La Germania che non ti aspetti

Tubinga, un arcobaleno di colori e antiche tradizioni

Tra tutte le città del Baden-Württemberg, Tubinga è una di quelle che maggiormente desta l’attenzione del visitatore, e per molteplici motivi. Il suo splendido borgo, con le case policrome che affacciano sul Neckar e sull’Ammer, le tradizioni della Svevia, e soprattutto la frizzante vita universitaria fanno di Tubinga una meta degna di essere visitata alla pari della grande Stoccarda, capitale del Land.

Città dalla storia millenaria, Tubinga vide la fondazione nel 1477 dell’Università pubblica, che fa parte del novero delle più antiche università tedesche. Polo universitario e di ricerca di eccellenza a livello europeo e mondiale, soprattutto sulla medicina e le scienze naturali, l’Università Eberhard Karl – questo il suo nome ufficiale – ospita quasi 30.000 studenti, che contribuiscono ad elevare enormemente il livello della popolazione; è infatti stimato che circa un terzo degli abitanti di Tubinga (25.000 persone) sia costituito da universitari che provengono da ogni parte della Germania e d’Europa.

Non è dunque un caso che la vita cittadina sia piuttosto ricca di attrattive e molto, molto dinamica, con ristoranti, pub e discoteche che accolgono un pubblico tendenzialmente giovane e non solo. Per quanto riguarda la Tubinga “diurna”, non c’è certamente da annoiarsi.

 

{loadposition adsenstestuale}

 

Visitando la città, non si può che partire dalla centralissima Marktplatz (o Piazza del Mercato), sulla quale affacciano splendidi edifici di gusto classico-nordeuropeo, costruiti prevalentemente nel XVI e XVII secolo, e caratterizzati dall’abbondante uso del legno e delle cromie, che restituiscono un “effetto palcoscenico” a tutta la piazza, al cui centro peraltro troviamo una antica fontana con colonna centrale in ferro.

Altrettanto interessante è il Municipio, o Rathaus, situato proprio su uno dei lati della Marktplatz e adornato all’esterno da numerosi affreschi e dipinti murari di grande pregio, che permettono di capire meglio il gusto artistico germanico nell’epoca rinascimentale.

Per chi ama la storia e le collezioni artistiche, una tappa indimenticabile sarà sicuramente rappresentata dal Castello di Hohentübingen, costruito a fine XI secolo e successivamente ampliato a cavallo tra il Cinquecento e il Seicento; all’interno del Castello trova spazio parte della collezione del Landesmuseum Württemberg di Stoccarda, fondata nel 1862 e contenente decine di migliaia di pezzi che coprono un arco temporale vastissimo, dalla preistoria fino all’epoca barocca.

Imperdibile è la visita alla Stiftskirche, la grande chiesa luterana della città (nonostante conservi alcuni elementi tipici della precedente destinazione cattolica), costruita in stile tardogotico da Peter von Koblenz e con l’aggiunta delle vetrate artistiche di Peter Hemmel, risalente alla fine del Quattrocento.

Per i più romantici, infine, da non perdere una “mini-crociera” sul Neckar a bordo delle stocherkahn, le tradizionali imbarcazioni in legno al cui centro è posto un alto palo, a volte utilizzato per le vele, ma prevalentemente conservato per ragioni estetiche e di “riconoscimento” di queste piccole barche rispetto alle altre.

Per ulteriori informazioni e per conoscere davvero tutto su Tubinga, consultate il sito ufficiale.

Commenta