Vetrine, scaffali, reperti antichi, quadri da guardare e non toccare. Questo è, di solito, un museo. Di solito non vuol dire sempre perché in tutta Italia ci sono tanti musei in cui toccare non è vietato, anzi, è praticamente obbligatorio!

Niente più bambini che vengono trascinati a forza nelle sale museali. Basta con le scolaresche annoiate in cerca di qualcosa che non c'è. Qui le cose da fare non mancano, anzi sarete voi a dover trascinare via i bambini che non vorranno allontanarsi per niente al mondo.

E non importa dove abitate. Ci sono musei adatti ai più piccoli il tutta Italia e la maggior parte è facilmente raggiungibile. Toccare per credere

 

 

Museo Explora, Roma

Explora - Roma

In questo museo i bambini sono liberi di esplorare, di sperimentare e vestire i panni di diversi mestieri e mestieranti. Non mancano anche laboratori guidati di arti plastiche. La visita dura solo un’ora e quarantacinque minuti, un motivo in più per andare! (www.mdbr.it)

 

InfiniTo, Torino

InfiniTo - Torino

Quattro piani di museo per un viaggio nello spazio, con tanto di nebulose, pianeti del sistema solare e astronauti. Da non perdere le proiezioni della volta celeste e tanti eventi e appuntamenti da non perdere. Siamo sicuri che divertirà anche voi! (www.planetarioditorino.it)

 

Muse, Trento

Muse - Trento

Un museo di cultura locale, ma non solo. Questo museo racconta infatti la storia millenaria delle Dolomiti, concentrandosi sulla flora e sulla fauna che popolano queste montagne. Non stupitevi se dopo questa visita i vostri bambini da grandi vorranno fare le guardie forestali! (www.muse.it)

 

La città della Scienza, Napoli

Città della Scienza - Napoli

Quando la scienza ... diverte. Un posto che, nonostante l’incendio di qualche anno fa, non ha perso la voglia di fare, di sperimentare e di proseguire nel suo percorso didattico. Provare per credere. E per sostenere visto che il museo si sta risollevando pian piano. (www.cittadellascienza.it)

 

Hangar Bicocca, Milano

Hangar Bicocca - Milano

Un vecchio hangar progettato da una nota industria italiana e rivalutato per ospitare attività favolose e divertenti, per bambini e non. Con un occhio di riguardo all’arte, ovviamente, tanto che il museo è organizzato in modo di affinare il gusto estetico dei più piccoli. Tatto e vista la fanno da padroni!. E poi, ci si porta a casa sempre un piccolo ricordo dei lavori d'arte. (www.hangarbicocca.org)

 

Immaginario Scientifico, Trieste

Immaginario Scientifico - Trieste

Il museo più a est d’Italia, almeno per quanto ci riguarda. Uno staff in gamba e molto coinvolgente guida i più piccoli in un viaggio tra i principi della fisica e le scoperte scientifiche. Dalla turbina alle esplosioni, fino al planetario. Un tuffo nella scienza di circa un’ora. (www.immaginarioscientifico.it)

I castelli in Italia Meridionale, nati come strutture difensive, rappresentano ad oggi posti dallo scenario suggestivo per tutti coloro che vogliono coniugare un itinerario naturale e storico, senza spostarsi troppo e all'insegna della riscoperta della Grande Bellezza del nostro Paese.

Oggi, noi di Vita da Turista vi portiamo dunque a conoscere tre castelli medievali dell’Italia Meridionale, con la loro storia, i misteri che vi si nascondono, gli inaspettati paesaggi che offrono e tutte le ricchezze che solo gli spazi attigui sanno offrire. Pronti a partire?

 

 

Castello di Melfi (Basilicata)

Siamo  in Basilicata, terra dal paesaggio agreste e luogo di particolare importanza per i Normanni che vollero costruire questo castello come struttura di collegamento fra la Campania e la Basilicata. Visita consigliata per tutti coloro che amano il contatto con la natura – dal castello, infatti, si può ammirare un paesaggio spettacolare - e vogliono visitare una fortezza dalla struttura difensiva di tutto rispetto. Tale struttura ha rappresentato nei secoli un luogo di primaria importanza, dove vennero svolti anche quattro concili papali, valorizzato da Federico II di Svevia e da Carlo I D’Angiò che ne fecero loro residenza. Successivamente divenne un possedimento della famiglia Doria, e solo nel 1954 fu ceduto allo Stato Italiano. Oggi è sede del museo archeologico Melfese.

 

Castello di Venosa (Basilicata)

In provincia di Potenza, nella città che diede i natali al poeta latino Orazio Flacco, ha sede un castello che porta con sè storie di intrigi e misteri. Il castello, infatti, nasce come fortificazione al posto dell’antica cattedrale per volere del duca Pirro del Balzo, diventato signore di Venosa dopo il matrimonio contratto con Maria Donata Orsini, pur non essendo molto amato dai Venosini stessi. Ma, a quanto pare, tale precauzione non portò gli effetti da lui sperati; si narra, infatti, che fu strangolato all’interno dello stesso castello. Inoltre, secondo leggende popolari, si tramanda che ogni anno nella notte del 24 ottobre, durante la Festa di San Felice, nel fossato si terrebbe la processione di anime purganti o di martiri cristiani.

 

Castel Del Monte (Puglia)

Il nostro itinerario alla scoperta dei castelli dell’Italia Meridionale termina a quasi venti chilometri da Andria, su una collina che ospita una bellissima struttura ottagonale voluta da Federico II di Svevia, utilizzato come possibile osservatorio astronomico o come maniero da caccia, di sicuro elemento che stravolge per forma e utilizzo dei materiali scelti l’ottica dei castelli medievali della zona. La forma ha sempre attirato l’attenzione di simbologi e appassionati di esoterismo che indicano nella forma geometrica caratteristica l’unione fra il quadrato, simbolo della terra, ed il cerchio come rappresentazione dell’infinità del cielo, oppure come richiamo alla forma della corona dell’imperatore stesso. Fu rifugio di famigli nobili della zona durante la peste del 1656, ricovero per pastori e briganti. Dal 1996 è divenuto patrimonio dell’Unesco.

Viaggiare con tutta la famiglia al seguito è un'esperienza che tutti, da piccoli come spettatori e da grandi come attori principali, hanno fatto almeno una volta nella vita. Il rituale della vacanza familiare, però, spesso cela problemi e difficoltà organizzative, soprattutto nelle famiglie numerose, dove è più difficile sia l'organizzazione logistica che il riuscire a mettere d'accordo tutti i componenti e i loro gusti personali.

Sia che amiate la classica vacanza estiva al mare, e sia che preferiate dedicarvi a una rilassante settimana in famiglia tra i sentieri di montagna, noi di Vita da Turista vogliamo proporvi alcune idee, spunti di viaggio per meglio dire, che potranno aiutarvi a decidere la meta della vacanza in famiglia, senza dover fare ricorso a tour operator o a ore di lettura partecipata dei depliant turistici.

 

 

Crociera nel Mediterraneo

Il settore crocieristico, nonostante la congiuntura economica degli ultimi anni, non conosce crisi. Sempre più grandi e sempre più ricche di attrazioni, le navi da crociera sono diventate delle vere e proprie città galleggianti, dove passare una settimana, o anche due, all'insegna del relax e del divertimento. Costa Crociere ed MSC Crociere, le due principali compagnie che operano sul territorio nazionale, propongono una serie di pacchetti a costi molto convenienti, soprattutto se la prenotazione avviene con largo anticipo (ricordate la regola generale, prima prenotate e meno spendete). Sulla nave, poi, troverete qualsiasi cosa vogliate: centri benessere, teatri, discoteche, ristoranti per ogni gusto, piscine, pareti per arrampicate, e soprattutto, parlando di famiglie, zone attrezzate per i bambini, servizi di baby-sitting e tutto quanto necessario per far divertire adulti e bambini senza problemi e in massima sicurezza.

 

Roma e dintorni

Escludendo chi, per ragioni geografiche, ha sviluppato una certa abitudine alla Capitale, la vacanza a Roma è forse il must della famiglia italiana, che vede nell'Urbe una "lifetime destination", una meta da assaporare e scoprire almeno una volta nella vita. In fondo, Roma è la città ideale per una vacanza di famiglia per una lunga serie di ragioni. In primis, e non potrebbe essere altrimenti, per l'enorme offerta culturale, che farà di voi bravi genitori e servirà alla vostra prole per accrescere le conoscenze scolastiche in genere. In secondo luogo per la natura, con le numerose possibilità che offre la provincia: dalle passeggiate in mezzo alla natura dei Castelli Romani fino al mare di Ostia e del Circeo, a nemmeno un'ora di distanza potrete trovare dei mondi che sembrano assolutamente lontani da Roma, ma che la completano. Infine, il divertimento: da Rainbow Magicland ai cinema, teatri e spettacoli, la Capitale d'Italia non potrà certo deludervi, e anzi vi accompagnerà dal primo mattino fino a sera inoltrata.

 

Sharm el-Sheikh

Meta "estera" per eccellenza quando si parla di mare low-cost, Sharm el-Sheikh è un'ottima soluzione per tutta la famiglia, grazie all'ampia gamma di villaggi turistici attrezzati dove non solo troverete un'accoglienza fantastica, coadiuvata da personale italiano e dunque adatto anche ai nostri usi e capricci, ma potrete davvero rilassarvi ammirando delle acque straordinarie, limpide e cristalline, che vi faranno dimenticare il mare di casa e venire voglia di tornare qui ogni anno. Inoltre, Sharm el-Sheikh si trova in una posizione piuttosto favorevole per le escursioni nel deserto e presso le Piramidi, e dunque perché non regalare a tutta la famiglia l'opportunità, in un colpo solo, di una vacanza al mare ma con un pizzico di cultura dentro che male non fa mai? Tutto questo è Sharm, a circa tre ore e mezza di aereo di distanza dall'Italia, per la gioia dei genitori, che si rilasseranno a bordo piscina, e dei figli (magari già adolescenti) che la sera potranno scatenarsi nei club e con l'animazione, ma a debita distanza da mamma e papà.

 

Dolomiti

Dal mare passiamo, in un solo balzo, alla montagna. Certo, direte voi, è un salto bello lungo, e inoltre non tutti sono entusiasti all'idea di dover riprendere giubbe pesanti e stivali tra luglio e agosto, ma una vacanza sulle Dolomiti (non importa che si tratti di Lombardia, Trentino o Veneto, ognuna di queste regioni offre straordinari paesaggi e ottime strutture ricettive) è assolutamente da provare. Non solo, infatti, potrete godere di un clima e un'area che la città non vi offrirà mai (e sapete tutti quanto sia importante la salute dei figli, o no?), ma ammirerete paesaggi da sogno, al mattino con le nubi che nascondono le vette e alla sera con i tramonti rosa sui fianchi delle Alpi, e soprattutto abbinerete delle sane escursioni, faticose sì ma sicuramente benefiche, a una gastronomia di eccellenza, fatta di formaggi e salumi a chilometro zero nelle tante malge disseminate qua e là, e agli imperdibili liquori, soprattutto le grappe, quest'ultimi però solo per i genitori. A bambini e ragazzi una cioccolata calda, altrettanto gustosa e piacevole.