Dormire in automobile (di lusso)



AirBnb ormai ci ha abituati proprio a tutto. Case sugli alberi, come moderni baroni Rampanti, castelli sperduti chissà dove e ricoveri all’interno degli igloo, insomma, dormire in maniera assolutamente unica e non convenzionale.

Alla base di tutto questo la nota idea di turismo esperienziale, che ormai conosciamo molto bene. Che sia tre metri sopra al cielo, o tre gradi sotto zero, l’importante è condividere esperienze. Ma, avete mai pensato di dormire all’interno di un’automobile, e farlo nel miglior lusso possibile? Un’idea bizzarra, non c’è dubbio.

 

 

Allora, partiamo dal principio. Il proprietario di questo modello viene da Phoenix, in Arizona. L’automobile in questione è una Tesla, un gioiello ingegneristico della modica cifra di 104 mila euro. A trasformarla in hotel è stata l’idea del suo bislacco proprietario. Come? Innanzitutto la base: un materassino al suo interno. Poi i bisogni primari: il bagno (disponibile nella cucina attigua al garage dove è sistemata l’automobile), e una piccola tv alimentata a batteria (che essendo la macchina elettrica gli ospiti non rischieranno di essere inquinati al monossido di carbonio). Ah, dimenticavano: sono disponibili anche due candele per creare la giusta atmosfera.

A quanto tutto questo? 350 euro a notte. Unici due vincoli: non fumare (ma questo, si sa, è una normativa che se mai si allinea ai parametri internazionali) e lasciare l’”albergo” alle 8 del mattino, quando il suo proprietario prenderà l’automobile per andare a lavoro.

Due domande sorgono spontanee. La prima: qual è il collegamento tra una persona che spende migliaia di dollari per un’automobile extra lusso e poi sente il bisogno di affittare la stessa per andare a lavoro? La seconda: spendereste mai 350 euro per dormire all’interno di un bagagliaio? Quanto è più comodo un ostello dai letti a castello, anche a prezzi più contenuti, o un qualsiasi albergo o B&B che sia? Se, comunque, volete provare l'esperienza, eccovi il link al profilo Airbnb dell'albergatore "sui generis" di Phoenix.