Con Expo Milano la Città di Torino ha stabilito un fitto scambio di collaborazione e di progettazione comune nell'ambito degli eventi per l’Esposizione Universale 2015. Anche nella splendida città sabauda, dunque, è previsto un fitto calendario di eventi che si inseriscono in questo progetto di collaborazione noto come ExTo-Expo2015. Tutti gli eventi e le manifestazioni in programma sono disponibili sul sito www.inpiemonteintorino.it.

 

 

All’interno di questa fruttuosa collaborazione, i vertici di Expo hanno proposto all’Amministrazione torinese di ospitare, a partire dal prossimo aprile e per tutto il periodo dell’Esposizione fino al 31 ottobre 2015, un’installazione artistica dell’architetto Michele de Lucchi, quale spazio temporaneo dove presentare le diverse iniziative della città collegate ai temi di Expo.

Torino verso Milano, dunque, ma anche un pizzico di Milano a Torino: alimentazione, innovazione, territori, sostenibilità ed educazione saranno i grandi protagonisti non solo di Expo ma anche all’interno di Agorà, un luogo aperto e polifunzionale riservato al confronto e alla riflessione sui temi più alti dell’Esposizione milanese. Dopo essere stata in funzione al Castello Sforzesco di Milano fino a marzo 2015, questa struttura è arrivata il 17 aprile 2015 a Torino in Piazza Castello e si caratterizza principalmente per la specialissima attenzione dedicata al mondo dei bambini e della didattica. Agorà si configura, dunque, come una struttura aperta, versatile, funzionale ed elegante per ospitare attività pratiche e di laboratorio, gratuite per le scuole primarie e secondarie di primo grado e tutte chiaramente incentrate sui temi che sono le colonne portanti di Expo, primo tra tutti il tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita.

Durante i weekend sarà coinvolto anche Childrenshare, il progetto di inclusione di Expo tutto dedicato ai più piccoli, con alcune attività pensate appositamente per loro e proposte alle famiglie.

Al di là dell’attenzione al mondo dei bambini, lo scopo di Agorà è anche quello di diventare un punto di riferimento per informazioni e suggerimenti sugli eventi torinesi e milanesi, in collaborazione con Turismo Torino. Proprio in questa scia si inserisce la volontà di organizzare incontri ed eventi che spingano alla riflessione sulle problematiche legate al territorio.

Tutto pronto per il Torino Jazz Festival 2016, appuntamento musicale imperdibile giunto alla sua quinta edizione.

Il capoluogo piemontese si appresta ad accogliere, all’ombra della Mole, un’edizione straordinaria, che in occasione del quinto compleanno sarà ancora più ricca di concerti ed eventi.

Il filo conduttore lungo il quale si svilupperà la manifestazione sarà ‘il jazz e le altre arti: teatro, danza, arti visive, cinema, fotografia e letteratura’, un tema che evidenzierà, attraverso performance artistiche di varia natura, il rapporto del genere musicale con altre espressioni d’arte.

Novità assoluta del 2016 la durata della kermesse, che per il primo anno si protrarrà per dieci giorni, dal 22 aprile al 1 maggio.

L’occasione è ghiotta per gli appassionati del genere e per i turisti che, durante i giorni dell’attesissimo Torino Jazz Festival, avranno la possibilità di scoprire le bellezze della città immersi in un’atmosfera allegra, divertente e vivace.




Oltre 530 i musicisti attesi per l’edizione 2016, che con i quattro giorni di appuntamenti in più mira a superare le 225.000 presenze registrate lo scorso anno.

Il programma del Torino Jazz Festival sarà inaugurato dal TJF Fringe, manifestazione nata come sezione notturna dell’evento ma che per questa edizione sconfinerà anche nel palinsesto diurno.
Si tratta di un Festival nel Festival che dal 22 aprile avrà il suo cuore pulsante in Piazza Vittorio Veneto, location che accoglierà tantissimi concerti ed esibizioni.
Ritorna anche il grande successo delle ‘Night Towers, le esibizioni sui palcoscenici allestiti in cima alle tre torri che delimitano la Piazza.

Sabato 30 aprile il Fringe concluderà la sua sezione 2016 al Quadrilatero Romano dove è previsto un calendario ricco di appuntamenti per festeggiare la Giornata Internazionale Unesco del Jazz.
Nell’ambito dei festeggiamenti sarà data l’opportunità di esibirsi a tantissimi giovani talenti del panorama jazzistico, sia italiano che internazionale.

Torino Jazz Festival


Il centro della rassegna è previsto in Piazza Castello che accoglierà gli eventi della kermesse principale.

Oltre alle location di Piazza Vittorio Veneto e Piazza Castello, palcoscenici delle performance musicali dei più grandi nomi del jazz, come di consueto, il Torino Jazz Festival invaderà l’intera città con concerti e spettacoli gratuiti a cui faranno da contorno numerosi eventi collaterali tra i quali incontri letterari, rassegne cinematografiche, mostre, sfilate e workshop.

Tra le altre location scelte per accogliere il programma del Festival del Jazz anche l’Auditorium Rai Arturo Toscanini, il Teatro Vittoria, il Teatro Piccolo Regio Giacomo Puccini, il Teatro Gobetti, il Cinema Massimo e la Fondazione Sandretto Re Rebaudegno.

Le date e tutti gli eventi in programma al Torino Jazz Festival e al TJF Fringe sono consultabili sul sito ufficiale della manifestazione musicale.

 

Torino - Sarà l'elegante cornice della Biblioteca Reale di Torino (inserita da tempo nella lista UNESCO dei patrimoni dell'Umanità insieme alle altre Residenze Sabaude della fu capitale d'Italia) ad ospitare, fino al prossimo 14 gennaio, la mostra di presepi "Anche qui è nato Gesù".

Si tratta di una interessante collezione di presepi provenienti da tutte le parti del mondo, e quindi con significative differenze stilistiche e di progettazione delle opere, che potranno essere ammirati in una cornice estremamente valida dal punto di vista storico-culturale.

 

 

Tra bracieri di incenso, pescherecci abbandonati e piccoli villaggi, la scena madre della Natività sarà allestita in luoghi, scenari e posizioni insolite e curiose, con l'effetto di creare scompiglio e interesse al contempo nel visitatore.

La mostra sarà visitabile come detto fino al 14 gennaio 2015, negli orari di funzionamento della biblioteca, ovvero dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16, mentre il mercoledì l'orario delle visite sarà prolungato fino alle 18.

Preparativi in corso per la Turin Marathon, la Maratona di Torino che si terrà domenica 16 novembre e che, secondo gli organizzatori, porterà almeno venticinquemila corridori a calcare il percorso di 42,195 km che si snoderà lungo le strade più belle del capoluogo piemontese. Affascinante, infatti, è il tracciato scelto, molto simile a quello del 2013: si parte dalla centralissima piazza San Carlo, si devia sul corso Moncalieri, proseguendo per Nichelino e giungendo, dopo diversi chilometri, a Stupinigi, dove si trova la Palazzina di Caccia dei Savoia. Dopo questa "deviazione in periferia", i partecipanti ritorneranno in città, concludendo le loro fatiche in piazza Castello.

La maratona classica sarà affiancata da altre due corse, di carattere non competitivo: la Stratorino, dalla lunghezza di 7 chilometri e dedicata ai corridori dilettanti e per passione, e la breve Junior Marathon, di un solo chilometro, riservata ai bambini e maratoneti in erba (e che sarà coincidente con il tracciato finale della maratona standard).

 

 

Grande lo sforzo degli organizzatori che, pur richiamando la necessità di maggiori sforzi economici per sostenere un programma di rilievo internazionale, confermano il successo in termini di iscrizioni, e lanciano il progetto "Centomila maratoneti in Italia", per far sì che ben centomila persone corrano, almeno una volta all'anno, uno dei percorsi che il Bel Paese offre, da Torino a Roma, da Milano a Livorno.

La festa dello sport, che quest'anno ricorderà il consigliere comunale Alberto Musy, morto a seguito delle ferite riportate in un agguato, sarà anche l'occasione per promuovere l'attività sportiva tra giovani e adulti, e per contribuire al progetto di "Specchio dei tempi", un'associazione che dota le scuole italiane di defibrillatore, e che farà campagna di crowdfunding attraverso la vendita di cinture realizzate riciclando i copertoni di vecchi pneumatici per biciclette non più funzionanti.

Si avvicina l’attesissimo appuntamento con il Salone del Libro di Torino, la manifestazione culturale che attira ogni anno nel capoluogo piemontese migliaia di appassionati di lettura provenienti da tutta Italia, e non solo.

Nata nel 1988 da un’idea di un imprenditore e di un libraio, entrambi torinesi, la manifestazione festeggia quest’anno la sua 29° edizione.

In programma dal 12 al 16 maggio, il consueto appuntamento con il Salone del Libro si rinnova  all’interno dei quattro padiglioni di Lingotto Fiere, il celebre stabilimento Fiat con la rampa elicoidale trasformato da Renzo Piano in un centro espositivo e congressuale.

Il filo conduttore protagonista del 2016 sarà il tema delle ‘Visioni’ inteso come proiezione al futuro del libro e della cultura; la tematica si focalizzerà soprattutto sull’identificazione degli argomenti di maggiore interesse con l’obiettivo di incentivarne lo sviluppo e la divulgazione.

Tra gli ospiti tantissimi nomi legati, non a caso, al mondo scientifico e accomunati da una propulsione verso l’innovazione.



Il programma del Salone del Libro di Torino si presenta ricco di appuntamenti imperdibili: quasi 1.500 presentazioni editoriali, convegni, dibattiti e spettacoli.
Tra gli ospiti e i protagonisti che interverranno all’evento tantissimi scrittori, relatori, giornalisti, artisti, blogger, Premi Nobel e volti noti dello spettacolo e della politica.

Tra le novità del 2016 un focus che non riguarderà più un singolo Paese ospite d’onore, come accadeva nelle passate edizioni, ma un’intera entità culturale.
Ad inaugurare il nuovo format la cultura e la letteratura araba, attualmente al centro degli interessi mondiali.

Tanto spazio anche per le start up del mondo editoriale alle quali sarà offerta l’importante vetrina di ‘Book to the Future’ attraverso la quale confrontarsi con il mercato.

Ai bambini, ai ragazzi e ai giovani visitatori fino ai 20 anni il Salone del Libro dedica Bookstock Village, un’area di 4.000 metri quadri allestita presso il padiglione N° 5.
Al centro dello spazio espositivo una grande arena accoglierà un ricco palinsesto culturale nell’ambito del quale laboratori gratuiti, librerie e tanti giochi.

Per quanto riguarda gli orari il Salone del Libro sarà aperto Giovedì, Domenica e Lunedì dalle 10.00 alle 22.00; Venerdì e Sabato dalle 10.00 alle 23.00.

I biglietti potranno essere acquistati online oppure presso uno dei rivenditori autorizzati al prezzo di 10 euro.
Per info sul programma dettagliato, gli orari e le riduzioni è disponibile il sito dedicato all’evento www.salonelibro.it.

Come ormai accade da diversi anni il Salone del Libro esce da Lingotto Fiere per proporre Salone Off, il fuori salone che invade l’intera città di Torino e le località limitrofe.

Circa cinquecento gli eventi previsti dal palinsesto che si svilupperà su strade e piazze, all’interno di scuole biblioteche, centri culturali, impianti sportivi, parchi e fabbriche dismesse.

Tra gli appuntamenti in programma al Fuori Salone incontri con gli autori, reading, giochi e spettacoli in cui i protagonisti assoluti sono ovviamente i libri e gli appassionati di lettura.

 

Ha riaperto il 1 aprile una delle maggiori istituzioni italiane in campo culturale: il Museo Egizio di Torino, che negli ultimi cinque anni ha portato avanti un massiccio lavoro di riallestimento, rifunzionalizzazione e ampliamento dei suoi ben 10.000 metri quadrati. Molti i miglioramenti e gli esperimenti che nascono da questo rinnovamento, esigenza che nasce anche in vista di Expo2015 e del progetto EXPO-EXTO2015. Tutti gli eventi e le manifestazioni in programma sono disponibili sul sito www.inpiemonteintorino.it.

 

 

Un raddoppiamento degli spazi espositivi, un nuovo percorso museale che offre ancora più occasioni per scoprire la civiltà egizia e un’area tematica di grande impatto nota come la Galleria dei Sarcofagi, molti dei quali completamente restaurati: queste sono solo alcune delle novità che non aspettano che di essere visitate.

Originale l’idea di far vivere ai visitatori del museo un’esperienza ‘antica’, ma nel modo più moderno che c’è: sono infatti disponibili delle ricostruzioni virtuali di alcuni siti archeologici, video 3D basati su documenti di scavo e fotografie d’epoca. In questo modo prenderanno vita la Tomba di Kha, la Tomba di Nefertari e la Cappella di Maia e per il pubblico sarà come vivere un viaggio indietro nel tempo in prima persona.

Al piano terra, degna conclusione di un tour eccezionale, trovano posto le statue monumentali allestite dallo scenografo Dante Ferretti.  Con la sua nuova veste il Museo Egizio è insomma prontissimo ad ospitare numerosi e interessanti eventi, a partire da due rappresentazioni teatrali a tema naturalmente egizio: Antonio e Cleopatra di Shakespeare e Akhenaton di Agatha Christie, entrambe realizzate in collaborazione con il Teatro Stabile di Torino e che si svolgeranno dal 25 giugno al 19 luglio 2015.

Da questa collaborazione nasce anche un altro progetto che vede protagonista il nuovo Museo Egizio: alcuni allievi della Scuola per Attori daranno infatti voce a faraoni e divinità per permettere al visitatore di vivere un’esperienza nella storia che coinvolge non solo la vista ma anche l’udito, e che per un momento faranno vivere una seconda vita a queste mitiche figure del passato.

Torino verso EXPO2015 è anche una Torino da vivere all’insegna dello sport. Nel 2015, infatti, la Capitale dello Sport è lei, con tutta una serie di eventi dedicati.

Lo sport è, del resto, una dimensione non nuova per la città sabauda, che già nel 2006 ospitò i XX Giochi Olimpici e quelli Invernali. Un’atmosfera sportiva e di sana competizione che si ripropone anche nel 2015, anno che vede Torino in movimento come non mai. Tantissimi gli appuntamenti che aspettano gli sportivi più appassionati e quelli che lo sport amano guardarlo: dalla tradizionale Turin Marathon, che quest’anno si tiene a ottobre, fino a grandi eventi di calcio come l’amichevole Italia-Inghilterra, a Torino c’è spazio per ogni disciplina. Non mancano grandi date che vedono protagonisti gli sport più nazionalpopolari come il nuoto, la pallavolo e il ciclismo, e nemmeno quelli che mettono in vetrina altre discipline come scherma, atletica leggera, ginnastica artistica, rugby, football americano e basket. Grande attesa anche per sport ‘importati’, come l’hockey e il badminton, e per le arti marziali, da considerare non solo come un’attività sportiva ma come un elemento portante della cultura orientale, in un’ottica di incontro con mondi diversi che ben si inserisce nel clima EXPO.

Per conoscere tutti gli altri eventi e manifestazioni in programma a Torino, basta consultare il sito www.inpiemonteintorino.it

 

 

Torino capitale dello sport è anche goliardia: largo, dunque, anche a forme di divertimento più popolari come il calciobalilla e le danze caraibiche.

Per rimanere in tema sportivo, una visita da non perdere a Torino è quella al Museo dello Sport, il primo ed unico in Italia, che dà la possibilità di fare un tuffo nel mondo dello sport, della sua storia e delle figure che ne sono state le grandi protagoniste. Al museo sono infatti esposte le storie di oltre 200 atleti di 20 diverse discipline per oltre 50 medaglie olimpiche, oltre 100 titoli mondiali, centinaia di titoli europei e migliaia di titoli italiani. Non potevano proprio mancare, infine, spazi dedicati alle squadre di calcio della città, a partire dallo Juventus Museum, che raccoglie 115 anni di storia e di trionfi bianconeri, per arrivare al Museo del Grande Torino a Grugliasco, che ripercorre le gesta di una squadra sconfitta solo dal destino.

In autunno si riscoprono piccoli piaceri del palato: castagne, vin brulè, cioccolato. C’è una città in Italia in cui tutto questo viene riassunto magicamente tra strade e mura eleganti. E questa città è Torino. Un luogo che mantiene tutto il passato fascino reale: strade ordinate, lunghe e lastricate. Quella nebbia che sembra tuffarsi nel Po ma che, in fondo non disturba troppo. Per una vacanza golosamente perfetta allora il Po dovete proprio percorrerlo.

 

 

Non stiamo parlando del fiume, ma della via porticata, forse una delle più lunghe della città, che si trova proprio dietro la Mole Antoneliana. Proprio qui, nelle passeggiate autunnali, non potete non entrare in una delle tante cioccolaterie e chiedere il tipico “bicerin”: non sapete cos’é? Un apoteosi di cioccolato, caffè, panna e altre essenze misteriose. Prima che l’acquolina in bocca prenda il sopravvento su di voi, vi consigliamo di non lasciarvi scappare quest’offerta:

  • volo andata e ritorno da Roma,
  • due notti in hotel (prima colazione inclusa), all’Arthotel Guala Residence, nella tranquilla zona residenziale di Mirafiori Sud e a soli pochi metri di distanza dal Lingotto, che ospita eventi e fiere durante tutto il periodo dell’anno.

Tutto questo a soli 115 euro! Partenza il 13 dicembre! 

Consulta l'offerta su logitravel.it!

Il Festival Dell'Oriente quest’anno sbarca a Torino in due imperdibili appuntamenti: dal 20 al 22 marzo e dal 27 al 29 Marzo 2015 presso il complesso fieristico di Lingotto Fiere.

Tantissime le attività in programma: mostre fotografiche, bazar e stand dove assaggiare i prodotti della gastronomia orientale. Nel corso dell'evento sarà dato anche ampio spazio a suggestive cerimonie tradizionali, spettacoli folkloristici, concerti, danze tipiche e arti marziali, a tutto ciò che fa parte, dunque, del patrimonio culturale millenario del mondo orientale.

 

 

All’interno della manifestazione è possibile anche sperimentare gratuitamente decine di terapie tradizionali: a queste ultime è dedicato un intero settore, tutto incentrato sulla salute e sul benessere. La medicina orientale ha alle spalle una lunghissima tradizione, e nel Festival le viene dato ampio spazio con padiglioni dedicati alle terapie olistiche le discipline bionaturali, allo yoga, alla medicina ayurvedica, alla meditazione e ai massaggi tradizionali orientali.

Tantissimi i Paesi protagonisti dell’evento: India, Cina, Giappone, Thailandia, Indonesia, Marocco, Filippine, Malesia ,Vietnam, Mongolia, Nepal, Birmania, Cambogia e molti altri ancora.

L'evento giusto per entrare in contatto con un mondo geograficamente lontanissimo, fatto di colori, musiche e profumi, ma che non è mai stato così vicino!

Non avete ancora prenotato le vacanze? Oppure siete solo alla ricerca di un'idea per un weekend fuori dal solito tran tran? Ad aiutarvi ci pensano le "Dieci Eccellenze d'Italia", ovvero le città che si distinguono in base a particolari tipologie di viaggio. I risultati sono stati elaborati da PaesiOnLine sulla base del PlacesRank, uno strumento tramite il quale i giudizi e i commenti degli utenti si amalgamano con alcuni elementi quantitativi.

Facciamo qualche esempio. Siete giovani e volete organizzare un fine settimana divertente. Dove andate? A Roma, ovviamente. La capitale, infatti, si è aggiudicata il "Bollino d'oro" come città con la movida più frizzate. Oppure, avete propria voglia di un paio di giorni di relax, alle terme per esempio. Dove andate? Ad Abano Terme, oppure a Livigno e a Bormio. Sono queste, infatti, le tre città meglio piazzate nella categoria delle "vacanze all'insegna del benessere".

 

 

Insomma, ce n'è davvero per tutti i gusti. Andando a spulciare nelle varie classifiche si scopre che Roma è la città che più volte finisce sul gradino più alto del podio (tre, nelle categorie "Movida più frizzate", "Città a misura di famiglia" e "Migliore meta per viaggi studio") mentre è Firenze quella con il medagliere più ricco, con ben sette piazzamenti su trenta disponibili. La città, in particolare, è quella più indicata per chi cerca una vacanza all'insegna della gastronomia e dei piaceri del palato.

Non ci sono solo grandi città tra le "Dieci Eccellenze d'Italia". Oltre ad Abano Terme, spiccano anche centri più piccoli ma specifici per alcune tipologie di viaggio. E così Vieste, in Puglia, arriva terza tra le mete per la famiglia e Assisi, in Umbria, si aggiudica il Bollino d'Oro come città più green della penisola. Nella tabella, infine, potete trovare le prime tre posizione per ciascuna delle categorie analizzate.

 

CATEGORIA Primo Posto Secondo Posto Terzo Posto
Romantica Venezia Roma Firenze
Fermento Culturale Torino Firenze Roma
Movida Roma Firenze Napoli
Mete per la famiglia Roma Firenze Vieste
Offerta enogastronomica Firenze Roma Napoli
Benessere Abano Terme Bormio Livigno
Viaggi Studio Roma Firenze Venezia
Economica Napoli Torino Palermo
Trendy Milano Firenze Torino
Green Assisi Arezzo Siena
Pagina 1 di 2