Operazione Vacanze: cosa cerchiamo quando andiamo all'estero



Gastronomia, mare e vita notturna. Anche quando ci allontaniamo dall'Italia non cambiamo di molto le nostre abitudini. Sono queste infatti le cose che cerchiamo di più noi italiani quando andiamo in vacanza all'estero, secondo una ricerca realizzata dall'Istituto Nazionale di Statistica in collaborazione con il portale Ticketbis. Secondo l'Istat nel 2013 ci sono stati 13 milioni di viaggi all'estero. Lo stesso istituto ha provveduto anche a dare una definizione chiara e completa di quello che gli italiani all'estero cercano dalla loro vacanza, che sia per semplice turismo, per affari o per motivi religiosi-culturali.

Grazie alla collaborazione con il portale Ticketbis è stato appurato un dato che sembrava peraltro piuttosto "scontato": la destinazione preferita dagli abitanti del Bel Paese è la vicina Spagna, scelta da oltre il 36% degli intervistati, che ne apprezzano la gastronomia, il mare e la scoppiettante vita notturna, così come una certa somiglianza con i costumi e la lingua della propria nazione. Seguono, ma con ampio distacco, il Regno Unito, la Germania, il Brasile e, non c'è da stupirsi, la Francia, preferita da poco meno del 9% dei viaggiatori.

 

 

Negli ultimi anni, però, Istat e Ticketbis hanno studiato il cambiamento delle ragioni e delle richieste che si celano dietro la prenotazione di un biglietto aereo o di un albergo, e la messa in pratica di un viaggio all'estero. È emerso che molte persone si sono spostate in occasione dei cosiddetti eventi catalizzatori: soprattutto le partite delle squadre italiane impegnate in Champions League, ma anche il Sei Nazioni di rugby e il torneo parigino di tennis del Roland Garros che può essere "sfruttato" per visitare la capitale francese, che resta una delle mete predilette dal turismo internazionale.

Con un costo medio di 335 euro per viaggio (cioè le spese fisse per spostamenti e pernottamenti, non includendo tutte le spese accessorie), entrano nella classifica anche i viaggi per "turismo musicale", quelli cioè fatti per un concerto, magari per sopperire alla mancata presenza in Italia del proprio cantante o gruppo preferito. Beyoncé, Rolling Stones e Lady Gaga sono gli artisti internazionali per i quali si sono mosse più persone.

Da quanto emerge dai dati dell'Istat, il trend è ben definito: le vacanze d'arte e relax hanno lasciato il passo alle "vacanze di scopo", e anche a una maggiore consapevolezza del viaggiatore che, prima di chiudere la valigia e avviarsi verso l'aeroporto, studia tutte le eventualità, compara e cerca l'occasione migliore, con un beneficio importante sia per il cliente sia per i siti e le aziende che offrono strumenti di questo tipo.