Venezia dice no ai turisti in trolley



"Caro turista, sei il benvenuto a Venezia, ma il tuo trolley no". Potrebbe suonare come una campagna pubblicitaria di qualche tipo, ma è in sostanza il succo dell'ordinanza emessa dal comune di Venezia per impedire, dal 1° maggio 2015, l'utilizzo delle classiche valigie a rotelle sul suolo cittadino, per un motivo molto semplice: danneggiano il basolato delle strade e dei ponti monumentali e, soprattutto, fanno un rumore infernale.

La decisione è stata voluta da Vittorio Zappalorto, il commissario straordinario che ha sostituito Giorgio Orsoni, il sindaco arrestato per lo scandalo delle tangenti MOSE, dopo aver sentito ampiamente i tecnici del comune che hanno puntato il dito contro l'eccessivo danneggiamento che le piccole ruote in plastica dei trolley producono sulle strade per sfregamento, ma anche i disagi che questi oggetti causano, specialmente durante la percorrenza sulle passerelle nelle giornate di alta marea, e che dunque darebbero un immagine "sciatta" della città, contraria al buon senso e all'eleganza che invece Venezia mostra da sempre.


 

 

In particolare, però, i trolley potranno essere riammessi se saranno dotati di gomme ad aria, similmente ai pneumatici di automobili e biciclette. Su questo punto si è alzata una polemica da parte della Polizia municipale, che ha paventato la possibilità di enormi ritardi nelle operazioni di imbarco e sbarco dai traghetti, per la necessità di dover controllare se i singoli turisti sono dotati di trolley regolamentari o meno, e in quest'ultimo caso impedirne la "messa a terra" e anche, se tali regole non venissero rispettati, emettere la sanzione amministrativa comminata, che potrebbe raggiungere anche i 500 euro, secondo l'ordinanza di cui sopra.

Salvo ripensamenti o aggiustamenti dell'ordinanza, insomma, dal prossimo maggio i turisti che decideranno di recarsi a Venezia non dovranno più fare attenzione solo al contenuto della valigia, ma anche alla valigia stessa, pena dover rimpiangere la loro scelta di trascorrere qualche giorno nella magnifica città lagunare.