Guide turistiche 2.0: il travel coaching



Nell’era della vita disordinata e veloce, degli account su Facebook e Twitter che ci assorbono le giornate e del “caspita, questa connessione è troppo lenta!”, anche la dinamica del viaggio e della progettazione del viaggio cambia.

In questo tran tran a trovare spazio sono i travel coach; vi chiederete voi, cosa diamine è un coach? E’ una persona che ha una certa professionalità riconosciuta in un ambito e cerca di orientare. Avete mai sentito parlare di “emotional coach”, di “fashion coach" e di "life coach"?

 

 

 

Oggi è giunto il momento di scoprire cos’è un travel coach. La vostra idea di guida di viaggio sono le guide turistiche con le bandierine e personalità variamente comprese tra gli 8 e gli 88 anni con un berretto? E’ arrivato il momento di cambiare prospettiva: il travel coachi è una figura che accompagna passo dopo passo la persona che vuole viaggiare. Sì, ma come? Pianificando, assistendo nel viaggio e organizzando le sensazioni del ritorno in una professione che trova sempre più spazio nel mondo borderless di oggigiorno.

Un tour operator disponibile 24 ore su 24 grazie alla tecnologia moderna: non dovrete recarvi in un’agenzia viaggi, per avere consigli pratici su mete, pacchetti e dritte per risparmiare: vi basterà collegarvi su Skype dal vostro computer/tablet/smartphone, a qualsiasi ora del giorno. L’obiettivo non è “avere il ben servito” (oppure, se è quello che volete non avrete che da chiedere!) ma insegnare un metodo, ad esempio come superare i momenti di empasse durante un viaggio: avete mai provato la sensazione di trovarvi in un posto sconosciuto, con la batteria del telefono scarica e l’assoluta certezza di non saper argomentare una frase di senso compiuto nel luogo in cui vi trovate? A questo serve un travel coach!

Cosa ne pensate? Siete tra le persone che vorrebbero avere un travel coach sempre disponibile anche per una gita fuori porta di qualche ora, o preferireste iniziare voi a lavorare in questo settore, forti di esperienza, carattere e convinzione?