Data: mer 28 gennaio 2015

Pier Steppenwolf

Una bambina coi capelli di grano ride felice; qualcuno corre; una coppia, ammirato il cielo vuoto, cammina con una malcelata voglia di far l'amore lì, tra il verde dell'erba, tra le file di turisti e le facce nordiche placide e felici; un soffio ghiaccia le ciglia, graffia le vesti. Eppure il sole brucia spavaldo, caldo tanto quanto è gelido il vento. Non sei in posa, dici che l'attimo si coglie; ti vedo, mostrare il biancore dei denti, gli occhi, ormai due fessure, felici e strizzati. Io, sono solo apparente; Tu, sfumata con il vento e gli schizzi d'acqua delle fontane; scorriamo tra le chiese, i parchi, le zuppe calde, i gatti e i mercatini delle pulci. Io, non sono; tu, non sei; forse non siamo mai stati, eppure, in un vicolo stretto che dava sulla Grande Place, ci siamo trovati. Bruxelles, 2014