scenario fiabesco di questi posti è perfetto per ospitare quelli che in tedesco vengono chiamati i Weihnachtsmarkt.

Tante le opportunità e i percorsi da seguire, alla scoperta di un Trentino Alto Adige che si veste a festa per accogliere famiglie, comitive di turisti e viaggiatori singoli provenienti da ogni parte d'Italia e non solo, alla ricerca di un regalo curioso, magari tra le creazioni artigianali del luogo, oppure di una vacanza pre o post natalizia, all'insegna della bellezza e dell'accoglienza.

 

 

Mercatini di Natale Bolzano

Nel capoluogo della provincia autonoma di Bolzano, dove è molto forte la tradizione tirolese e anche l'artigianato alpino legato all'Austria e alla Germania, i mercatini sono un'occasione per rendere la città ancor più bella e facile da visitare. In Piazza Walther, ad esempio, i mercatini verranno inaugurati il 28 novembre prossimo, e proseguiranno per tutti i giorni, ininterrottamente, fino al 23 dicembre, giusto al ridosso del Natale, e saranno i mercatini di Natale tradizionali, con tanti espositori di merce di ogni tipo, e numerosi stand gastronomici per tutti i gusti. In Piazza Municipio, invece, si terrà dal 5 al 23 dicembre la Rassegna Mercato Artistico Alternativo, una iniziativa nata negli anni '70 e che ha permesso a tanti artisti provenienti da ogni regione d'Italia di esporre, e mettere in vendita, le proprie opere pittoriche, scultoree e di ogni tipo, acquisendo così visibilità e regalando ai turisti una visita innovativa e curiosa al contempo.

 

Mercatini di Natale Trento

Dal 22 novembre e fino al 6 gennaio 2015 saranno le eleganti destination di Piazza Fiera e Piazza Cesare Battisti a ospitare i banchi dei Mercatini di Natale di Trento, tra i più importanti della regione e della zona alpina. A differenza di Bolzano, Trento si contraddistingue per una maggiore attenzione alla ricchissima arte gastronomica della regione, che va dalla polenta alle carni, fino ai dolci tradizionali natalizi e alle bevande del Natale, come il vin brulè e la cioccolata calda. Tante anche le attività correlate, come la visita a Tridentum, la città sotterranea di Trento e i Concerti natalizi del coro Paganella di Terlago, che si terranno il 4, 8, 13 e 23 dicembre, in corrispondenza dei giorni di maggiore affluenza dei visitatori. Durante i restanti giorni, poi, Trento offrirà visite guidate alla bellissima Città Vecchia, con percorsi ben segnalati, e destinati in particolare ai turisti che raggiungono i mercatini di Natale attraverso gli autobus e i mezzi pubblici in generale.

 

Mercatini di Natale Merano

Merano si illumina e si fa ancor più bella per ospitare i Mercatini di Natale 2014, che riempiranno le strade e le piazze della cittadina altoatesina dal 28 novembre al 6 gennaio 2015. In questo luogo magico, dalle dimensioni più contenute rispetto ai due capoluoghi, l'accento viene posto sulla convivialità e la familiarità che il Natale porta in ciascuno di noi, sulle tradizioni gastronomiche e su tutte quelle idee, oggettistiche e decorazioni che vengono solitamente poste in essere in casa e nel vicinato, per rendere il proprio Natale più bello e interessante. Il Green Event di Merano, che quest'anno punta sulla sostenibilità ambientale, è inoltre integrato dalla presenza di artisti di respiro internazionale, come Renzo Arbore e Patty Pravo, ma anche Alessandro Bergonzoni e Nancy Brilli, che si esibiranno nelle giornate di maggiore presenza del pubblico, ovvero il sabato e la domenica, l'8 e il 23 dicembre.

 

Mercatini di Natale Bressanone

L'Avvento è raccoglimento e famiglia, un periodo dell'anno nel quale il sentimento religioso e quello prettamente popolare trovano un punto d'incontro, e si riuniscono anche in tradizioni più "materiali", come appunto l'acquisto dei regali, il consumo di cibi particolari e via dicendo. I Mercatini di Natale di Bressanone si ispirano a questo lato "filosofico" del Natale per offrire un'esperienza che, negli anni, ha portato sempre più persone a scegliere questa meta, una delle più settentrionali d'Italia (ma tra le più meridionale della regione storica del Tirolo) per trascorrere uno o più giorni in completo relax, passeggiando tra le strade illuminate e le bancarelle che offrono ogni sorta di idea per una strenna di successo. Dal 28 novembre al 6 gennaio 2015, con l'inaugurazione prevista nella magnifica cornice di Piazza Duomo, Bressanone sarà dunque la meta migliore per gli amanti di tradizione, gastronomia tipica e serenità.

Dopo aver viaggiato lungo l'offerta natalizia della Toscana, oggi vogliamo dedicarci a scoprire cosa l'Emilia Romagna, e in particolare il suo capoluogo Bologna, propongono a turisti e residenti locali per il periodo dell'Avvento, tra mercatini e fiere che segnano l'avvicinamento al Natale.

 

 

Bologna

Si tiene a Bologna, lungo quella Strada Maggiore fulcro della vita cittadina, la tradizionale Fiera di Santa Lucia, che proseguirà tutti i giorni fino al 26 dicembre, festa di Santo Stefano. Dalle 9 alle 20.30, i visitatori potranno immergersi nella grande offerta della più grande Fiera d'Europa, un appuntamento imperdibile nel quale gastronomia, tradizione e artigianato si mescolano per donare alla bella "Dotta" il suo vestito migliore. Allo stesso modo, è da vedere la Fiera di Natale di Via Altabella, che rimarrà aperta negli stessi orari ma fino al 6 gennaio, e nella quale sarà possibile ammirare e acquistare tanti prodotti di tutti i tipi.

Nella provincia bolognese, spazio all'appuntamento con Al Nadel 'd Zola, la Fiera del Natale che il 13-14 e 21 dicembre illuminerà stradine e piazze di Zola Predosa. Qui, tra una bancarella di artigianato e uno spazio gastronomico, sarà possibile scoprire bellezze e attrazioni del comune, tra le quali la Biblioteca pubblica, il Museo del Passato (dedicato alla riscoperta dei mestieri tradizionali e della lavorazione della canapa) e i numerosi spettacoli messi in scena per i visitatori.

 

Rimini

Ci spostiamo a Rimini, dove certo il Natale in riva al mare ha tutto un altro sapore, ma anche qui le tradizioni non possono non essere rispettate. Ecco dunque che tra gli appuntamenti imperdibili ci sono i mercatini dell'artigianato di Via Castelfidardo, che si terranno nelle tre domeniche antecedenti il Natale (7, 14 e 21 dicembre) mentre tutto il centro storico, dal 1 dicembre e fino al 6 gennaio 2015, si trasformerà in un grande palcoscenico del Natale a cielo aperto, dove ogni strada e piazza offriranno idee, spunti e addobbi differenti, tutti da scoprire.

 

Ferrara

Proposta ampia e di sicuro effetto anche quella del comune di Ferrara, che dal 30 novembre al 6 gennaio, nella splendida cornice della Piazza Municipale, si vestirà a festa con tante attività tutte da scoprire, mercatini insoliti e curiosi, ma anche tanta buona cucina e bevande, spettacoli e attrazioni per i bambini (e gli adulti) in una cornice turistica di grande interesse.

 

 

Parma e provincia

Concludiamo la nostra carrellata con un piccolo paese del parmense, Borgo Val di Taro, che nel primo weekend festivo di dicembre si trasformerà in una sorta di presepe vivente. Qui, infatti, l'arrivo del Natale sarà celebrato con una ricchissima mostra di artigianato, eventi di ogni tipo (tra i quali i cori e le musiche dei Gruppi Alpini) e il celebre Festival della Spongata, un dolce natalizio tradizionale dell'Emilia centrale fatto di marmellata, pinoli, mandorle e frutta candita inseriti in un delicato impasto di pasta brisèe. Insomma, golosi e amanti del Natale, è giunto il vostro momento!

I Mercatini di Natale 2014 in Lombardia seguono la pregevole tradizione molto attiva in Trentino Alto Adige, e si arricchiscono di una dimensione "urbana e metropolitana" che li rende sicuramente maggiormente accessibili e accomunabili a sedute di shopping tradizionale, o comunque più facilmente raqgiungibili da chi vive in città e non vuole, o non può, spostarsi molto. La più grande regione d'Italia non sfigura certo al paragone delle sue colleghe settentrionali, e propone un programma e una selezione di Mercatini di Natale ricca e variegata.

Tante le opportunità per scoprire luoghi solitamente messi in poca evidenza, oppure per guardare alle strade che si frequentano ogni giorno con occhi nuovi, magari come fanno i bambini davanti ai regali, "illuminati" dalla gioia della festa più bella dell'anno. Partiamo allora alla scoperta dei Mercatini di Natale 2014 in Lombardia, e di tutto ciò che hanno da offrire!

Mercatini di Natale Milano

I milanesi hanno bene in mente, quando si parla di mercatini di Natale, la Fiera degli O'Bej O'Bej, la più grande e bella tra le manifestazioni natalizie del capoluogo lombardo. Nella zona di Piazza Castello, opportunamente pedonalizzata, il prossimo 5 dicembre 2014 si aprirà la quattro giorni più sfavillante dell'Avvento (che nella diocesi milanese, vale la pena ricordarlo, inizia prima che nel resto d'Italia, per la diversità del calendario liturgico). Questa tradizione, collegata alle celebrazioni per Sant'Ambrogio (7 dicembre), risale addirittura al 1510, e si deve a Giannetto Castiglione, inviato di Papa Pio IV, che portò ricchi doni alla popolazione, da cui l'espressione "Oh bej", ovvero "oh belli", riferita ai regali. Fino al 6 gennaio, comunque, ci sarano tantissimi mercatini in giro per la città, dal Garage Milano al Lekker Market, e molti di questi saranno improntati alla raccolta fondi per associazioni benefiche e programmi di aiuto, come il World Food Program delle Nazioni Unite per fornire alimenti e sostegno alle popolazioni mondiali in difficoltà.

Mercatini di Natale Bergamo

Sarà l'elegante cornice di Piazza Dante, nei pressi dello storico Teatro Donizetti, ad ospitare l'XI edizione dei Mercatini di Natale di Bergamo. Il tradizionale appuntamento con l'intrattenimento musicale, gli standisti e la gastronomia tipica partirà quest'anno il 29 novembre, e proseguirà senza sosta fino al 6 gennaio 2015, e per tutti i giorni dalle 9 alle 20 sarà possibile scoprire tante idee per regali legati all'artigianato locale, ma anche spettacoli per bambini e ragazzi, divertimenti per tutte l'età e tanto altro. Anche la provincia di Bergamo ospita numerosi mercatini di Natale tutti da scoprire: da Castione della Presolana, con il mercato artigianale e la "Corsa dei Babbi Natale", a Ponte San Pietro, dove sarà dato grande spazio alla cultura attraverso la mostra fotografica "Monaco & Neuschwanstein".

Mercatini di Natale Cremona

Aspettando il Natale è il titolo scelto per i Mercatini di Natale di Cremona, che partiranno con una ricca due giorni, il 30 novembre e 1 dicembre, dalla bella Piazza Stradivari. La città del "Torrazzo" si prepara a festeggiare l'Avvento non solo attraverso i classici espositori di artigianato, regali e prodotti per l'infanzia, ma anche con un occhio attento alle categorie tradizionalmente "insolite", come i prodotti biologici ed equo-solidali, il Vintage nell'abbigliamento e negli arredi per la casa, e le realizzazioni etniche, che tanto possono contribuire a un regalo di Natale di impatto. Nella provincia, sono sicuramente da visitare il 6° Natale - Idee regalo 2014 di Pizzighettone, patrocinato dalle autorità locali, e nel quale è possibile fare e ricevere regali belli e insoliti, e la Sagra di Sant'Ambrogio di Torre de' Picenardi, che per il weekend lungo del 6-8 dicembre offrirà musica, gastronomia e oggettistica locale tutta da scoprire.

Mercatini di Natale Livigno

Dal 30 novembre al 23 dicembre, la località montana di Livigno si veste a festa per i Mercatini di Natale. Tra le alte montagne alpine, passeggiando sotto una lieve nevicata e sorseggiando una cioccolata calda o - per i grandi - una tazza di vin brulè bella fumante, potrete ammirare uno dei mercatini natalizi più alti d'Italia e d'Europa, dove i tradizionali "stand" sono sostituiti da belle baite in legno, tipiche dell'urbanistica di montagna, e i prodotti industriali lasciano spazio a deliziose creazioni artigianali, frutto di un lavoro metodico e certosino di scalpellini e fabbri locali. Assolutamente imperdibile, poi, la Fiaccolata, un appuntamento notturno durante il quale esperti maestri di sci della zona illuminano, alla luce fioca e delicata delle fiaccole accese, le piste da sci giungendo alfine nel borgo, tra lo stupore e gli applausi dei presenti.

film di Natale sono il vostro passatempo preferito tra una tavola imbandita e l'altra? Non potete fare a meno della vostra dose annuale di "Miracolo sulla 34esima Strada" e "Mamma ho perso l'aereo", che vengono trasmessi con cadenza talmente regolare da essere programmabili con un anno di anticipo? Beh, forse è giunta l'ora di fare un passo in più.

Alcune agenzie immobiliari statunitensi e britanniche hanno lanciato un'idea curiosa e divertente: affittare le location dei film più famosi per famiglie, gruppi di amici e singole persone che abbiano in mente di dormire e festeggiare in uno dei luoghi nei quali sono stati girate le pellicole natalizie, alcune delle quali già citate nel paragrafo precedente.

 

 

Il sito Homeaway ha già messo a disposizione dei propri utenti/clienti una serie di offerte piuttosto interessanti, che peraltro stupiscono per l'economicità, in rapporto alla fama che questi luoghi si sono guadagnati nel tempo. Si parte proprio da Mamma ho perso l'aereo, il campione d'incassi del 1990 con protagonista il giovanissimo Macaulay Culkin. L'abitazione - sette camere da letto, cinque bagni e ampio giardino - si trova a Chicago, nell'Illinois, e viene proposta a 741 euro al giorno, ma può ospitare ben 24 persone (30 euro circa a persona).

La vita è meravigliosa, successo del 1946 diretto da Frank Capra, venne girato a San Francisco, in una elegante palazzina vittoriana che nella trasposizione cinematografica si trova a Bedford Falls, paese immaginario. In questo caso, parliamo di quattro camere disposte su una superficie complessiva di 518 metri quadrati, per 360 euro al giorno (45 euro al giorno).

Per chi voglia invece optare per una vacanza natalizia nel Regno Unito, ecco l'abitazione nella quale è stato girato il recente A Christmas Carol, rendering cinematografico della fiaba di Charles Dickens del XIX secolo. Si tratta di una bellissima abitazione arredata in stile ottocentesco, a poca distanza da King's Cross, in pieno centro città a Londra. La posizione, e l'ottimo stato della casa, la rendono decisamente meno economica (390 euro per 4 persone, quasi 100 euro a persona al giorno), ma "once in a lifetime" si può provare un'esperienza come questa, o no?

 

Colonia a Natale è il massimo per chi ama le atmosfere "calde", i mercatini, i dolci tipici e il pan di zenzero. Dominata dal Duomo, una imponente costruzione neogotica, Colonia rappresenta una scelta molto interessante anche per chi ama l'arte, che troverà pane per i suoi denti al Museo Ludwig, uno dei più importanti musei di arte moderna e contemporanea. In più, per i veri "Art Lover", c'è una vasta scelta di 120 gallerie d’arte tra cui selezionare le proprie preferite. Anche, anzi soprattutto, a Natale!

 

 

Ma Colonia è una destinazione primo piano anche per chi ama le atmosfere rilassate o per chi sta cercando una meta per due. Che ne dite, per esempio, di una romantica gita sul fiume Reno? E poi tutti al Museo della Cioccolata, per concludere ... in dolcezza! Ecco l'offerta, allora: un weekend al Dorint Hotel Köln Junkersdorf am Stadion, una moderna struttura a pochi passi dai mercatini di Natale di Colonia, tra i più famosi al mondo e in diretta "concorrenza" con quelli di Vienna, la Regina dei Mercatini. Due notti, con colazione inclusa, a soli 44 euro a persona. Cosa volete di più?

Se l'offerta vi stuzzica, non perdete altro tempo e correte a prenotare. La trovate su travelbird.it.

È quasi Natale e tra vacanze di Natale e ritorni a casa (per chi lavora fuori durante l'anno), a molti di voi capiterà di prendere un aereo in questo periodo, più di quanto avviene di solito nel corso dell'anno. Per evitare brutte sorprese, o almeno per essere preparati al peggio, il sito www.sleepinginairports.net ha pubblicato la classifica degli aeroporti peggiori al mondo.

Com'è stata fatta questa classifica? Rilevando i ritardi e il feedback dei viaggiatori, ma anche la pulizia, la disponibilità di sedute comode e di aree dedicate all'attesa dei viaggiatori. Aspetti che potrebbero sembrare banali ma che non lo sono affatto quando ci si trova di fronte a viaggi (e a scali) molto lunghi e una sedia comoda può fare la differenza. Tornando alle nostre e vostre vacanze di Natale, il giudizio non ha risparmiato l'Italia.

 

 

Vediamo quindi quali sono le pecche principali di alcuni degli aeroporti più "visitati" del nostro Paese.

Aeroporto Leonardo Da Vinci, Roma

Il Leonardo Da Vinci, comunemente noto come aeroporto di Fiumicino, è il primo della capitale. I viaggiatori lamentano le interminabili file ai varchi di sicurezza e quelle per ritirare i bagagli. Un altro problema molto sentito da chi lo usa spesso per i suoi spostamenti è l’assenza di una metropolitana per arrivare in centro, sostituita da un treno regionale o dal Leonardo Express, il treno che collega l'aeroporto con la stazione di Roma Termini. Entrambi, però, sono considerati, per non parlare dei taxi (48 euro a tariffa fissa), troppo cari.

 

Aeroporto di Ciampino, Roma

Rispetto all'aeroporto di Fiumicino, cambiano i problemi. Lo scalo di Ciampino è piccolo e lo si può raggiungere in autobus, a cifre contenute (da 1,20 euro per la tratta Anagnina - Aeroporto a circa 6 euro per il collegamento con Termini). Si lamenta soprattutto chi ha avuto occasione di dormire in aeroporto, aspettando i voli nelle prime ore del mattino, quelli che spesso costano meno: l'aeroporto è giudicato freddo e chiassoso. In realtà, niente di strano, siamo pur sempre in un aeroporto!

 

Aeroporto di Orio al Serio, Bergamo

Anche l'aeroporto di Orio al Serio è piuttosto frequentato, visto che è lo scalo milanese di compagnie low cost come Ryanair. E anche qui non mancano i problemi rilevati dai viaggiatori, a partire dal fatto che ci sarebbero pochi posti a sedere. Il problema è mitigato dal fatto che è difficile che ci siano lunghe attese, visto che si tratta di un aeroporto piccolo dove non ci sono scali di lunghi viaggi. Il risultato però è che, soprattutto la mattina presto, si possono incontrare viaggiatori che dormono nel sacco a pelo. Inoltre mancano WiFi e prese elettriche, accessori sempre più necessari per essere connessi.

 

Aeroporto Falcone e Borsellino, Palermo

Il problema principale dello scalo palermitano è la mancanza di chiarezza. Le indicazioni sono poche, le uscite sono mal segnalate e del tutto non segnalate e anche gli annunci vocali spesso sono incomprensibili. Inoltre è difficile rivolgersi anche a chi lavora all'interno dell'aeroporto, specie se si è stranieri. È infatti difficile incontrare qualcuno che parli inglese (voi non dovreste avere questo problema per le vostre vacanze di Natale!).

 

Aeroporto Galileo Galilei, Pisa

Quello di Pisa è uno scalo piuttosto utilizzato da chi vuole risparmiare, evitando così i voli su Firenze, altro aeroporto principale della Toscana ma servito principalmente dalle compagnie tradizionali. Da qui, infatti, partono molti voli low cost a prezzi stracciati. Un risparmio che compensa la scomodità: il Galileo Galilei è infatti considerato da sleepinginairports.net l'ottavo peggior aeroporto del mondo, nonostante sia piuttosto ben collegato alla città e al capoluogo toscano dalla linea ferroviaria. 

Natale in Crociera. No, non stiamo parlando di uno dei tanti cinepanettoni della premiata ditta Boldi & De Sica, ma di una proposta affascinante: trascorrere le vacanze natalizie in una delle città gallegianti che solcano i sette mari, passare una settimana o anche più tra isole caraibiche e paesi lontani, fuggire il freddo e le tradizioni e rifugiarsi in un mondo di luci, attrazioni, Spa e divertimenti per ogni giorno.

Andiamo a scoprire insieme le migliori proposte per il Natale, dividendo le destinazioni a seconda della compagnia crocieristica: prenderemo in esame le tre maggiori compagnie che operano direttamente in Italia, ovvero Costa Crociere, MSC Crociere e Royal Caribbean.

 

 

MSC Crociere - Tra Mediterraneo e i mari del Sud

La compagnia italo-svizzera MSC Crociere propone un vasto ventaglio di soluzioni per il Natale in crociera, con viaggi dalla durata che varia dai 7-8 agli 11-12 giorni, e che toccano molti luoghi. Innanzitutto il Mediterraneo, con partenze il 15 e 16 dicembre (rispettivamente da Civitavecchia e Genova) e che toccano le isole del Mar Egeo, Sicilia, Malta e la meta turca di Izmir; a bordo dell'Orchestra, poi, si parte da Dubai (dopo il trasferimento aereo da Roma e Milano) per un viaggio tra le grandi destinazioni degli Emirati, in una crociera che tocca Abu Dhabi e Muscat; molto interessanti anche le proposte delle isole, con la MSC Musica che tocca Repubblica Dominicana, Antigua e Barbuda e Martinica, e la MSC Armonia, che da Casablanca parte alla volta delle Canarie, toccando Tenerife, Las Palmas e Lanzarote.

 

Costa Crociere - Il richiamo dell'estate boreale

Costa Crociere, che per cancellare definitivamente il periodo di Costa Concordia ha varato Costa Diadema, la nuova ammiraglia della flotta dalle dimensioni colossali (306 metri di lunghezza e oltre 130mila tonnellate di peso, la più grande nave mai costruita in Italia), propone diverse e molto interessanti destinazioni turistiche per una crociera natalizia. Si va dal classico tour del Mediterraneo, con l'opzione Rosso Flamenco che tocca Barcellona, Valencia e Marsiglia in un percorso di sei giorni, alle più lunghe crociere, come la Costa Mediterranea che, partendo da Miami, tocca Tortola, Samanà, Pointe-à-Pitre e le Antille, e la Luci di Rio, una dodici giorni che da Buenos Aires parte alla volta di Montevideo, Rio de Janeiro e Ilhabela, e permette di conoscere meglio l'America del Sud.

 

Royal Caribbean - I Caraibi come non li avete mai visti

La Royal Caribbean è la compagnia che possiede alcune delle navi più grandi del mondo, come la Allure of The Seas, un vero e proprio mostro da 362 metri di lunghezza e 225mila tonnellate di stazza. Questa vasta flotta offre tour completi dei Caraibi, con itinerari di particolare interesse. La Adventure of the Seas, ad esempio, parte da San Juan de Portorico e tocca St. Lucia e Grenadine, Barbados e St. Marteen, mentre proprio la Allure muove da Fort Lauderdale verso Nassau, St. Marteen e poi in navigazione di ritorno fino a Miami e la Serenade of the Seas parte dalla bellissima location di New Orleans, in Louisiana, e tocca Cozumel in Messico, la Giamaica e le isole Cayman, in un tour tutto interno al Golfo del Messico e al Mar dei Caraibi.

Prosegue il tour di Vita da Turista lungo i mercatini di Natale in tutta Italia (e non solo). Dopo aver visto le migliori attrazioni di Trentino Alto Adige, Lombardia, Roma e Campania ci spostiamo quest'oggi in Toscana, per scoprire l'offerta natalizia del capoluogo Firenze e non solo, in un viaggio tra arte, storia e tradizioni natalizie che non potrà non lasciare incantati grandi e piccini.

 

 

Firenze

Cominciamo proprio da Firenze, e precisamente dal Natale in Fortezza, che si terrà presso la Fortezza da Basso dall'11 al 14 dicembre 2014. Si tratterà di una mostra-mercato del Natale, con intrattenimento specifico per i bambini (affidabili in una zona dedicata e sicura) e ampie zone espositive con artigianato locale e internazionale, gastronomia per tutti i gusti e un vasto ventaglio di proposte e idee regalo per tutte le tasche. In Piazza Santa Croce, spazio al Weihnachtsmarkt, il tradizionale mercato tedesco che si rinnova per il 14esimo anno consecutivo, e nel quale i visitatori possono scoprire le bellissime tradizioni germaniche del Natale. La solidarietà e la beneficenza si incontrano negli appuntamenti di Amarti Onlus, il 4 e 5 dicembre nella zona di Lungarno Generale Dalla Chiesa, e di Aspettando il Natale, organizzato dalla Croce Rossa Italiana.

 

Siena

Appuntamento più storico che natalizio, ma dal grande impatto, con il Mercatino medievale di Siena, che sabato 15 e domenica 16 dicembre prossimo popolerà la bellissima Piazza del Campo con ben 160 banchi, tutti in tema antico, dedicati al mondo del Medioevo, alla vendita di prodotti realizzati a mano, ma anche all'artigianato locale (spade, coltelli, intagli in legno e così via) e alla buona cucina senese, mentre saranno possibili visite guidate e percorsi culturali lungo le strade e le piazze più belle della "Città del Palio".

 

Pistoia e Pisa

Dal 19 al 22 dicembre, la Cattedrale ex Breda di Pistoia ospiterà la Fabbrica di Babbo Natale, un appuntamento imperdibile per tutta la famiglia. I bambini, infatti, potranno divertirsi insieme agli aiutanti di Santa Claus nel realizzare con le loro mani giochi e prodotti da regalare a mamma e papà, che nel frattempo si rilasseranno tra banchi di artigianato, decorazioni e tanto altro ancora. Bellissime le scenografie, dalla casa di Babbo Natale alla mega palla di neve, nella quale farsi una foto ricordo, financo allo stand di Peppa Pig, il nuovo must tra i bambini. Lo stesso appuntamento, ma con maggiore attenzione ai giochi gonfiabili e al divertimento, sarà offerto a Pisa, presso la Stazione Leopolda.

 

Viareggio

A Piazza Mazzini e presso Villa Borbone, a Viareggio, il mercatino di Natale proseguirà fino agli inizi di gennaio 2015, e sarà incentrato su appuntamenti di cultura e gastronomia. Presentazioni di libri, caffè letterari, ma anche i classici appuntamenti del Natale, le bevande calde e i dolci tipici, per concludere, sabato 13 dicembre, con una sfilata di abiti vintage (che, chissà, ispireranno qualche regalo a sorpresa!).

 

Mentre si approssima l'Immacolata e si fanno vicini i tempi del Natale, anche la bellissima città di Napoli si prepara ad ospitare tantissimi turisti per i tradizionali Mercatini di Natale, che trovano la loro massima espressione nella zona di San Gregorio Armeno, il "quartiere dei presepi", ma che riservano sorprese in pressoché tutte le zone della città, da Chiaia a Fuorigrotta, passando per il Vomero e i quartieri periferici di Chiaiano e Scampia, affinché napoletani e non possano sfruttare e godere al meglio delle festività.

I due luoghi del Natale a Napoli saranno San Gregorio Armeno e San Biagio dei Librai. Scopriamoli insieme!

 


 

La prima zona, famosa in tutto il mondo, accoglierà tantissimi espositori, che si andranno ad aggiungere alla tradizionale offerta artigianale del luogo: statuette del presepe che raffigurano i classici personaggi (la Sacra Famiglia, i pastorelli, i Re Magi e tutti i vari "mestieri" che entrano nei presepi delle famiglie italiane) e le aggiunte che rendono questa zona famosa, come le figure dei santi, di Papa Francesco e dei vari calciatori, soprattutto del Napoli ma non solo, e i protagonisti della scena politica, mondana, musicale e culturale di tutto il mondo; le opere in ceramiche di Capodimonte, una delle massime eccellenze italiane, alle quali è dedicata parte del Museo di Capodimonte (anch'esso con dei presepi monumentali esposti).

Via San Biagio dei Librari, congiunta a San Gregorio Armeno attraverso Via dei Tribunali (nella quale è allestita la classica luminaria che rimarrà accesa fino al 6 gennaio 2015), si tiene la "Fiera di San Biagio", certo meno conosciuta da chi viene da fuori, ma non per questo meno importante. Anche qui, Napoli mostra il suo lato creativo di straordinario valore, con opere artigianali che possono incantare gli occhi e risultare attrattive per le più disparate fasce di prezzo e gusti personali. 

L'offerta natalizia si estende a tutta la città: a Chiaia, Posillipo e San Ferdinando sarà di scena l'esposizione dell'artigianato locale; a Montecalvario, Porto e San Giuseppe spazio alle idee regalo e all'artigianato italiano in genere; la filiera corta, l'agricoltura e la gastronomia saranno di scena al Centro Direzionale, a Poggioreale e a Chiaiano, dove si punterà l'attenzione anche sui prodotti a km 0, mentre a Bagnoli e Fuorigrotta si terrà il mercato di Natale vero e proprio, con le decorazioni naturalistiche (vischio, agrifoglio e pungitopo), l'agroalimentare da tutta Italia, i prodotti realizzati di propria mano dagli espositori e la vendita degli Alberi di Natale.

Tra una pizza margherita e un caffè, scoprendo i luoghi iconici come il Maschio Angioino, la Galleria Umberto I e Palazzo Reale, il vostro Natale a Napoli sarà all'insegna della bellezza, delle tradizioni e dell'accoglienza, come solo da queste parti riescono a offrire.

Il Natale è sempre più vicino! Se questa è la frase più ricorrente in ufficio con i colleghi che vi "sfidano" a passare un Natale diverso, o a casa dove vostra moglie è decisamente stanca di cucinare per un esercito, forse vale la pena fare le valigie e partire, alla ricerca di un Natale non convenzionale tra cultura, natura e tradizione. 

Abbiamo selezionato per voi cinque mete, assolutamente diverse tra loro, ma legate da un fil rouge, proprio il colore del Natale, per trascorrere le feste in luoghi, e modi, totalmente diversi da come avete fatto finora.

 

 

Riga, un viaggio culturale

Nominata come Capitale europea della cultura 2014, Riga è una città che merita di essere visitata durante tutto l'anno. In questo periodo, però, complici le prime nevicate e gli addobbi natalizi, la prima città lettone acquista un fascino ancor più importante, che la qualifica come meta culturale per eccellenza. Passeggiando tra le strade di Vecriga, il quartiere antico, scoprendo le delicate architetture del quartiere Art Nouveau o visitando uno dei tanti musei, questo luogo non potrà che stupire e incantare, anche a Natale.

 

Deserto di Atacama, un viaggio avventuroso

Natale nel deserto? L'idea potrebbe sembrarvi quanto meno bislacca, ma provate a immaginare l'emozione di ammirare un vero e proprio manto stellato che, per tutta la notte, si stende sopra i vostri occhi, regalandovi la più naturale ed enorme illuminazione natalizia che avete mai visto. Questo è il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile, una zona talmente arida che non vi è piovuto per 400 anni consecutivi, ma dove le temperature scendono spesso sotto zero. Un Natale all'insegna dell'avventura, adatto a chi cerca emozioni nuove.

 

Innsbruck, un viaggio tradizionale

Una cioccolata calda, passeggiando tra mercatini di Natale dalla tradizione secolare, ammirando monumenti e ascoltando canti natalizi. Innsbruck, e con essa tutta l'Austria, è la meta più indicata per chi vuole riscoprire la tradizione e le emozioni di questa festa, "tornare bambino" in un clima che è assolutamente indicato per le famiglie, che potranno così ritrovarsi insieme e concedersi una vacanza all'insegna della bellezza.

 

Antigua, un viaggio estivo

Le immagini del telegiornale che mostrano gente festeggiare il Natale in costume da bagno vi hanno finalmente convinto? Volete abbandonarvi per qualche giorno, o anche pù, ai piaceri di un'estate fuori stagione? Non vi resta che partire per Antigua e Barduba, uno degli arcipelaghi più belli dei Caraibi. Qui, tra distese di sabbia assolate, foreste incontaminate e mare cristallino, potrete sorseggiare un cocktail in spiaggia con tanto di cappellino rosso, per ricordarvi che è Natale, sì, ma con il clima di Ferragosto!

 

Jungfrau Bahn, un viaggio ad alta quota

Dopo essersi stati in America Latina, torniamo in Europa, e precisamente in Svizzera. Qui si trova la Jungfrau Bahn, la più alta ferrovia del Vecchio Continente, che attraversa nelle profondità il monte dello Jungfrau, partendo dai 2.000 metri di Kleine Scheidegg e inerpicandosi fino ai 3.354 metri dello Jungfrau, dove una terrazza panoramica ci permetterà di ammirare lo spettacolo di montagne innevate e paesaggi da fiaba che sono la cifra delle Alpi svizzere.

Pagina 1 di 2