A spasso sulla Galleria Vittorio Emanuele

test sottotitolo



Immaginate di camminare a decine di metri d'altezza, con il cielo che diviene il vostro unico tetto, mentre da ogni lato monumenti antichi e moderni la fanno da padrone, dandovi l'occasione unica di scoprire una prospettiva insolita su una delle città più in voga per questo 2015.

No, non è un sogno, ma quanto sarà possibile fare a Milano a partire dal prossimo aprile, quando apriranno i camminamenti che sovrastano la struttura della Galleria Vittorio Emanuele II, sostanzialmente la "terrazza" di questo spazio iconico, o per meglio dire i camminamenti che, nel progetto originale di Giuseppe Mengoni (il lavoro durò ben 13 anni, dal 1865 al 1877), dovevano essere utilizzati solo dagli operai manutentori.

Fra qualche mese, infatti, i camminamenti si trasformeranno in un percorso, lungo 250 metri, che sarà percorribile dai visitatori, i quali, grazie ad audioguide e pannelli informativi, potranno godere di una nuova terrazza su Milano, dopo quella assolutamente irrinunciabile del Duomo e dei panorami dai grattacieli di Porta Nuova.

 

 

Il progetto, dal costo di circa dieci milioni di euro, è stato voluto dalle proprietà del Seven Stars e della Town House Duomo, i due hotel di lusso che occupano parte dello spazio commerciale della Galleria Vittorio Emanuele II (quest'ultimo, peraltro, che verrà inaugurato il 12 febbraio prossimo), ed è stato autorizzato dal Comune di Milano che, in vista dell'Expo 2015, ben sostiene qualsiasi progetto volto ad abbellire ancor più il capoluogo lombardo, in previsione degli oltre 20 milioni di visitatori previsti.

Non può peraltro passare sotto piano la vicinanza della Galleria, e del suo nuovo percorso, al Duomo, che sarà così ammirabile da una prospettiva unica, così come al Teatro alla Scala, sulla cui piazza affaccia una delle due aperture della Galleria Vittorio Emanuele. Proprio l'Arco monumentale del lato Scala sarà restaurato nell'ambito dei lavori, dando così nuova luce a uno dei passaggi e dei monumenti più visitati della città.