Torino "in corsa", domenica la Maratona



Preparativi in corso per la Turin Marathon, la Maratona di Torino che si terrà domenica 16 novembre e che, secondo gli organizzatori, porterà almeno venticinquemila corridori a calcare il percorso di 42,195 km che si snoderà lungo le strade più belle del capoluogo piemontese. Affascinante, infatti, è il tracciato scelto, molto simile a quello del 2013: si parte dalla centralissima piazza San Carlo, si devia sul corso Moncalieri, proseguendo per Nichelino e giungendo, dopo diversi chilometri, a Stupinigi, dove si trova la Palazzina di Caccia dei Savoia. Dopo questa "deviazione in periferia", i partecipanti ritorneranno in città, concludendo le loro fatiche in piazza Castello.

La maratona classica sarà affiancata da altre due corse, di carattere non competitivo: la Stratorino, dalla lunghezza di 7 chilometri e dedicata ai corridori dilettanti e per passione, e la breve Junior Marathon, di un solo chilometro, riservata ai bambini e maratoneti in erba (e che sarà coincidente con il tracciato finale della maratona standard).

 

 

Grande lo sforzo degli organizzatori che, pur richiamando la necessità di maggiori sforzi economici per sostenere un programma di rilievo internazionale, confermano il successo in termini di iscrizioni, e lanciano il progetto "Centomila maratoneti in Italia", per far sì che ben centomila persone corrano, almeno una volta all'anno, uno dei percorsi che il Bel Paese offre, da Torino a Roma, da Milano a Livorno.

La festa dello sport, che quest'anno ricorderà il consigliere comunale Alberto Musy, morto a seguito delle ferite riportate in un agguato, sarà anche l'occasione per promuovere l'attività sportiva tra giovani e adulti, e per contribuire al progetto di "Specchio dei tempi", un'associazione che dota le scuole italiane di defibrillatore, e che farà campagna di crowdfunding attraverso la vendita di cinture realizzate riciclando i copertoni di vecchi pneumatici per biciclette non più funzionanti.