Gli hotel più lussuriosi del mondo



Ci sono hotel che in realtà sono scrigni del peccato, insomma, mete lussuriose. Un po’ come trovarvi nel set di Eyes Wide Shout per capirci. Qui il pernottamento diventa un’esperienza estrosa e a tratti irriverente, adatta per chi voglia togliersi qualche sfizio "osè".

Un esempio? Andate a Parigi, e cercate di prenotare una stanza all’hotel ViceVersa: una struttura a sette piani dove ognuno è dedicato a uno dei sette vizi capitali. Li avete dimenticati? Bene, ripassiamoli insieme: superbia, avarizia, lussuria, invidia, gola, ira, accidia.

Qui non troverete, a mo’ di personificazione, le belve (il leone, la lonza e la lupa), incontrate da Dante nella Divina Commedia. Il top l’hotel lo raggiunge in una cura del dettaglio quasi maniacale, affidato al genio della stilista Chantal Thomass. Ecco quindi che all’interno di queste stanze, ci sono enormi letti a forma di lecca lecca (la gola?), personificazioni di personaggi storici stravaganti. Tutto condotto nella massima cura e attenzione al design. Vi lasciamo solo immaginare cosa potrete trovare nel piano dedicato alla lussuria: qui peccare sarà la cosa più banale che vi possa capitare di fare.

Cambiamo decisamente zona e spostiamoci in medio Oriente, a Gerusalemme. L’Hotel King David è una struttura a dir poco eccezionale: una struttura in pietra calcarea affacciata sulla città vecchia, dove forse il peccato non c'è, anzi, ci troviamo in una "Città Santa", ma la bellezza la fa da padrona.

Arriviamo in Italia, ad Amalfi. Anche qui il lusso capitale è la superbia, la voglia dell’uomo di sfidare la natura: un ascensore scavato nella roccia consente agli ospiti dell’hotel Santa Caterina di accedere direttamente in spiaggia, privata, s’intende. Qui il vizio superbo vi farà fare un bagno nella piscina d’acqua salata a picco sul mare, per finire la vostra giornata nella suite Giulietta e Romeo, con il suo terrazzo a picco sul mare che ricorda la tragedia dei due amanti veronesi.