Festa di compleanno a Osh

E siamo ancora a Osh. Siamo bloccati in questa città. Stiamo provando in ogni modo di far entrare Bianchina in Cina. Sono cinque giorni che facciamo il possibile e l’impossibile, ma ci viene di nuovo il permesso di attraversare la quattordicesima dogana. Martedì avremo la risposta definitiva al nostro ultimo tentativo, poi dovremo prendere una decisione.

Nel frattempo non stiamo certo con le mani in mano e andiamo a visitare la Montagna di Sulayman, chiamata anche Trono di Salomone, che fa parte del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO dal 2009. C’è da fare una camminata di mezz’ora circa per raggiungere la sommità, ma noi prendiamo una scorciatoia andando per campi e arrampicandoci su qualche roccia. In quindici minuti siamo in vetta! Ormai la Montagna di Sulayman è un posto più che turistico ma un tempo era un famoso luogo di pellegrinaggio e si dice che lo stesso Maometto ci sia venuto a pregare. Dalla cima c’è una bella vista su tutta la città ma la cosa che ci fa stare meglio in questo momento è avere a disposizione una bottiglia di acqua fredda: anche se la camminata è stata corta, il sole è alto e c’è un caldo infernale.

Riscendiamo di corsa e ci dirigiamo al nostro hotel. Oggi è sabato 13 luglio. C’è l’inaugurazione della piscina ed è il compleanno di Nicola. Decidiamo di festeggiarlo in costume, con i piedi a mollo e in mano una bella birra ghiacciata. Ai bordi della piscina c’è gente e un gruppetto di ragazze russe appena arrivate. Sono in vacanza e le aspettano cinque giorni di scalate tra le montagne nei dintorni di Osh. In questi giorni, infatti, abbiamo scoperto che questa città è meta di molti scalatori e vi giuriamo che non potrebbero scegliere posto migliore e noi di montagne sì che ne abbiamo viste.

Tra un bagno, una birra e una risata, è ora di cena. Andiamo in un ristorantino non distante dall’hotel. Ottima cucina e prezzi incredibili, riusciamo sempre ad accontentare il nostro stomaco con non più di 6 dollari in due. Stavolta ci regaliamo qualche spesa extra per qualche birra in più, ma c’è pur sempre un compleanno da festeggiare! La notte è giovane e si cominciano i festeggiamenti, ma anche stavolta teniamo per noi dettagli. Sapete com’è, la privacy!?

Vi diciamo solo che il giorno dopo, domenica mattina, ci svegliamo tardi ma in forma, con l’idea di restare tutta la giornata in piscina e lasciare le preoccupazioni a lunedì. La giornata però è pessima, tuoni e fulmini riempiono il cielo, la pioggia scende inesorabile per tutto il giorno. Siamo costretti a rimanere in stanza, ci distruggiamo con un torneo di carte che non vedrà mai fine e prima di andare a dormire facciamo una preghierina per il buon esito del nostro ultimo tentativo. Vi teniamo aggiornati…

VitadaTurista

VitadaTurista


Novità da Vita da Turista