La Domus Aurea riapre ai visitatori



La Domus Aurea riapre al pubblico. Ed è un'ottima notizia per il turismo. La Domus Aurea è uno dei monumenti più importanti della Capitale, il complesso abitativo che Nerone fece costruire nei pressi del Colosseo (che però ancora non esisteva) dopo il devastante incendio che distrusse Roma nel 66 dopo Cristo. Dalla storia travaglaita, questo edificio interamente sotterraneo è stato aperto e chiuso molte volte, a causa di cedimenti strutturali ed esigenze conservative. A partire dal primo novembre, però, la Domus Aurea torna visitabile, sebbene con alcune restrizioni.

Si tratterà di visite guidate, dalla durata prestabilita di 75 minuti, e con alcune restrizioni sul percorso. La Domus Aurea è ancora nel pieno di ampi lavori di restauro, la cui durata è prevista in quattro anni, e dal costo molto ampio, circa 31 milioni di euro. Per questo motivo il Mibac (Ministero per i Beni e le Attività Culturali) ha pensato di co-finanziare questi lavori con i biglietti delle visite guidate, che avranno un costo fisso di 10 euro, e che si inseriranno in una sorta di crowdfunding pubblico per sostenere i necessari restauri.

 

 

Ogni sabato, dalle 9.15 alle 15.45, potranno accedere al complesso monumentale 25 persone per volta, che verranno accompagnate dalle guide turistiche ufficiali, e che, per questioni di sicurezza, dovranno indossare i classici caschetti di protezione da cantiere. Con questa iniziativa, dalla durata per ora indefinita, i turisti avranno modo di tornare a scoprire la Domus Aurea, e i restauratori potranno continuare senza interruzioni i lavori durante i giorni feriali. 

Per ulteriori informazioni, e per prenotare la vostra visita (la lista d'attesa sarà sicuramente lunga, ma ne vale davvero la pena!) potete consultare il sito ufficiale della Sovrintendenza di Roma.