Piccadilly Circus, cambia la storica pubblicità luminosa



Quanti di voi, visitando Londra, non si sono fermati almeno per un momento a guardare le enormi pubblicità luminose che "decorano" uno dei palazzi di Piccadilly Circus, crocevia del traffico londinese e meta turistica al pari di Times Square a New York? 

Se il vostro viaggio è avvenuto negli ultimi 24 anni, infatti, avrete notato che uno dei sei mega-riquadri (posti sulla facciata dell'edificio all'incrocio tra Shaftesbury Avenue e Glasshouse Street) era occupato dalla pubblicità di TDK, un gruppo giapponese di tecnologia e supporti per registrazione (CD, DVD e così via). Piuttosto che di pubblicità dovremmo parlare del solo logo dell'azienda, un esagono schiacciato verso l'alto con all'interno una stella stilizzata. Ora, però, qualcosa sta per cambiare.

 

 

L'azienda nipponica, a fine anno, non rinnoverà il contratto con la Land Securities, il gruppo che possiede l'edificio e i cui ricavi pubblicitari derivati dalla facciata di Piccadilly Circus, 50 milioni di euro l'anno, costituiscono una goccia dei ricavi annuali, stimati in circa 12 miliardi (9,6 miliardi di sterline). Lo slot da 21 metri per 5, che all'epoca costò circa 5 milioni di euro, è già stato messo all'asta e sicuramente le offerte fioccheranno da tutto il mondo.

In questa zona ogni anno transitano circa 100 milioni di persone, oltre il 70% a piedi e i restanti in automobile o mezzi pubblici, e molti di questi sono clienti potenziali dei brand, come ad esempio Coca Cola, che nel 2015 festeggerà i suoi 60 anni ininterrotti di pubblicità a Piccadilly, il marchio più longevo che ha visto passare sotto, e di fianco a sé, altri grandi brand, tra i quali l'italiana Cinzano.

Cinquanta brand hanno finora occupato le "finestre d'oro" di Londra. Il cinquantunesimo sarà molto probabilmente in bella mostra già dal 1° gennaio, pronto a illuminare la piazza, al cui centro si trova una pregevole fontana con statua di Eros in posa plastica, e a segnare per sempre tante fotografie di uno dei luoghi iconici della capitale britannica.