La sua foto della ragazza dagli occhi azzurri comparsa sulla copertina del National Geograpghic è probabilmente lo scatto più celebre della storia recente. Steve McCurry, fotografo statunitense dalla macchina "magica", ha realizzato l'interessante mostra Sensational Umbria by Steve McCurry, che si può visitare a Perugia fino al prossimo 11 gennaio 2015.

In questa mostra, esposta presso i locali dell'Ex Fatebenefratelli e a Palazzo della Penna, presso il Museo Civico, sono esposti oltre 100 scatti che McCurry ha realizzato girando l'Umbria in lungo e in largo, e catturando l'essenza poetica e naturalistica del "polmone verde" d'Italia, in un viaggio-retrospettiva affascinante e meraviglioso.

 

 

 

Dai mestieri tradizionali alle feste medievali, passando per le città d'arte come Perugia e Orvieto e i paesaggi più belli, la mostra si caratterizza sopratutto per la scelta espositiva di posizionare le foto sul pavimento, e non appese come di consueto, in modo da far spiccare i colori e le figure in un ambiente, quello del Fatebenefratelli, illuminato da tiepide luci a risparmio energetico, una scelta culturale e ambientalista.

La mostra prevede un biglietto d'ingresso di 6,50 euro, ridotto a 5 e 3 euro rispettivamente per giovani, anziani e per giovanissimi e persone disabili. L'orario d'ingresso è dal martedì alla domenica dalle 10.30 alle 19, secondo l'orario prorogato. Ulteriori informazioni si possono trovare presso il sito ufficiale della mostra.

Perugia si appresta a inaugurare la 22° edizione di Eurochocolate, la manifestazione internazionale dedicata al cioccolato in tutte le sue forme e varietà.

Dal 16 al 25 ottobre il centro storico e le strade del capoluogo umbro si trasformano in scenografie per la kermesse più golosa al mondo.

Attesissimo dai bambini e dagli adulti amanti del cioccolato, l’evento dedicato al ‘cibo degli dei’ quest’anno celebra il tema #MustaChoc: da leccarsi i baffi!

Il 12 ottobre, come consuetudine, è previsto il Choco Day, la giornata celebrativa del cacao sostenibile e del buon cioccolato; istituita nel 2007 la festa celebra la data della scoperta dell’America, avvenimento grazie al quale il cioccolato è arrivato in Europa.





Il programma di Eurochocolate si preannuncia ricco di gustose sorprese tra cui: show cooking, mostre, esposizioni, degustazioni, laboratori, conferenze, sfilate e tanto altro.

Tra gli appuntamenti da non perdere quello di domenica 18 ottobre nel Centro Storico di Perugia che si trasformerà in una vera e propria galleria d’arte per accogliere le sculture firmate Perugina; 4 blocchi di cioccolato da 11 quintali ciascuno saranno lavorati dal vivo e trasformati in opere d’arte da abili artisti.

Come anticipato dal tema 2015 ad ispirare gran parte degli eventi e delle creazioni saranno i baffi.

In Piazza IV Novembre è prevista l’installazione dei baffi di cioccolato più grandi mai costruiti mentre dalla collaborazione con il ‘Festival Italiano dei Baffi’ di Taranto nasce l’idea di proporre una mostra che ne ripercorre la storia.
Per gli uomini è in programma un MustaChoc rave al quale è d’obbligo sfoggiare un bel paio di baffi.

Eurochocolate
eurochocolate.com

Per chi desidera portare a casa un ‘souvenir’ di Eurochocolate è previsto un temporary shop a tema all’interno del quale è possibile acquistare tanti simpatici ed originali gadget: t-shirt, accessori moda, cover per smartphone e articoli per la casa dedicati ed ispirati al cioccolato in tutte le sue varianti.

Piacevole riconferma anche per il 2015 il Chocolate Show! che vedrà tra i protagonisti una selezione di 100 firme, italiane ed internazionali, del dolciario industriale ed artigianale.

A intrattenere i visitatori appassionati di libri ci penserà ‘Cioccolata con l’Autore’, l’appuntamento culturale che come ogni anno proporrà una rassegna letteraria con scrittori italiani e stranieri, pronti a presentare le proprie opere tra curiosità e degustazioni di cioccolata calda.

Il programma di Eurochocolate 2015 prevede anche una sezione dedicata ai Paesi produttori di cacao; Eurochocolate World rappresenta un’occasione unica per scoprire la cultura e le tradizioni delle nazioni presenti, attraverso convegni, degustazioni e attività riservate ai più piccoli.

Al centro dell’evento il summit ‘In the Heart of chocolate’ appuntamento riservato al confronto fra i produttori mondiali di cacao il cui tema  sarà ‘Cacao e Cioccolato come leva di turismo motivazionale'.

 

"Masterchoc - Non faremo le torte a nessuno". È questo il titolo scelto per la 21° edizione dell'Eurochocolate di Perugia, che ha preso il via il 17 ottobre. La manifestazione è come sempre dedicata al mondo del cioccolato e della pasticceria e porta nel capoluogo perugino migliaia di visitatori ogni anno. Con la partecipazione dei più grandi nomi dell'industria dolciaria italiana, l'Eurochocolate rappresenta un appuntamento imperdibile per chi ama il "cibo degli dei", ma anche per chi non vuole rinunciare, tra una degustazione e l'altra, a visitare una delle città più belle dell'Umbria e d'Italia, con un centro storico medievale di grandissimo pregio.

Se pensate che sia troppo tardi, preparate una borsa e partite subito. Fino a domenica 26 ottobre ci sono tante iniziative in programma, molte delle quali saranno di preparazione a Expo 2015, che si terrà a Milano dal 1° maggio al 31 ottobre 2015 (se non sapete come comprare i biglietti, ecco la spiegazione nei dettagli). Questa sezione dell'Eurochocolate, detta appunto EXPO Chocolate, è tutta dedicata alla fusione tra il cioccolato e alcuni dei prodotti enogastronomici più importanti in Italia, come il Parmigiano Reggiano e il caffè.

 

 

Tra appuntamenti e visite guidate, il calendario è assolutamente ricchissimo: si va da una "caccia al tesoro" ispirata a Sherlock Holmes alle "degustazioni guidate", nelle quali cioccolato e monumenti vanno a braccetto. Grandi spazi dedicati anche a bambini e ragazzi, che potranno scoprire i segreti della lavorazione del cioccolato e partecipare a laboratori di pasticceria, mentre gli adulti avranno tanto tempo per approfondire anche gli aspetti culturali e finanziari del cioccolato, su come cioè questo prodotto possa (e per certi versi, già lo faccia) rappresentare un'occasione di svolta per l'economia italiana e mondiale in genere.

Sono previste agevolazioni particolari per tutti i turisti che, attraverso l'acquisto della Chococard, al costo di soli 5 euro, riceveranno omaggi, sconti e assaggi gratuiti. La card è acquistabile sia online, sul sito ufficiale della manifestazione, che negli stand in apertura dell'Eurochocolate. Allora, siete pronti a "sporcarvi i baffi" con una meravigliosa barretta di cioccolata tra le strade di Perugia? Avete tempo fino a domenica!

La città di Perugia è pronta ad accogliere l’Umbria Jazz Festival 2016, la 44esima edizione di uno degli eventi musicali più prestigiosi del panorama mondiale.

Dall’8 al 17 luglio le strade, le piazze e i teatri del capoluogo umbro saranno invasi dalle coinvolgenti note della musica jazz, e non solo.

Come ogni anno il programma dell’Umbria Jazz Festival si preannuncia ricco di appuntamenti imperdibili che, dal jazz puro a quello più pop, si preparano a deliziare i palati musicali di appassionati e turisti occasionali.

Tra gli artisti in scaletta spiccano i nomi di Mika, Diana Krall, Buddy Guy ed Ezio Bosso.




L’apertura della manifestazione è affidata a Massimo Ranieri, protagonista del primo concerto all’Arena Santa Giuliana, venerdì 8 luglio a partire dalle ore 21.00.
Il cantante/attore partenopeo porterà sul palco la sua ultima produzione ‘Malìa – Napoli 1950-1960’, una rilettura in chiave jazz delle canzoni napoletane.

Attesissima l’esibizione del 9 luglio all’Arena di Diana Krall, la cantante/pianista canadese che ha riscosso enorme successo con il suo ‘Wallflower’.

Prevedibile il sold out registrato per il concerto di Mika; l’amatissima e seguitissima pop star dalle origini anglo-libanesi si esibirà all’Arena domenica 10 luglio a partire dalle ore 21.30.

Tutto esaurito anche per la performance di Ezio Bosso.
Il pianista che ha incantato il pubblico del Festival di Sanremo con la sua musica e la sua incredibile lezione di vita si esibirà al Teatro Morlacchi domenica 10 luglio.

Lunedì 11 luglio toccherà a Buddy Guy, l’icona del blues che ha ottenuto il Grammy nel 2016 per la categoria ‘Best Blues Album’. Location dell’esibizione ancora una volta l’Arena Santa Giuliana.

Tra i nomi inseriti nel programma di Umbria Jazz 2016 anche Pat Metheney & Ron Carter (13 luglio), Branford Maralis Quartet con Kurt Elling e Melody Gardot (14 luglio), e George Clinton (15 luglio).

Sulla scia dell’antica tradizione, secondo la quale l’evento si svolgeva per strada, l’Umbria Jazz Festival propone, come consuetudine, un  ricco calendario di concerti gratuiti.
Tra gli artisti che si esibiranno all’aperto tra i Giardini Carducci e Piazza IV Novembre figurano i nomi di Fred Wesley, trombonista di James Brown e della band di Ike e Tina Turner, Ray Gelato, Pedrito Martinez e Allan Harris.

Anche quest’anno il Berklee Collegej of Music di Boston, la più famosa scuola di musica popolare  americana, consentirà a oltre 200 ragazzi di approfondire il linguaggio del jazz.
A testimoniare ulteriormente l’attenzione della kermesse musicale jazzistica verso i giovani, la quinta edizione del Conad Jazz Contest, un’importante vetrina per i nuovi talenti desiderosi di farsi conoscere dal grande pubblico.

A corredare il programma dell’Umbria Jazz Festival numerosi eventi culturali e tantissimi appuntamenti imperdibili con l’enogastronomia locale.

Tutte le info sul programma (orari, date, location, acquisto dei biglietti ecc.) sono consultabili sul sito dedicato all’evento www.umbriajazz.com.

 

I musei dedicati ai prodotti alimentari d’eccellenza ormai sono sparsi in varie zone dello Stivale. Un’occasione per proporre un mix tra buon cibo, scoperta e, perché no, conoscenza di tecniche, esperienza e tradizioni del buon produrre e del buon mangiare.

Il punto di forza delle tre situazioni (o meglio sarebbe dire, delle tre eccellenze enogastronomiche territoriali) che analizzeremo, infatti, è stata la scelta lungimirante di aver puntato sul rapporto vivo con il cibo, che vuol dire interattività, degustazione e incontro.

 

 

Casa del Cioccolato, Perugia

Il capoluogo della piccola Umbria è, da sempre legato alla storica fabbrica di produzione del cacao. Il museo storico Perugina si visita in un’ora circa, rigorosamente accompagnati da una guida turistica (anche in inglese), che introduce i visitatori all’eccezionale mondo del cioccolato: dalle origini del cacao al cioccolato, dalla sua lavorazione alla storia d’impresa, per scoprire poi i segreti dei prodotti più famosi come i mitici “Baci”. Con alcune curiosità: ad esempio sapevate che il cioccolato veniva chiamato dai Maya “Teobroma cacao”, che significa “cibo degli dei”?. Il percorso non può non terminare con un’eccellente degustazione del prodotto.

 

Musei del Cibo, Parma

La cittadina emiliana è luogo delle eccellenze, con un sestetto aureo formato da Parmigiano Reggiano, Pomodoro, Pasta, Vino, Salame e Prosciutto. In realtà non si tratta della visita ad un’unica struttura, ma di un vero e proprio percorso gastronomico, articolato sapientemente diremmo noi. E dunque, il Museo del Salame è situato nelle cantine del Castello di Felino, ambienti da sempre scelti per la conservazione e la stagionatura dei salumi, mentre quello del Parmigiano a Soragna, in un ex caseificio. Il punto di forza? Le attività didattiche, che coinvolgono grandi e piccoli. Parlano i numeri infatti, nel 2014 il circuito è stato visitato da ben 20 mila visitatori.

 

Museo del Gusto, Frossasco

Un piccolo borgo situato tra Pinerolo e Torino e questo museo che vuole fare il punto sulle eccellenze gastronomiche piemontesi. Ecco quindi che abbiamo vino e cioccolato. Reperti e immagini raccontano le lavorazioni tradizionali dei principali prodotti del territorio del pinerolese: l’uva e il vino, il latte e il formaggio, il grano e il pane. Il percorso si snoda su due piani, dove oltre ad illustrare la storia dei prodotti tipici della provincia di Torino (come gli antichi stampi con cui si colava il cacao), sono previsti dei particolari pannelli sensoriali per “mangiare” con i sensi. Il punto di forza? Una scuola di alta specializzazione in cucina e un ristorante didattico all’interno.