New York, alla scoperta degli angoli alternativi della Grande Mela

Se state programmando la vostra vacanza e pensate di fare un viaggio sostenibile il primo pensiero non va certo a New York, la grande metropoli degli USA di quasi 9 milioni di abitanti, capitale dell’omonimo stato.

Generalmente si pensa che chi vi si reca vada prevalentemente per fare shopping, per partecipare alla vita notturna con i suoi famosi spettacoli e per passeggiare a Manhattan tra la sfavillante Times Square e l’elegante Fifth Avenue. Invece non è proprio così, immancabilmente si prenderà parte a queste attività ma ve ne sono moltissime altre alternative da praticare.

Pensiamo solo ad una camminata al Central Park, una volta entrati in questo grande parco cittadino, che vanta una superficie di quasi 305 kmq, ci si sente completamente isolati dal traffico circostante. E’ una vera e propria oasi dove è anche possibile praticare il birdwatching in quanto vi sostano diverse specie di uccelli migratori. Percorrendo questo “polmone verde” si possono fare degli incontri interessanti con  gente locale intenta a praticare un po’ di sport, con musicisti e cantautori.

scoiattolo a new york

Anche a lui piace l’idea di una New York… sostenibile! 

Anche al Battery Park, situato di fronte all’imbarco per i traghetti che portano alla Statua della Libertà, le occasioni per fare conoscenza non mancano. In questo caso con i simpatici e socievoli scoiattoli che, intenti a cercare il cibo sotto le foglie,  non esiteranno ad avvicinarsi a voi per prendere delle noccioline.

Esistono dei tour  guidati  per visitare la “Grande mela” a piedi e scoprire gli angoli più nascosti e suggestivi che molto spesso attraverso il finestrino di un autobus o di un taxi non si possono scorgere. Ad esempio nel distretto di Brooklyn per vedere la Street art con i suoi enormi murales e gli artisti al lavoro con i loro vari stili e colori. Una volta attraversato il ponte che lo separa da Manhattan ci si troverà in una realtà differente, percepibile fin dalla prima occhiata, fatta di casette in stile vittoriano al posto degli altissimi grattacieli.

Pure una sosta ad Harlem non va tralasciata per assistere a uno spettacolo di Gospel, in una delle numerose chiese, dove il ritmo della musica vi trascinerà in un’irrefrenabile allegria. Va ricordato che New York è conosciuta anche per i suoi musei, alcuni dei quali sono i più importanti al mondo, come il Metropolitan Musem. Se in aggiunta volete visitare qualcosa di diverso potete optare per  il Bronx Museum of the Arts situato proprio in quest’aerea.

Questo articolo e tanti altri che compongono la rubrica Turista Sostenibile sono curati da Monica Losen – Maradise Viaggi. Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina Facebook di Monica Losen – Maradise Viaggi.

Commenta

VitadaTurista

VitadaTurista