Una notte ad Hanoi

Notte ad Hanoi (e che notte!)

Una notte ad Hanoi

Avremmo dovuto passare una notte a Cat co 2 e non vedevamo l’ora: una spiaggia bianca con acqua cristallina! Purtroppo il meteo non ha voluto; tuoni, fulmini e pioggia inondano la piccola isola e, insieme a tanti altri che avevano prenotato il tour per più di un giorno, siamo trovati costretti a rientrare ad Hanoi a causa delle tempesta che non terminerà prima di sabato. Peccato!

Una notte ad Hanoi

Avremmo dovuto passare una notte a Cat co 2 e non vedevamo l’ora: una spiaggia bianca con acqua cristallina! Purtroppo il meteo non ha voluto; tuoni, fulmini e pioggia inondano la piccola isola e, insieme a tanti altri che avevano prenotato il tour per più di un giorno, siamo trovati costretti a rientrare ad Hanoi a causa delle tempesta che non terminerà prima di sabato. Peccato!

La nostra prossima tappa sarebbe stata Sapa, piccola villaggio al nord, con paesaggi mozzafiato, risaie a perdita d’occhio e un bel trekking ai villaggi tribali circostanti. Purtroppo salta tutto a causa della pioggia e decidiamo di prendere un autobus e attraversare il confine del Laos fino a Luan Prabang. Purtroppo siamo nella stagione dei monsoni e non si può mai sapere quando una tempesta può iniziare o finire. Passiamo così un’altra serata ad Hanoi. L’idea è quella di una serata tranquillo ma il destino ha voluto il contrario!

Incontriamo delle persone fantastiche, si crea subito un buon feeling e si forma un bel gruppo di una dozzina di persone. Incontriamo anche una coppia che ci segue su Vita da Turista. È bello scoprire di essere famosi!! Ci riconoscono e si uniscono a noi per un paio di birre. Purtroppo per noi, le birre non sono solo un paio. Ci siamo tutti e da tutti il mondo: inglesi, israeliani, canadesi, irlandesi, australiani, lettoni, polacchi, tedeschi, donne e uomini. Beviamo e chiacchieriamo, ci raccontiamo le nostre avventure e i nostri viaggi. Finché la polizia non ci sfratta dal nostro angolo. Qui i locali a mezzanotte chiudono e non si può bere per strada. Ma la nostra serata non può certo finire così!

Entriamo in un locale a porte chiuse. Entriamo da una porta sul retro e … la festa continua! Musica ad alto volume, bottiglie di birra e cocktails che ci passano tra le mani come se niente fosse, continuiamo a festeggiare fino al mattino, finché non ci buttano fuori anche da questo locale. Fosse stato per noi questa serata non avrebbe avuto mai fine. Come al solito, ci incontriamo solo verso le 7 del mattino. Ci diamo il buongiorno e ci buttiamo a letto. Ma non in stanza, nel dormitorio, un corridoio pieno di letti! Quando siamo arrivati eravamo soli ma nel frattempo si è riempito. Tutte ragazzi, siamo gli unici due maschi. Camminiamo tra i letti, sbronzi e in mutande, e facciamo amicizia. Capiscono il nostro stato (altro che fascino!) e per cortesia si fermano a chiacchierare.

Ah, la cosa più bella però è un’altra. La serata è stata completamente pagata dalla vincita del torneo a biliardo. Abbiamo vinto 600.000 dong (sono poco più di 30 euro, sembrano pochi ma non lo sono) e altrettanti ne abbiamo spesi per il divertimento! Ora ci aspettano un paio di ore di sonno e poi 25 ore di autobous. Stiamo arrivare in Laos, stato numero 15, ma dobbiamo ammettere che ci dispiace lasciare il Vietnam così presto. Purtroppo però contro il meteo avverso non si può combattere. Laos, aspettaci, stiamo arrivando!

VitadaTurista

VitadaTurista


Novità da Vita da Turista