Sognando la Thailandia 2015, le prime esperienze dei nostri viaggiatori… sportivi!

Pronti, via! Atterriamo all’aeroporto Suvarnabhumi di Bangkok. Basta uscire in strada alla ricerca di un taxi che subito capiamo di essere atterrati nella magia del Sud Est asiatico. Taxi verdi, viola, gialli e blu. Umidità e colore che incollano i vestiti alla pelle. Aria condizionata al massimo ovunque, compresi gli stessi taxi, i 7 Eleven e lo skytrain. Mani giunte e capo chino e un sorriso che non manca mai. Ben arrivati in Thailandia.

Ci dirigiamo verso Pattaya, che dall’aeroporto di Bangkok dista 145 chilometri o giù di lì. Sappiamo poco di questa città: c’è chi si reca qui per la vita notturna senza freni, chi per praticare il Muay Thai e chi per rilassarsi con la famiglia. Un nesso logico che non s’incontra mai.

{loadposition adsenstestuale}

Quale miglior modo di scoprirlo se non vivendo questa città? 

Sognando la Thailandia 2015: da Bangkok a Pattaya

Siamo atterrati a Bangkok e ci siamo diretti immediatamente a Pattaya. Il nostro programma prevedeva una settimana di allenamenti dedicati al Muay Thai. Riusciremo a diventare dei veri e propri campioni?Siamo Daniel, Federica e Sara ed ecco com’è iniziato tutto! [anche in HD]#sognathai15 #particonunafoto #tatroma

Posted by Vita da Turista on Lunedì 7 dicembre 2015

Una volta addentrati nella cittadina, dopo aver percorso il lungo mare sulla Beach road con i colori delle insegne mi sono incredibilmente e inspiegabilmente sentito nuovamente a casa. A differenza di Federica e Sara, è la terza volta che metto piede nella terra del sorriso e questi colori, mischiati ai profumi, ai sapori ma anche agli odori di queste città, mi fanno percorrere tutti quei chilometri di distanza in un batter d’occhio. Così come i carretti fumanti o i cucchiai sbattuti nei pentoloni, pronti a preparare l’ennesimo pad thai a 60 baht.

Thailandia, una foto dal futuro. Qui sono già le 19 e domani inizia la nostra grande avventura all’insegna del binomio sport e turismo!#sognathai15 #particonunafoto #tatroma

Posted by Vita da Turista on Mercoledì 2 dicembre 2015

Federica, alla prima esperienza in Thailandia la pensa come me. A primo impatto noti il traffico, il frastuono dei motorini, il susseguirsi di palazzi, il rincorrersi dei taxi. Poi ti fermi un attimo e ti accorgi del resto: delle persone, degli odori, dei sapori, di tutto quello che ti entra dentro e che rimane impresso ben oltre il primo sguardo. Una città coloratissima, con tante cose da fare e scoprire, che a primo acchito non diresti mai. Al che non resta che addentrarvici, montare in sella al primo moto-taxi disponibile e lasciarsi trasportare da queste due ruote che scivolano come onde lungo i vicoletti di questa città.

Il moto-taxi, il tuk tuk e chissà quanti altri mezzi ancora esistono nelle vie di questa colorata città della Thailandia dell’est. L’importante è sempre arrivare a destinazione no? E come dicono qui “Mai Pen Rai”, una specie di “Hakuna Matata” tradotto in lingua thailandese. Vivi senza pensieri! 

Perché a noi piace viaggiare comodi!Sapete come si chiamano questi taxi qui in Thailandia? Sono simili ai Tuk Tuk ma…

Posted by Vita da Turista on Lunedì 7 dicembre 2015

E’ ora di provare il Muay Thai. Forza, intuito, precisione, astuzia, potenza e velocità d’esecuzione. E’ questo il riassunto di questa disciplina. Abbiamo un istruttore che ha vinto più di 120 incontri in carriera e in ogni passo e movimento che ci insegna c’è ancora la stessa passione che lo ha portato ad alzare quella mano al cielo in segno di vittoria per più di cento volte. Vero, caro Leonard?

Abbiamo raccolto in un video la nostra prima lezione di Muay Thai a Pattaya.Sembriamo quasi dei professionisti? Fateci sapere![Il video è anche in HD]#sognathai15 #particonunafoto #tatroma

Posted by Vita da Turista on Giovedì 3 dicembre 2015

Anche Sara la pensa alla stessa maniera e se le chiedi di riassumere questa disciplina in tre parole non ha dubbi: tecnica, agilità e concentrazione. Questo sport è uno di quelli che pensi “ma io non ce la farò mai” e invece in ogni goccia di sudore che cade sul ring, c’è un continuo miglioramento che, a fine lezione, ti porterà a dire “ma sai che non era per niente male?”

La magia del principiante svanisce quando nel ring entrano due bimbi che avranno un quinto dei tuoi anni e saltano come se fossero dotati di speciali molle sotto la pianta dei piedi. Il loro entusiasmo ci coinvolge e il loro pantaloncino super colorato da Muay Thai attira la nostra attenzione. La loro invece è catturata dai nostri telefoni con i quali cerchiamo di riprendere le nostre peripezie sul ring, mentre i loro sorrisi diventano l’argomento principale della giornata e di quelle successive.

Anche Leonard si appassiona giorno dopo giorno, vedendo i nostri miglioramenti e durante gli allenamenti non ci stacca un attimo gli occhi di dosso: “dai un calcio con il piede posizionato così”, “sposta il bacino di lato, sarai più veloce”, “mantieni sempre la guardia, non nasconderti dietro un guantone” e così via, mostrandoci quanto sia ancora fulmineo nei suoi movimenti nonostante abbia abbandonato il ring da un po’ di anni.  

Inizia una nuova giornata all’insegna del Muay Thai qui a Pattaya.Regola numero 1: mai abbassare la guardia.#sognathai15 #particonunafoto #tatroma

Posted by Vita da Turista on Sabato 5 dicembre 2015

Siamo soltanto all’inizio della nostra avventura e abbiamo già imparato che il Muay Thai potrebbe essere una delle nostre novità appena rientremo in Italia. Chissà quante altre novità ancora ci aspettano?

Commenta

VitadaTurista

VitadaTurista

Novità da Vita da Turista