Specchiarsi nella spiaggia di vetro di Glass Beach



Quando l'uomo non aiuta la natura, la natura reagisce e resta capace di sbalordire l'uomo. Ne è una testimonianza perfetta il capolavoro di Glass Beach (Spiaggia di vetro) a Fort Bragg, in California. Si tratta di una spiaggia di oltre 15 acri, con la piccola particolarità che al posto della sabbia c'è un'immensa distesa di piccoli sassolini completamente in vetro. 

Questa meraviglia naturale si trova nella Contea di Mendocino, lungo l'Oceano Pacifico. Normale chiedersi come tutto ciò sia potuto accadere. Semplice, si fa per dire. Fino al 1949 la zona ospitava infatti una discarica pubblica, col conseguente e graduale ammasso di vetro che si è andato a sommare al resto dei rifiuti. Dal 1967 in poi, quando la discarica è stata chiusa, oltre all'attività di pulizia dell'uomo voluta dal North Coast Water Quality Board si è aggiunta la forza del mare che in modo del tutto naturale ha iniziato a levigare il vetro

 

 

Il risultato è un enorme 'letto' di piccole palline colorate del tutto simili ai sassolini che troviamo nelle spiagge normali. Una ragione in più per visitare la California, da sempre 'sogno' dei turisti di tutto il mondo grazie alla bellezza delle sue spiagge (ambite soprattutto dai surfisti) e il fascino delle grandi città, da Los Angeles a San Diego passando per San Francisco e la capitale Sacramento. Grazie a questa suggestiva evoluzione, Glass Beach è ormai diventata punto di riferimento per numerosi turisti della zona ed è entrata a far parte della riserva naturale del MacKerricher California State Park.

Proprio per tutelare il patrimonio naturale della zona, è vietato raccogliere o collezionare il vetro presente sulla spiaggia. Qualche piccola 'pallina', trasportata dall'acqua, può comunque finire nelle spiagge vicine diventando subito preda dei visitatori. Per gli appassionati di queste particolari meraviglie della natura, spiagge dello stesso tipo si trovano anche a Benicia, sempre in California, e nel sempre bellissimo mare delle Hawaii, precisamente ad Hanapepe.

COPYRIGHT: WunderPhotos®