Destinations by Italians in the WorldNorvegia

#italiansintheworld, Destinazione Norvegia – Giorno 3, Andenes e la bellezza delle Vesterålen

Gabriele Norvegia giorno 3Terzo giorno del viaggio di Gabriele in Norvegia: emozioni uniche e incontri con la cultura Sami

Sono arrivato ad Andenes, la cittadina più a Nord dell’arcipelago Vesterålen e incontro subito Daniele Zanoni, il nostro secondo #Italiansintheworld, che vive nel paesino da oltre dieci anni.

Sono arrivato ad Andenes, la cittadina più a Nord dell’arcipelago Vesterålen e incontro subito Daniele Zanoni, il nostro secondo #Italiansintheworld, che vive nel paesino da oltre dieci anni.

Daniele lavora e gestisce Whale Safari, l’agenzia che offre le escursioni in barca più famosi del Nord della Scandinavia per l’avvistamento dei cetacei. Daniele è un gran chiacchierone e dalle sue parole traspare tutto l’amore che prova per il Nord e per questo Paese. Credo che sia la persona giusta nel posto giusto in quanto è anche un biologo e ne approfitto per fargli tutte le domande che mi vengono in mente sulle balene, sulla vita in mare e sulle specie animali dell’artico in generale.

Non sto nella pelle, ma per fare il safari marino dovrò aspettare domani perché Daniele mi vuole portare in giro per la “sua” isola per spiegarmi tutto ciò che riesce nel tempo che abbiamo a disposizione e mi vuole anche spiegare per bene la filosofia e tutto ciò che c’è dietro l’avvistamento delle balene. Tra una chiacchiera e l’altra, la nostra prima tappa è la casa di una signora Sami.

I Sami sono un’etnia di circa 75.000 persone che popola il Nord della Scandinavia e sono sparsi tra Russia, Svezia, Finlandia e Norvegia, dove questa etnia è più numerosa. I Sami hanno una forte identità, una cultura e una lingua loro, molto diversa dal norvegese. Anche se sono residenti norvegesi, in realtà lo stato da loro molti diritti affinché la loro cultura e le loro tradizioni si possano preservare e di questo la signora Sami sembra essere molto orgogliosa.

Ancora oggi molti Sami, si dedicano all’allevamento semi-nomade e infatti la famiglia che ci ospita possiede circa 800 renne, anche se queste non vivono recintate nella proprietà dei Sami, ma sono libere nelle montagne e questo vuol dire che spesso le famiglie devono lasciare la casa per recuperare e controllare gli animali in libertà. Daniele conosce bene la famiglia che ci ospita con gran piacere e tra una chiacchiera e una tazza di tè passa la mattinata.

Renne in Norvegia
Renne in Norvegia: una vista consueta, ma sempre una grande emozione!

Dopo aver passato la mattinata nella tenda fissa della Signora Maya in compagnia anche di qualche renna che ogni tanto la va a trovare, ci spostiamo nella Fattoria Nordtun Gard, dove la proprietaria ci offre una selezione dei formaggi che prepara lì sul posto. Non so se sia più squisita la signora o quello che prepara, ma lei è di una simpatia e disponibilità uniche e la sua cheesecake è fenomenale. Tutto viene dalla sua fattoria a Km meno che 0 in quanto tutto è frutto delle sue terre. Ma la cosa più assurda è questa: la signora alleva i lama. Sì, proprio gli stessi animali che vivono in Sud America, ma che qui si trovano altrettanto bene in quanto la distanza dall’equatore è simile a quella del loro habitat naturale.

Nordtun Gard, Norvegia
Il pranzo nella fattoria Nordtun Gard: un assaggio di bontà del Nord!

E dopo aver conosciuto meglio questa signora così tranquilla e pacata, che ama il suo lavoro nella fattoria e questa terra in modo incredibilmente genuino, è già buio e non resta che rimetterci in marcia per tornare ad Andenes.

Domani sarà un grande giorno perché con Daniele finalmente faremo un bel giro in barca alla ricerca delle balene. Stay tuned.

Commenta