Alla scoperta dei laghi più belli d'Italia

Avete mai pensato a quanti laghi ci sono in Italia? Dai più grandi ai più piccoli, ecco quelli che secondo noi sono i più belli!



Con la bella stagione non c’è niente di meglio che prender una coperta e sdraiarsi al sole, magari sulle sponde di un lago. E in Italia, di certo il materiale adatto non manca, grazie a una conformazione territoriale unica.

Oggi Vita da Turista vi porta a visitare, scoprire e... farvi venire voglia di, quattro laghi in Italia, dal nord al sud, il cui denominatore comune è la bellezza paesaggistica, declinata attraverso natura, borghi e curiosità tutte da scoprire. Allora, pronti a un tuffo... nel lago?

 

 

Lago di Resia, Trentino Alto Adige

Una vera chicca, un campanile sommerso dall’acqua. È quello che è successo in Alto Adige, in Val Venosta, con l’apertura di una diga nel 1950. Si è detto di un campanile dell’antico borghetto di Curon del XIV secolo, la cui parte superiore, a seconda del livello d’acqua, è tutt’ora visibile e anzi, una leggenda narra che si odono ancora le campane suonare in fondo al lago.

D’inverno sul lago ghiacciato si pratica sci di fondo e slitta a vela, mentre in primavera ed estate (grazie ai forti venti), il lago è diventato luogo di ritrovo per appassionati di kitesurf.

 

Lago del Parco Naturale del Mont Avic, Valle D’Aosta

Questa riserva è punteggiata da laghi e piccoli specchi d’acqua dal fascino senza fine. In un sentiero che corre tra boschi e verde (ma non di difficile percorrenza), si arriva al lago Bianco e al lago Nero.

Il percorso poi continua sul Lago Cornuto (2172 m), per raggiungere con un ultimo tratto ripido il Gran Lago (2492 m), uno dei bacini ad alta quota più alti d’Italia. La camminata si svolge complessivamente in un’intera giornata e, tra un sentiero e l’altro, fermatevi a ristorarvi nei vari rifugi, tra cui il Barbustel.

 

Lago di Alviano, Umbria

Si trova in provincia di Terni ed è un’oasi protetta del WWF. Novecento ettari di oasi tra paludi, acquitrini e stagni. Il parco è aperto dal 1 settembre al 31 maggio, domenica e festivi.

Un’occasione per visitare anche i dintorni: Orvieto a 20 chilometri, Todi a poco più di trenta. Mentre nel Lazio (ma non troppo distante), Civita di Bagnoregio, un borgo conosciutissimo, e Calcata, il paese degli artisti.

 

Lago di Cotugno, Basilicata

Anche questo, come il lago di Resia, si è originato dopo l’apertura di una diga negli anni Settanta e si trova all’interno del Parco Nazionale del Pollino, una delle riserve più belle del Sud Italia.

Il bacino, è anche chiamato Diga del Senise, ed è molto frequentato dagli appassionati di pesca, grazie alle acque pescose, ma in generale dagli amanti della natura, che qui potranno trovare relax e tranquillità. Da non perdere la possibilità di visitare le vicine Potenza e Matera, la Città dei Sassi.