Questo sito usa i cookies. Li usiamo per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione.

Se continui a usare il nostro sito, allora sei d'accordo a riceverne i cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

Che cosa è un cookie?

Sono stringhe di testo di piccole dimensione inviate da un sito web, solitamente, ad un browser. Il cookie quindi memorizza delle informazioni che il sito è in grado di leggere nel caso di una seconda visita. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perchè in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni volta che di accede ad un sito visitato in precedenza.

Tipologie di cookie

In generale, i cookie possono essere di suddivisi in:

  • Tecnici o di Profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati
  • Di prime parti o di terze parti, a seconda di chi li installa
  • Di sessione o persistenti, a seconda della durata

I cookie tecnici si possono raggruppare in 3 tipologie:

  • Cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web.
  • Cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito o anonimizzati da terze parti.
    I cookie analytics vengono utilizzati per ottenere statistiche anonime e aggregate, utili per ottimizzare i Siti e i servizi offerti. Si tratta in ogni caso di informazioni che non consentono di identificare personalmente gli utenti.
  • Cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati.

Quali cookie vengono utilizzati da questo sito:

Questo sito utilizza cookie tecnici

  • sessione: che vengono eliminati ogni volta che il browser viene chiuso;
  • persistenti: ovvero una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata.

Nessun dato importante viene scambiato tramite cookie. Essi consentono l'automazione di alcune operazioni risparmiandoti procedure complesse e sono talvolta essenziali per il corretto funzionamento del Sito. che hanno come scopo quello di offrire un migliore servizio.

Vengono inoltre utilizzati Cookie analytics di terze parti quali "Google Analytics"

Relativamente a quest'ultima tipologia di cookie, per ulteriori informazioni, si rinvia al link seguente: http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html

È possibile inoltre installare sul proprio browser un componente aggiuntivo per effttuare opt-out fornito da Google https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

I cookie di terze parti sono cookie impostati da un sito web diverso da quello che si sta attualmente visitando. Alcuni inserzionisti pubblicitari utilizzano questi tipi di cookie per tenere traccia delle visite dell'utilizzatore su tutti i siti sui quali offrono i propri servizi. Se un utente ritiene che questa tracciabilità possa essere fonte di preoccupazione per la propria privacy, può disattivare i cookie di terze parti mediante le preferenze del proprio browser.

Disabilitare i cookie

I cookie possono essere disabilitati e cancellati attraverso le impostazioni del browser.
È da sottolineare che disabilitando i cookie si potrebbe influire sul corretto funzionamento del sito.
Per avere informazioni su come gestire i Cookie del browser segui i link proposti di seguito:

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) è possibile visistare il sito www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitando dei cookie di navigazione o quelli funzionali si possono verificare malfunzionamenti e/o limitare l'esperienza di fruizione del sito stesso.


 Leggi la privacy-policy

La nostra vita in dogana

Bianchina, calma e tranquilla prima del parcheggio in dogana

Dove siamo rimasti? Sì, è venerdì 21 giugno e su consiglio di Ale, ci muoviamo subito per raggiungere la dogana. Arriviamo appena dopo pranzo, andiamo subito dall'ufficiale doganiere e gli facciamo la nostra fatidica domanda. Riusciremo a entrare in Russia? Dopo quello che abbiamo letto, abbiamo qualche dubbio. Ci guarda insospettito e ci chiede i passaporti. Più che pronti gli mostriamo tutti i documenti e lui ci fa notare quello che già sappiamo: Bianchina deve essere parcheggiata in dogana entro la mezzanotte del 22 e possiamo entrare in territorio russo solo dopo la mezzanotte del 24. Ancora però non ha risposto alla nostra domanda. Possiamo entrare in Russia? Fa una chiamata, il nostro cuore smette di battere per un minuto, finché l'ufficiale chiude la comunicazione e dice che non c'è nessun problema. Sorridiamo, pericolo scampato!

Abbiamo ricevuto la conferma che entreremo in Russia (anche se non ci crederemo finché non avremo superato il confine). Dobbiamo solo trovare qualcosa da fare per questi due giorni, venerdì e sabato, prima di rientrare in dogana e parcheggiare Bianchina fino alla mezzanotte di lunedì 24. Che si fa? È lo stesso ufficiale a consigliarci un paesino balneare che si trova a 25 chilometri di distanza. L'unica è accettare, non è che abbiamo molte alternative. Arriviamo e non vediamo granché. Sulla spiaggia però ci sono dei lettini. Ne prendiamo due per tutta la giornata (costo 1 euro a testa, anzi 1 manat, la moneta azera) e ci addormentiamo un paio d'ore sotto il sole. Alle 5 dobbiamo trovare un posto per dormire. In tasca abbiamo solo 35 manat ed è alto rischio che non ci bastino neanche per dormire. Stavolta, però, la fortuna ci aiuta. L'Elay, un ostello a 20 metri da dove abbiamo parcheggiato, offre a 10 euro a persona e noi per 12 riusciamo a includere anche la cena. Veramente un ottimo deal, stanza carinissima con balconcino affacciato sul mare. Anche la cena è ottima. Di internet neanche a parlarne. L'unico diversivo è fare un giro sulla spiaggia piena di mucche e un filmetto prima di andare a dormire.

Sveglia a mezzogiorno. È sabato 22 giugno, il nostro ultimo giorno "di libertà". Solita routine e via di nuovo in spiaggia. Mentre ci avviciniamo al cancello d'uscita la “mama” dell’ostello ci chiede se abbiamo fame. Ovvio che sì! E ci ospita per pranzo! Facciamo gli onori di casa spazzolando tutto, ripulendo letteralmente i piatti, mentre loro tra una risata e un sorriso cominciano a chiederci qualunque cosa. Sono troppo curiosi di sapere come siamo arrivati a Nabran, e in effetti dubitiamo che un italiano prima di noi sia mai passato da queste parti. Diventiamo amici, sorprendendoci dei miglioramenti che il nostro russo sta facendo. Dopo qualche altra ora in spiaggia trascorsa con Victor, il responsabile di un gruppo di ragazzi a riposo dopo una settimana di lavoro, torniamo da Bianchina. Sono le 6 di sabato pomeriggio. Dobbiamo andare alla dogana. Entro mezzanotte la nostra auto deve essere ferma. Abbiamo notato che la fila non è mai molto lunga ma è lenta. Meglio avviarsi per tempo. Mentre sistemiamo gli zaini la “mama” ci chiede se abbiamo fame. Impossibile rifiutare l’invito, primo perché potrebbe essere il nostro ultimo pasto e poi perché è tutto così buono. Stavolta ci superiamo e ci portano anche il bis. Per fortuna abbiamo incontrato queste persone così ospitali e simpatiche, che hanno rallegrato le nostre giornate e riempito per bene i nostri stomaci. Non ci ricorderemo di questo posto per il paesaggio, ma per la gente che abbiamo incontrato. Sono stati davvero fantastici!

Siamo in fila per la dogana. È ancora sabato pomeriggio. Spendiamo i nostri ultimi 11 manat per 8 wurstel, 2 bottiglie d’acqua, un tronchetto di cioccolata e un pacco di patatine alla paprica. Ora si pone un altro problema. Una volta parcheggiata la macchina, non potremo dormirci dentro e senza soldi saremo costretti a restare fuori dalla dogana per più di 24 ore, un tempo interminabile in queste condizioni. Speriamo che qualcuno ci aiuti!

La nostra speranza è ben riposta. I doganieri, incuriositi dalla nostra situazione e forse catturati dalla buona volontà di esprimerci nella loro lingua, decidono di farci rimanere dentro la dogana. Almeno potremo dormire a bordo di Bianchina! Tutti i militari sono incuriositi dalla nostra presenza, sono tutti venuti a conoscerci, un po' invidiosi per il viaggio che stiamo affrontando e un po' partecipi del fatto che dovremo trascorrere lì dentro le prossime due notti, fino a lunedì mattina. Ci aiutano in ogni modo, ci portano addirittura una una bella pagnotta per farci due panini con i wurstel che abbiamo comprato. Meglio non parlare del dormire: sembra un incontro di wrestling, niente da fare, entrambi in macchina non c'entriamo. Noi troppo lunghi e la nostra Bianchina troppo corta. Alla fine ci addormentiamo per disperazione ma solo per risvegliarci con mal di collo, mal di ginocchia e mal di testa. Solo il tronchetto al cioccolato ha reso più dolce il risveglio, almeno fin quando è arrivato il momento della domanda che entrambi ci aspettiamo: "E adesso che facciamo?". È domenica mattina. Siamo bloccati fino a domani e dobbiamo trascorrere l'intera giornata in un piazzale tra due dogane, quella Azera e quella Russa. L'unico svago è giocare a carte, super mega sfide di tutti i giochi possibili e immaginabili. Spesso i doganieri si avvicinano e ci guardano incuriositi. Vogliono che gli insegniamo i giochi. Con tutta la buona volontà, ma è una missione impossibile. Riuscite a immaginare cosa significhi insegnare il gioco del tressette in russo a una persona che non ha mai visto un mazzo di carte italiane in vita sua!?!

Le ore passavano lente, la sera sembra non arrivare mai, non abbiamo più niente da mangiare e abbiamo deciso di ripartire con la luce. La regione del Daghestan, quella che dobbiamo attraversare per arrivare alla prima città non è delle più sicure e in molti ci hanno sconsigliato di  viaggiare di notte. Tra i consigli ricevuti, casomai doveste passare da queste parti in auto, c'è anche quello di non fermarsi a chiedere informazioni a nessuno e di non dare assolutamente i documenti originali alla polizia. Per riaverli indietro, anche senza aver fatto niente, il prezzo da pagare è spesso elevato. Ma torniamo alla nostra "casa", la dogana. Il sole non è ancora tramontato e noi non sappiamo più cosa inventarci. Di giocare a carte non ne possiamo più, non possiamo gironzolare troppo, siamo pur sempre in una dogana, il solo pensiero di rimanere in macchina è un incubo, visto che dovremo passarci un'altra nottata. Che fare? Ci siamo ricordati dei giochi che facevamo da bambini; prima ci mettiamo a racimolare tappetti di plastica, lanciandoli con due dita da una distanza di 7/8 metri per far centro in una specie di tinozza, e poi inziamo a giocare a "izza bastone", impossibile da spiegare a chi non lo conosce. Tutto è servito ad arrivare alle 9 di sera. Ora di cena, per chi ha da mangiare, per noi è ora di prepararsi per la notte, una notte di calci e pugni senza nessun vincitore. Niente ci infastidisce ormai, qualunque cosa succeda sarà bella da raccontare. D'altra parte non capita a tutti di trascorrere due giorni in dogana e bisogna essere pronti ad affrontare ogni situazione. Noi ce l'abbiamo fatta. Mancano poche ore, poi sarà notte e di nuovo giorno. L'ingresso in Russia si avvicina. Quando entreremo, se entreremo, siamo pronti a un grande festeggiamento!

[widgetkit id=36]

Le idee di viaggio di Vita da Turista

Il campeggio gourmet, oltre gli snack e i fornelli da campo

Il campeggio gourmet, oltre gli snack e i fornelli da campo

La vacanza ideale è anche sinonimo di buona tavola, e i gestori dei campeggi e dei villaggi sparsi in tutta Italia lo sanno molto bene. In un Paese come l'Italia, tradizionalmente votato alla buona cucina, anche il...

Vacanze: contro la noia e il caldo opprimente, i migliori campeggi con parco acquatico

Vacanze: contro la noia e il caldo opprimente, i migliori campeggi con parco acquatico

Si trascorre tutto l'inverno in ansiosa attesa dell’estate e poi, quando finalmente l'estate arriva ed entra nel vivo, cominciano le prime lamentele sul caldo opprimente e sulle poche opportunità per il divertimento. Esiste, tuttavia, un antidoto a...

Vacanze estive last minute: soggiorni studio all’estero al posto delle tradizionali vacanze

Vacanze estive last minute: soggiorni studio all’estero al posto delle tradizionali vacanze

L’estate è arrivata e ci si può finalmente prendere un lungo periodo di stacco dallo studio e dal lavoro. Tuttavia viaggiare in questo periodo dell’anno diventa più costoso e trovare una sistemazione con un ottimo...

Scopri la Germania sulle orme d’un viaggiatore d’altri tempi

Scopri la Germania sulle orme d’un viaggiatore d’altri tempi

Nel 500° anniversario della Riforma protestante, seguendo alcune tappe della vita di Lutero, si può andare alla scoperta di città meno note della Germania, ma di sicuro interesse storico e artistico.Partiamo da Wittenberg, situata circa...

Vacanze benessere in campeggio: il piacere del relax

Vacanze benessere in campeggio: il piacere del relax

Il campeggio è un modo di fare vacanza da sempre inteso come un'esperienza sicuramente divertente, che permette di vivere il proprio perfetto soggiorno a contatto con la natura ma che, in qualche modo, non è...

Levico Terme, un’oasi d’acqua in Trentino

Levico Terme, un’oasi d’acqua in Trentino

L’arrivo della bella stagione risveglia ogni anno il desiderio di partire alla volta di nuove destinazioni, sognando di staccare la spina dalla frenesia della città e di rifugiarsi in luoghi incontaminati, dove la natura regna...

Destinazioni

Segui il tuo cuore in Valle del Chiese

Segui il tuo cuore in Valle del Chiese

A piedi o in bici lungo la Valle del Chiese, seguendo il corso del fiume che va a formare il Lago d’Idro. Un itinerario all’insegna del turismo sostenibile che coniuga la visita a monumenti ricchi d’a...

Un weekend a Riccione: il piacere del relax

Un weekend a Riccione: il piacere del relax

La Perla Verde dell’AdriaticoGrazie al fascino delle sue spiagge di sabbia finissima, bagnate dalle acque del Mar Adriatico e alla sua rinomata movida notturna, Riccione richiama ogni estate migliaia ...

Tirolo, alla scoperta di uno straordinario angolo d’Austria

Tirolo, alla scoperta di uno straordinario angolo d’Austria

Nel cuore delle Alpi e a due passi dal confine italiano si apre un mondo magico: è il Tirolo austriaco (https://ad3.adfarm1.adition.com/redi?sid=2782436 kid=1959902 bid=6691525), con le sue cime mozza...

Wroclaw, la città degli gnomi (e non solo)

Wroclaw, la città degli gnomi (e non solo)

Di anno in anno diventa una meta turistica sempre più amata, e frequentata da turisti provenienti da ogni parte del mondo: la Polonia deve il suo successo ad un patrimonio di bellezze ricco e diversif...

Goa, un sogno da vivere

Goa, un sogno da vivere

Spiagge che coprono circa 125 km di costa, e che sono una più bella dell’altra: chi ama il mare non può non amare anche Goa, lo Stato indiano da anni rinomato per le sue coste assolutamente da sogno. ...

Setenil de las Bodegas, il borgo bianco più claustrofobico d'Europa

Setenil de las Bodegas, il borgo bianco più claustrofobico d'Europa

Se avete già sentito parlare della Routa dei Pueblos Blancos in Andalusia, sicuramente avete sentito parlare - o magari avete visto con i vostri stessi occhi - luoghi come Frigiliana e Arcos de la Fro...