Pillole di Viaggio – Bangkok

Irriverente, eccessiva, infernale, un vero pugno nello stomaco. Bangkok è davvero così.

Il traffico è caotico, l’aria è irrespirabile, centinaia di motorini sgusciano veloci e imprevedibili, la delicata cucina Thai in strada diventa tutta insieme un puzzo intollerabile.

Poi ti fermi a guardarla.

Bangkok non è di quelle città che capisci fin da subito. Ci prendiamo qualche ora di riposo e guardiamo a questa misteriosa città dal 31° piano della nostra camera. Ci sono lo Skytrain, i grattacieli avveniristici, il fiume, i piccoli mercati.

Prese le distanze, ti sale la voglia di buttartici a capofitto.

Siamo pronti per conoscerla, e iniziamo navigandone le acque.

 

 

{loadposition adsensetestuale}

 

 

L’isola di Rattanakosin è il centro storico e culturale di Bangkok, la sede dell’antica città reale. Il Grand Palace è magnificente, coi bellissimi edifici a falde dorate, le torri lucenti, le enormi figure mitologiche coperte di lacche, ceramiche, foglie d’oro e madreperla. I templi custodiscono il grande Buddha reclinato o il Buddha di Smeraldo, potente e illuminato.

Un altro piccolo passaggio sul fiume e arriviamo al deposito delle barche reali: sono lunghissime e strette, dipinte di rosso e d’oro, con trono, baldacchini e imponenti figure mitologiche a prua a sfidare mari e tempeste. In realtà la navigazione del Re su queste barche avveniva solo in casi eccezionali e ed era premura dei sudditi azionare le chiuse 4 giorni prima di modo che le acque del fiume fossero totalmente piatte al passaggio di sua Maestà.

Dagli ori e i fasti della Bangkok sacra all’accogliente casa-giardino di Pon, che nella sua umile cucina ci insegnerà i segreti delle ricette Thai. Un passaggio al mercato (per molti ma non per tutti) per acquistare spezie e verdure fresche e siamo pronti a spadellare: salsa di chili rossa e verde, zuppe di cocco, Pad Thai, gli involtini di verdure, il Massaman Curry.

 

Cuciniamo e chiacchieriamo coi ragazzi: sono canadesi, australiani e francesi e stanno girando la Thailandia nel loro anno sabbatico.

La Bangkok frenetica sembra lontana, lontanissima.

O forse no, forse è appena dietro quel muro del giardino di Pon. Forse la grande bellezza di Bangkok sta proprio qui, nei suoi incredibili contrasti.

Commenta

VitaDaTurista

VitaDaTurista

Novità da Vita da Turista