Capodanno 2015, i consigli per un viaggio low cost



Capodanno, croce e delizia di milioni di persone. Grande cenone con parenti, amici, consanguinei e discendenti, o la fuga verso lidi pressochè sconosciuti e male inquadrati? Ogni anno, mentre le vetrine dismettono i prodotti di Halloween e mettono in mostra quelli di Natale, mentre gli americani banchettano col tacchino durante il Thanksgiving, una domanda inizia ad aleggiare tra i freddi venti di novembre: dove andare a Capodanno?

Se anche voi vi siete già posti questa domanda, o stavate incosciamente per maturarla nelle vostre teste, noi di Vita da Turista proveremo a darvi una mano, offrendovi dei consigli adatti per passare un Capodanno all'insegna del divertimento, dei luoghi turistici più belli e, cosa peraltro molto importante in questo periodo, con un occhio al portafoglio. Chi dice che per stare bene bisogna spendere una fortuna? Noi no!

 

 

Montagna, per brindare sotto la neve - I cinepanettoni, almeno quelli meno recenti, ci hanno insegnato che non c'è cliché più riciclato di un Capodanno in uno chalet sulle Dolomiti, tra champagne e caminetto acceso, in compagnia dell'amant... pardon, della moglie! Pellicole a parte, la montagna è una scelta che sicuramente riguarda moltissime persone, attratte dalla magia delle vette innevate, della bellezza di sci e snowboard, ma anche di lunghe passeggiate in centro, dove sorseggiare una cioccolata calda tra una boutique e l'altra, e scatenarsi in discoteca alla sera. Tutto questo è possibile, evitando le mete tradizionali scelte dallo star system, e dirigendosi verso posti meno "VIP", ma sicuramente altrettanto validi. Brunico, "capitale" della Val Pusteria, è una scelta molto valida per chi ama l'ambiente e la serenità di questi luoghi, così come Marilleva è la meta più ambita dagli sportivi irriducibili. Un buon compromesso tra movimento e relax lo offrono Ortisei e Bardonecchia, rispettivamente in Trentino e Piemonte, nelle quali turismo giovane e intrattenimento possono trovare un valido connubio. Tutte queste località offrono alloggi a prezzi accessibili, gastronomie di altissima qualità, e sono facilmente raggiungibili in automobile o in treno.

 

Capodanno in montagna

 

Città d'arte, a caccia di bellezza - Avete mai trascorso la notte di San Silvestro brindando all'anno nuovo in compagnia di decine di migliaia di sconosciuti, sotto l'ombra austera del Duomo di Milano o nella cornice di Piazza del Popolo? Se la risposta è no, forse è la volta buona di farci un pensierino! Roma e Milano, le due più grandi metropoli italiane, offrono sicuramente l'opportunità di passare una nottata, o anche qualche giorno, sentendosi dei turisti privilegiati. Scoprire le bellezze di queste città, ma anche delle colleghe più piccole, come ad esempio Napoli e Firenze, assume ancora più rilevanza in questo magico e vacanziero periodo dell'anno. Tra musei e giardini, il Capodanno è low-cost: tanti infatti i B&B e gli ostelli che offrono camere a prezzi vantaggiosi, magari anche nei paesi limitrofi, mangiando in qualche trattoria o "fraschetta" (queste sì, tipiche della Capitale) e approfittando delle iniziative in piazza per celebrare l'arrivo del 2015 gratuitamente.

 

Capodanno a Roma

 

All'estero con il portafoglio leggero - Dimenticate Londra, con la sua magica Trafalgar Square, e lasciate in soffitta il basco, perché non andremo a Parigi sui trionfanti Champs-Élysées. Le nuove mete "giovani", adatte tanto per l'estate quanto per festeggiare il Capodanno, sono altre. Partiamo dall'elegante e accogliente Bratislava, che negli ultimi anni ha conosciuto un importante incremento turistico. Capitale della Slovacchia, posta a soli 50 km da Vienna, è facilmente raggiungibile in aereo con le principali compagnie low-cost, ma anche in treno, per chi preferisce un viaggio romantico e "slow". Una meta classica, ma in chiave invernale, è Barcellona: passeggiando per la Rambla, ammirando l'architettura gaudista della Sagrada Familia, la capitale catalana è perfetta per chi vuole una destinazione artistica, giovanile, allegra e anche marittima, magari per un coraggioso bagno di mezzanotte; qui i prezzi sono contenuti, vi si arriva con voli frequenti e poco costosi, e le possibilità di mangiare e dormire sono offerte a tariffe vantaggiose. Chiudiamo la nostra carrellata con Praga, una città dal gusto tipicamente europeo, meta prediletta degli studenti liceali, che mescola sapientemente arte e spasso, monumenti e pub, musei e discoteche, il tutto a costi contenuti (in questo caso, tenete bene a mente il cambio: un euro corrisponde a circa 27 corone ceche) e con grande soddisfazione generale.

 

Capodanno low cost a Barcellona